Ricerca

» Invia una lettera

Scivolar sul Sempione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

21 dicembre 2009

Gentile direttore, non so a chi competa la manutenzione delle strade ne chi debba provvedere a renderle agibili quando le condizioni meteo, come in questi giorni, possono creare disagi. Forse non lo so perchè ho un’innata fiducia che tutti compiano il loro dovere, anche le amministrazioni pubbliche.
Sabato ho percorso in auto diverse strade anche secondarie nella bassa provincia (Vergiate, Golasecca, Somma) senza alcun problema e con strade che erano ben sgombre da neve e ghiaccio. Nel tratto della statale del sempione (SS33) fra Casorate e Gallarate, quindi non di
certo un tratto secondario, invece mi sono trovato uno spettacolo di una strada che di certo non avrebbe sfigurato come pista di pattinaggio alle olimpiadi invernali. Il sale a terra? Io non l’ho ne
visto ne sentito alla guida.
Sabato, a parte la coda infinita proprio in quella posizione, ne sono uscito indenne, pensando però che se quello era il risultato di una nevicata annunciata, chissà se fosse stata improvvisa!
Domenica mattina ho dovuto percorrere lo stesso tratto nella direzione opposta: avrei potuto fare un’altra strada ma la mia fiducia (malriposta) mi ha fatto pensare che certamente la strada sarebbe stata nella notte resa agibile da chi di competenza. E invece no, ancora un’enorme lastra di ghiaccio. Non credo che in quel tratto vi sia un microclima particolarmente ostico, quindi deduco che chi di competenza non ha fatto la dovuta manutenzione. Risultato? Una macchina che procedeva nel senso opposto al mio è slittata e due macchine che provenivano da dietro non hanno potuto far altro che impattarla. Nel mio senso di marcia a causa di questo sono stato tamponato. 5 macchine coinvolte. Fortunatamente nessuno si è fatto male seriamente ma oltre
ai danni materiali alle automobili credo che una volta di più ci resterà la convinzione che le amministrazioni pubbliche non danno il buon esempio!
Due note a margine. Mi hanno preoccupato moltissimo le persone che scendendo dalle loro auto incolonnate a causa dell’incidente chiedevano se potevano passare: caspita, prima chiedi se si è fatto male qualcuno! Ma fino a dove si può spingere l’egoismo? A ritenere il proprio transito più importante della salute delle persone?
Altro problema, chi chiamare: il 113 ha riferito non essere sua competenza intervenire, la polizia locale di Gallarate chiedeva se fosse sul territorio di Gallarate o Casorate (domanda legittima, ma i confini dei comuni non sono certo la prima cosa a cui pensa un incidentato). Una pattuglia (cordiale) della polizia locale è venuta a darci una mano anche se fuori da Gallarate non poteva assumersi responsabilità, la polizia locale di Casorate non aveva nessuno in servizio disponibile. Alla fine sono intervenuti i carabinieri. Forse nel meccanismo della chiamate di soccorso c’è da garantire che chiamando un numero unico si provveda a risolvere il problema, perchè al cittadino poco importa di chi sia la responsabilità, ma solo che l’amministrazione pubblica lo supporti quando ne ha bisogno, specie in questa occasione in cui il ghiaccio sulla strada non era certo una
mancanza di privati.
Un sereno Natale a tutti, sperando che la nevicata annunciata per oggi non crei i medesimi problemi.

Giorgio Infante

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.