Ricerca

» Invia una lettera

Scopro che c’è un’emergenza idrica. Ma i politici cosa fanno?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

18 aprile 2007

Un veloce appunto circa la situazione idrica: scopro tra le righe di vivere in una delle zone più ricche d’acqua d’europa. Sono di Azzate (collina, quindi dove l’acqua necessita di forte pressione per giungervi) e l’anno scorso ho passato una settimana (7 giorni) senza vedere uscire un goccio d’acqua dai rubinetti e recandomi a Varese per fare la doccia alla sera. Bene, mi sono detto, superata questa emergenza ora hanno tutto il tempo di fare interventi perché tale emergenza non si verifichi più. Trascorso un anno, in una provincia con tanta acqua che potremmo bastare al fabbisogno di mezza Africa, mi ritrovo il mio paesello nella stessa identica situazione.

Poi qualcuno mi dà dell’irresponsabile e scevro di senso civico quando dico che, in vita mia (ho 29 anni) ho votato solo una volta, a 18 anni.
Credo di non dover aggiungere altro. Scrivo a Voi perché sempre prontissimi nel recepire le opinioni dei lettori. Magari potreste andare a chiedere ai sindaci di Daverio, Azzate etc. cosa esattamente è stato fatto per evitare l’emergenza idrica.

Grazie e buon pomeriggio.

Nicola Martegani

Nicola Martegani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.