Ricerca

» Invia una lettera

Sicurezza si salvi chi può

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

25 ottobre 2007

Egregio Direttore, in riferimento agli argomenti sicurezza, giustizia, immigrazione, l’unica considerazione che mi viene da fare è di lanciare il fatidico urlo “ SI SALVI CHI PUOOO’!!!”
Dopo i recenti fatti accaduti a Gallarate (la mancata rapina in casa di nostri concittadini) la soglia di allarme sociale è stata superata anche in queste nostre città dell’alto milanese.
Per questi aspetti la politica e deficitaria, è lenta nel percepire i cambiamenti economici, sociali ed è inadeguata per governare i fenomeni, fare prevenzione o legiferare.
E’ inadeguata perché per affrontare i problemi, i politici utilizzano il metro dell’ideologia o estrazione culturale del partito di appartenenza, ed infine per alcuni per interesse personale.
Voglio sottolineare che non esiste democrazia se la legge elettorale non permette di SCEGLIERE da chi deve essere governato o amministrato, di conseguenza i cittadini devono essere più attivi e presenti sulla scena politica in modo da conoscere le qualità, le competenze, la moralità dei candidati e non risolvere il dovere civico solo nel tempo di qualche secondo concesso nella cabina elettorale.
E’ questa la risposta che voglio dare al dibattito acceso su questo giornale sulle quote rosa, i giovani e la politica, per me le donne potrebbero essere in quota al cento per cento, così pure i giovani, potrebbero essere tutti anziani ma quello che conta, sono le competenze, le qualità, la moralità del candidato.
Per evitare che le mie considerazioni siano di circostanza, vorrei far conoscere come la politica ha attuato o ha intenzione di attuare provvedimenti su alcuni aspetti della nostra vita.
Negli ultimi anni si sono intensificate le truffe a danno degli anziani, la risposta della politica è: sensibilizzare al problema gli anziani attraverso vari media, punto.
Oppure, istituire un fondo (pagato dai cittadini) per risarcire le vittime.
Certo potremo essere anche d’accordo su queste decisioni ma risolve il problema?
Questo tipo di soluzione non incoraggia i truffatori? Tutto sommato essi potrebbero pensare: che male faccio se poi verranno rimborsati?
In tema di sicurezza (o sicurezza creativa) il comune di Milano, ha acquistato un primo lotto di 3 modellini di elicotteri radiocomandati (150.000 euro) forniti di telecamera nell’ambito della sicurezza dei cittadini.
Premetto che i modellini giacciono inultilizzati, ne lascio alla fantasia dei lettori il probabile utilizzo.
Non sono contrario alla tecnologia (sono un tecnologo), ma avrei visto questo tipo di apparecchiatura utilizzata dai Carabinieri o dalla Polizia per missioni particolari.
Teniamo conto che per pilotare un elicottero radiocomandato è necessaria una esperienza di anni ed un continuo allenamento.
Infine l’immigrazione, anche in questo caso, il fenomeno è stato SOTTOVALUTATO, NON GOVERNATO.
Un esempio, tutti eravamo a conoscenza che centinaia di migliaia di persone venivano in Italia, vivevano e dormivano presso le nostre famiglie per svolgere la mansione di badanti, con o senza permesso di soggiorno con o senza contributi ecc., dopo un certo numero di anni un certo governo “un giorno si è svegliato si è accorto del problema” cosa fatta capo ha, ed ha rabberciato una legge sulle badanti, dimostrando come il fenomeno non è stato previsto in anticipo, non è stata attuata una legge che ne regolamentasse le regole e i diritti, e neanche le mansioni.
E’ fuori di dubbio che da qualunque punto di vista lo vogliamo analizzare e capire, esso per i suoi aspetti sociali, economici, religiosi, culturali, politici, impatta ed impatterà con la nostra vita di ogni giorno, in maniera sempre più consistente.
Riusciremo a valutare ed ad eleggere rappresentanti qualificati i quali esprimeranno una politica di qualità oppure dobbiamo rassegnarci e pronunciare la frase “Si salvi chi pùò?”
Grazie dello spazio concessomi.

Felice Ferrazza - Gallarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.