Ricerca

» Invia una lettera

Sono soldi sprecati!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

18 aprile 2009

Di fronte alle condizioni drammatiche che stanno vivendo gli abitanti dell’Abruzzo, a cui va tutta la nostra solidarietà, ci saremmo aspettati una risposta adeguata da parte dello Stato e non facciamo riferimento certamente alla gestione dell’emergenza da parte della Protezione Civile, alla quale va tutto il nostro plauso, anche se va sottolineata come non sia stato fatto nulla nei 4  mesi precedenti,durante i quali le scosse di terremoto si sono susseguite creando apprensione e panico nelle popolazioni alle quali sono sempre state date risposte rassicuranti.
Alla fine il terremoto è arrivato ed è scattata l’emergenza e chiunque governo si sarebbe dovuto muovere come questo.
Ci auguriamo che la magistratura, che ancora una volta dovrà supplire alle mancanze della politica, sappia fare piena luce sulle responsabilità di chi ha costruito in tempi recenti tutte le strutture che sono crollate come castelli di sabbia.
Ci auguriamo che la ricostruzione sia fatta in modo decisamente diverso rispetto al passato e soprattutto senza sprechi.
Il governo sta pensando come e dove recuperare i 12 miliardi di €, che sono i soldi che servono per la ricostruzione, secondo il ministro Maroni.
Si parla di nuove tasse, di una tantum, di aumento dell’accisa sulla benzina , di una lotteria dedicata agli aiuti e di un prelievo dai fondi dell’ 8 per mille.
Insomma si stanno cercando i soldi e proprio perché  non ce ne sono molti , vista anche la crisi economica che staiamo vivendo,  il governo che fa ?
Invece di usare la saggezza del buon padre di famiglia che in momenti di difficoltà stringe la cinghia, che sta attento a come spendere i soldi, il governo Berlusconi spreca 460 milioni di € per non far svolgere il referendum, indetto per modificare l’attuale legge elettorale , detta anche porcellum o porcata come la definì il suo inventore ( il leghista Calderoli) lo stesso giorno delle elezioni europee. E questo perché? Perché la LEGA non vuole. Perché la Lega è contraria all’ election day?
Perché la Lega con Bossi in testa , con tantissima dose di cinismo, vorrebbe che il referendum fallisse. Non vogliono la riforma elettorale. Hanno paura che se si raggiungesse il quorum e vincessero i SI , si avrebbe come effetto quello che il premio di maggioranza andrebbe al partito e non alla coalizione che prende più voti.
In questo caso si andrebbe sempre di più verso un sistema bipartitico ed i leghisti hanno paura di diventare delle semplici comparse della politica nazionale senza potere di ricatto nei confronti di Berlusconi, come ha dimostrato anche in questa occasione minacciando , secondo la versione fornita da Berlusconi, la crisi di governo se si fosse andati verso l’accorpamento.
Berlusconi naturalmente ha ceduto al ricatto leghista.
Loro Berlusconi e soci cercano i soldi e ne sprecano 460 milioni di €… Maroni ha detto che non è vero,  sarebbero solo 173 i milioni… Ma anche se fosse così questi soldi che sono nostri , italiani e non padani, farebbero molto comodo agli abruzzesi che da 10 giorni vivono in tenda, dove tutto è precario e dove il disagio aumenta sempre di più.
 
Ma tutto questo al cinico Bossi  ed alla Lega non interessa affatto. A loro interessa solo la loro sopravvivenza politica.
 
 
 
Francesco Liparoti ( Sinistra Democratica di Tradate)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.