Ricerca

» Invia una lettera

Su Alitalia dibattito surreale

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

2 gennaio 2009

Caro direttore,

è imbarazzante anche per me, che pure frequento volentieri questa rubrica, constatare come anch’essa, in merito alla vicenda Alitalia, rispecchi il carattere surreale (letteralmente: “al di fuori di ogni controllo della ragione e di ogni preoccupazione morale”) ormai dominante in quasi tutti temi del confronto politico.

“Se le scelte di Alitalia fossero quelle anticipate nel piano industriale attuale sarebbero ancora peggio del piano di Prato e di Prodi e non ci sarebbe stato bisogno della cordata”. Sono parole dell’assessore regionale di Forza Italia, Raffaele Cattaneo. Le si legge, ben nascoste in un testo di otto colonne fitte fitte, sulla Prealpina.

Questa è la realtà, a fronte della quale qui si discute sul grana padano, sul passato e presente politico della Jervolino, e addirittura sui meriti del Governo su Alitalia (forse perchè costa alle nostre tasche ‘solo’ 2 miliardi e mezzo di euro).

Eppure un anno fa i giornali erano pieni di dichiarazioni di fuoco contro il governo Prodi e il piano Prato che penalizzava Malpensa.

A Varese abbiamo dovuto perfino rifare le elezioni provinciali dopo 8 mesi, per consentire all’ex Presidente di andare a Roma a difendere Malpensa.

Da qualunque parte si guardi questa vicenda, da quella del “patriottismo tricolore” o di quello padano, dagli interessi del turismo italiano o delle imprese del nord, per non dire della credibilità del sindacato, essa appare ormai come la più grande presa in giro dell’opinione pubblica italica (e nordista) degli ultimi 20 anni. “Contratto con gli italiani”, a parte, in quanto giustamente fuori categoria.

E dunque, per carità di patria (verde o tricolore), meno se ne parla e meglio è.

Saluti cordiali

R. C.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.