Ricerca

» Invia una lettera

Superstrada Cantello-Gaggiolo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

4 agosto 2011

Buongiorno sig. Direttore,
le scrivo per manifestarle il mio profondo disappunto nell’avere scoperto che da ieri e’ stata rifatta la segnaletica orizzontale sulla superstrada che collega la Folla di Malnate – Cantello – Gaggiolo ed e’ stata introdotta la doppia riga continua con divieto di sorpasso su tutta la strada in oggetto compreso il maxi rettilineo di circa 3 km. Trovo che questa sia la solita manovra votata all’esigenza di fare cassa sulle spalle dei soliti automobilisti perchè non e’ possibile a mio giudizio mettere la doppia riga su un rettilineo di tale lunghezza su una strada a doppia corsia dove in realtà la larghezza della carreggiata non e’ certo un limite per le manovre di sorpasso. In questo momento per chi si sposta dalla dogana del Gaggiolo in direzione Gazzada/Autostrada non esiste piu’ un punto dove poter sorpassare se non sulla Tangenziale di Varese, chi si trova davanti un mezzo pesante e’ costretto a tenerselo a passo di lumaca per svariati chilometri.
Sicuramente nei prossimi giorni spunteranno fior di pattuglie pronte a controllare e far rispettare il nuovo divieto a suon di multoni che ingrassano le casse mentre verrà sbandierata come sempre la “sicurezza” come argomentazione di supporto alla decisione. Trovo singolare che le stesse pattuglie fino ad ora non si siano mai viste per verificare quello che succede ormai da qualche anno in prossimità del centro commerciale di Gaggiolo dove il pericolo di incidenti e’ all’ordine del giorno perchè nonostante la doppia riga continua ed il divieto di svolta immancabilmente si e’ costretti al rischio mortale per evitare gli incoscienti che escono dal centro commerciale svoltando in direzione Varese oppure quelli che provengono dalla dogana e svoltano dalla superstrada per non allungare di 200 metri il percorso percorrendo la corretta strada posteriore. In termini di sicurezza mi sarei aspettato da tempo di vedere qualche pattuglia che vigilasse su quel punto pericoloso o ancor di piu’ che in corrispondenza del centro commerciale si fosse fatto un new jersey di qualche decina di metri fra le due corsie per inibire completamente la possibilità di svolta.
Purtroppo ancora una volta abbiamo perso una buona occasione per dimostrare veramente cosa vuol dire avere a cuore la sicurezza e ancora una volta i fabbisogni di cassa hanno avuto la meglio su qualsiasi altra priorità.
Purtroppo la sorte dei poveri automobilisti che già fanno coda perenne dalla tangenziale fino a Gazzada sarà quella di essere costretti ad accodarsi direttamente da Gaggiolo e di mettersi l’anima in pace con un serpentone di auto da 15 km
 
Grazie Italia!
Cristian Santinon

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.