Ricerca

» Invia una lettera

Tolleranza, il principio è sempre quello

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

6 aprile 2009

Caro direttore,
Silvano M. ha ragione da vendere, ma la cosa giusta che dice (le nostre radici antropologiche e storiche ci avvicinano molto di più di quanto non pensiamo) è condita da un di più di sarcasmo che suonerà senz’altro ostile all’orecchio di molti e già mi vedo la raffica di repliche.  
Proviamo a dirla in positivo: ogni atto umano che non mortifichi la libertà e la dignità del proprio simile può essere ben accettato. I gesti e le tradizioni di un popolo, possono non essere compresi da altri: allora è bene che restino confinati (‘radicati’) nello spazio e nel tempo che gli sono propri.
Questo andava bene all’epoca in cui ci muoveva a piedi e non esistevano né Tv né internet: oggi stabilire confini è più complicato (una volta al venerdì santo la Rai sospendeva il Carosello: ma era l’unica TV, oggi anche a farlo nessuno lo noterebbe).  
Ora si deve imparare a vivere nel villaggio globale, ad accettare una cultura multietnica e per farlo forse bisogna darsi regole un po’ diverse, ma non possiamo stravolgere il principio di tolleranza, che è la condizione per vivere in pace.
Ognuno ha diritto ai ‘segni’ della propria identità, ma è sbagliato esibirli contro gli altri.
Come è sbagliato negare agli altri i loro ‘segni’, quando non sono esibiti contro di noi.
 
Saluti cordiali
 

Ismaele

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.