Ricerca

» Invia una lettera

Tranquilli, non sono fatto per emergere

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

19 settembre 2011

Cara VareseNews,
per la mia ultima lettera in amicizia ma in polemica con Giovannelli ho ricevuto una telefonata di rimprovero niente meno che da Peppino di Biase, ultimo assessore socialista a Varese (in giunta con Salvatore Furia, Pietro Macchione ed altri minori) , nonche’ mio padre, al quale non e’ piaciuta l’espressione "meglio ladri che leghisti". Mio padre, che non e’ lettore di VareseNews, mi comprende, ma mi ha chiesto di rettificare.
Sono rimasto sorpreso della sua telefonata, perche’ questo vuol dire che alla mia lettera e’ stato dato un risalto particolare, forse immeritato rispetto ad altre lettere da me scritte in passato.

Voglio dunque tranquillizzare coloro che potrebbero prendersela troppo per quello che scrivo. Nonostante quel che emerge dalla mia "penna velenosa" chi mi conosce sa che io non ho una personalita’ che possa emergere e dare fastidio, non posso ambire alla politica o a quello che possa considerarsi un autentico successo professionale. Non sono uno che emerge, anzi affondo e qualunque cosa utilizzi per stare a galla finisce per prendere con me la via dell’abisso: cosa questa che in passato mi ha preoccupato non poco, ma che ho imparato ad accettare come il mio particolare modo di vivere.

Nel 1982 partecipai ad un concorso di disegno promosso dalla sezione "Alesini" del PSI, quella che aveva sede in via Gradisca. Si festeggiava il centenario del partito ed io vinsi con un disegno dell’ "eroe dei due mondi".

Per il resto ho avuto ben pochi successi: qualche gara di atletica, una laurea in ingegneria piuttosto sudata, un’inizio sfolgorante alla DASA di Monaco di Baviera. Il resto tutta discesa, che, lo riconosco, e’ anche un vantaggio.

Quando mi sposai mia moglie capi’ subito con chi aveva a che fare.
Discutemmo brevemente su quale parte del letto occupare: poi lei si sdraio’ dalla parte interna della stanza ed a me, da allora, tocca il lato strada, quella piccola e sassosa che sale velocemente nel bosco, solo da poco parzialmente asfaltata.
Le donne capiscono subito di che pasta sei fatto.

Torno nel mio abisso dunque, e se riesco ci rimango.
;-)

Saluti a tutti.

Antonio di Biase

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.