Ricerca

» Invia una lettera

Tremonti copia visco, ma l’opposizione è criminale

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

2 settembre 2011

Caro direttore,
ha ragione Giovanni Focchi (19) a pensare che non basta il solleone d’agosto per ‘giustificare’ le incredibili scelte (e contro-scelte) del Governo, che nel suo editoriale ha ben collocato alla voce “imbarazzo della ragione”.
Finalmente però, in tanta confusione, ecco un lampo di luce: la dichiarazione di Berlusconi sull’”opposizione criminale”.
Finalmente, e non per caso, il nostro premier ripropone il suo copione preferito: la collaudata logica dello scontro e del
rovesciamento delle realtà torna comoda come arma di distrazione dalle scelte non gradite del governo.
Infatti capita che tra le proposte della maggioranza ci sia ciò che questa “opposizione criminale” mise in pratica quando era al
governo: la tracciabilità dei pagamenti, l’inizio delle liberalizzazioni, l’accessibilità delle denunce dei redditi…
A proposito di quest’ultima idea, che ora occupa senza scandalo le prime pagine dei giornali, è interessante ricordarne il precedente come lo racconta wikipedia:
“ Il 5 marzo 2008, il viceministro dell’Economia del governo Prodi, Visco, autorizza la pubblicazione su Internet delle dichiarazioni dei redditi riferite all’anno 2005; ne dispone però la sospensione lo stesso giorno, dopo poche ore, per le polemiche scaturite sull’attentato alla privacy e alla libertà degli italiani.” Adesso la si scopre una buona idea…
Di certo la confusione della memoria non è l’ultimo dei nostri guai.
Dopo di che, caro direttore, distribuiamo pure equamente le colpe tra maggioranza e opposizione, ma io resto convinto, parafrasando il vecchio Brecht che "Chi non conosce la storia è uno stolto, ma chi, conoscendola, la manipola è un delinquente."

Arrivederci ad ‘Anche io’ e saluti cordiali
 

Roberto Caielli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.