Ricerca

» Invia una lettera

Un calcio in bocca alla giustizia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

14 gennaio 2009

Gentile direttore di VareseNews,
ho letto l’articolo http://www3.varesenews.it/italia/articolo.php?id=116330 (” Vitalizio ai Ragazzi di Salò, Anpi sul piede di guerra”), e la legge 1360 ivi specificata, la quale nell’articolo 2 dice ” L’onorificenza è conferita a coloro che hanno prestato servizio militare, per almeno sei mesi, in zona di operazioni, anche a più riprese, nelle Forze armate italiane durante la guerra 1940-1945 e invalidi, o nelle formazioni armate partigiane o gappiste, regolarmente inquadrate nelle formazioni dipendenti dal Corpo volontari della libertà, ai combattenti della guerra 1940-1945, ai mutilati e invalidi della guerra 1940-1945 titolari di pensione di guerra e agli ex prigionieri o internati nei campi di concentramento o di prigionia, nonché ai combattenti nelle formazioni dell’esercito nazionale repubblicano durante il biennio 1943-1945. “, e nell’articolo 6 parla di 200 euro ogni fine luglio concessi quindi a TUTTE le persone italiane che hanno combattuto per la giustizia (partigiani) o per l’oppressione (fascisti), grazie al pretesto della buona fede, per fortuna NON CI SI DIMENTICA COMPLETAMENTE DELLE VITTIME della guerra (“invalidi” e “mutilati e invalidi della guerra”, tante civili, tanti civili, di tutte le età… però la parola “deportati” menzionata nell’articolo neanche esiste nella legge 1360 ) la quale sta sulla coscienza dei soli fascisti, PERCHE’ CI SI DIMENTICA COME i fascisti siano stati presi a modello dai nazisti e quindi c’è una ENORME RESPONSABILITA’ CIVILE dei fascisti che ricade direttamente sulla loro coscienza perché senza i fascisti non ci sarebbe mai stata la seconda guerra mondiale; senza l’odio inventato, firmato e manifestato dal Fascio verso i deboli (assolutamente contrario ai principi della civile convivenza) l’umanità non avrebbe mai sperimentato così tanta morte e distruzione in così pochi anni.
Questo dimostra che i fascisti (consapevoli o no) erano tutti colpevoli.
La colpa è una responsabilità anche se non è una intenzione, anche se manca la consapevolezza.
Molti omicidi sono classificati “omicidi colposi” (e non “omicidi volontari”) , puniti meno se mancano l’intenzionalità e la premeditazione, si tratta di minore gravità, MA RIMANGONO SEMPRE DELITTI e reati perseguiti dalla legge.
Se accettassimo e lasciassimo passare la legge 1360, se lasciassimo che tutti quei delitti colposi venissero premiati da un vitalizio annuale, sarebbe un calcio dato in bocca alla giustizia.
Discutere sul passato con chi sostiene che il male (Fascismo) era bene, non si può.
Aver riunificato le due Germanie… va bene.
Aver unificato l’Italia… va bene (anche se a qualcuno piacerebbe dividere il Paese in Nord e Centro-sud).
Ok, ok, ma unificare vittime e rei premiando sia i partigiani ancora presenti sia i rei ancora presenti, e addirittura dimenticando tutte le vittime ancora presenti e tutte le vittime che non ci sono più… si chiama giustizia?
Secondo me si chiama VERGOGNA.
Saluti.

Carlo Cattorini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.