Ricerca

» Invia una lettera

Valore e impegno civico nel giorno della Memoria

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

29 gennaio 2009

Caro direttore,

In questi momenti, nei quali si ricorda il Giorno della Memoria, i testimoni della SHOAH e le Associazioni
democratiche operano per far sì che il tutto non diventi una semplice circostanza di rito, e lo fanno perché, per fortuna, qualcuno crede ancora a determinati valori e in un preciso impegno civico.
Questi valori, quali la libertà, la giustizia , la difesa della vita e della dignità dell’uomo, sono alla base della nostra recente Storia repubblicana, che è stata scritta con il sangue versato dagli Alleati, fra i quali c’erano anche i soldati della Brigata ebraica, e dalle forze partigiane che combatterono per permettere a tutti noi di vivere in un Paese migliore.
Questo impegno civico è quello che fino ad oggi è stato d’insegnamento a tante generazioni di giovani per
favorire la loro crescita come cittadini di questo nostro Paese e questo impegno deve essere di supporto anche alle attuali nuove generazioni.
E questo è importante perché le nuove generazioni si trovano di fronte a “bombardamenti mediatici” che molto spesso non servono a far crescere in loro una giusta coscienza critica, che li possa farli diventare dei cittadini portatori di diritti e di doveri.
Allora nel Giorno della Memoria uniamoci e portiamo idealmente il nostro pensiero ai milioni di ebrei annientati nel lager nazisti ed a tutte le vittime di tanto odio.
Pensiamo, almeno per un minuto, a queste donne, a questi uomini, a questi vecchi, a questi bambini, che
amavano, che gioivano, che piangevano, che studiavano, che lavoravano che erano delle Persone come tutti noi.
Pensiamo ai loro volti, ai loro desideri mai realizzati, ha quello che avrebbero potuto essere o che
avrebbero potuto fare.
Pensiamo allo loro voglia di vivere finita molto spesso nel fumo di un forno crematorio.
Pensiamoci seriamente perché purtroppo anche in queste settimane abbiamo verificato che l’antisemitismo continua ad esistere e a persistere e sembra quasi che la storia non abbia insegnato nulla.
Pensiamoci seriamente perchè gli eroi che in questi anni ci hanno concesso il privilegio della loro testimonianza, per documentare l’orrore di quanto successe nella nostra Europa nel secolo scorso, stanno diventando sempre di meno.
Comunque, per nostra fortuna, le loro testimonianze sono consegnate alla Storia e, nonostante i tentativi di chi vuole negare la SHOAH, rimarranno per sempre scolpite nella memoria dell’Umanità.

Rossano Belloni, Presidente Associazione Italia Israele Varese-Alto Milanese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.