Ricerca

» Invia una lettera

Veloce e pericolosa la via Crispi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

30 dicembre 2013

Spett.le Sig. Direttore di Varese News
Spett.le Sig. Vicesindaco del Comune
di Varese n.q. di Responsabile del
settore Mobilità Urbana
Scrivo la presente lettera per segnalare una situazione di cui personalmente credo si debba prendere
atto.
Sono un residente della bella e veloce Via Francesco Crispi, in Varese. Bella perché la ritengo
una zona residenziale, non eccessivamente caotica e vicina al centro città, tutte condizioni che
consentono una buona gestione delle esigenze familiari.
Veloce perché, se qualcuno non se ne fosse accorto, essa sembra essere diventata una
succursale della autostrada dove, a qualsiasi ora del giorno e della notte, dei provetti automobilisti
tentano di oltrepassare diversi record temerari dimenticando di non trovarsi a gareggiare su pista.
Lo stato dei luoghi è tale da costituire un valido aiuto a costoro poiché, pur essendo la suddetta via
un tratto di strada lungo e rettilineo, non vi sono per terra dissuasori (che in altri contesti cittadini
abbondano), nessuna telecamera di controllo e gli attraversamenti pedonali potrebbero ben essere
migliorati.
Di questa situazione il sottoscritto è quotidiano testimone dal momento che, in qualità di
fortunatissimo genitore di una bimba di undici mesi, ogni volta che deve attraversare la carreggiata
con la pargola in braccio o sul passeggino si trova a dover tentare la sorte data la scarsa presenza
di presidi di contenimento della velocità e la contestuale perenne premura degli automobilisti.
La locuzione "tentare la sorte" non è affatto una esagerazione se si pensa che giusto nel
pomeriggio di ieri, 29 dicembre, lo scrivente mentre stava sistemando la propria figlia sul
seggiolino dell’auto è stato vittima di un incidente fortunatamente privo di conseguenze fisiche
per alcuno. Sta di fatto che un tizio ha ben pensato di colpire con la propria auto la portiera della
mia (enuncio in prima persona per migliore comprensione) mentre ero intento nella sistemazione
delle cinturine di sicurezza del seggiolino. Fortuna vuole che io fossi semiaddentrato nell’abitacolo
e che la bimba fosse già seduta. La portiera, purtroppo, ha avuto sorte peggiore (serissimo
danneggiamento).
Del conducente dell’auto pirata (certamente ben conscio dell’accaduto visto il notevole "botto"
dovuto all’impatto) nessuna notizia. Costui ha infatti ritenuto di dover proseguire nel suo veloce
percorso noncurante delle eventuali conseguenze fisiche che avrebbe potuto arrecare (e
fortunatamente mancanti) né dell’enorme spavento che ha procurato a me, alla mia piccola bimba
ed a mia moglie seduta in auto e che ha seriamente temuto il peggio per entrambi.
Spero che queste mie parole possano suscitare una maggiore sensibilità verso un incremento di
sicurezza in tutte quelle zone a rischio di elevata velocità lungo le strade urbane.
Ovviamente auguro al miserabile pusillanime pirata della strada un guasto dietro l’altro alla sua
automobile ed a quelle future, tutti gravi e che rendano inservibili i suoi mezzi di trasporto cosicché
sia costretto ad andare a piedi. Magari sarà meno pericoloso per la comunità tutta.
Grazie per l’attenzione ed auguri per il nuovo anno.

Francesco Militello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.