Ricerca

» Invia una lettera

Via Crispi è troppo pericolosa per i pedoni

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

22 dicembre 2013

Gentile Signor Sindaco Fontana,
venerdì 20 dicembre, alle ore 20. 30, in Via Crispi, per pura fortuna, non vi è stato all’altezza della gelateria Argentina, l’ennesimo incidente di quest’anno. Stavo ritornando verso casa quando ho
visto frenare bruscamente un’auto ad un metro da due malcapitati vestiti di nero. I due coniugi che stavano attraversando sulle strisce pedonali, in uno dei tratti insufficientemente illuminati della via, sono stati salvati dalla prontezza dell’autista che, frenando in tempo ha inchiodato l’auto. (nella foto di repertorio, via Crispi nel punto indicato dal lettore)
Ai due poveretti ho spiegato che quando si incrociano i fari delle auto che procedono in senso
inverso, coloro che attraversano, anche se lo fanno sulle strisce pedonali in zone non illuminate a
sufficienza, e per giunta vestiti di scuro, non sempre sono visibili. Ed ho detto loro che Via Crispi
è una strada pericolosa, perché da un lato vi sono i parcheggi e dall’altro i vari negozi, e i pedoni
attraversano sia sulle strisce che al di fuori di esse a loro rischio e pericolo. Conosco una signora
che è stata già tre volte investita sulle strisce pedonali ed anche io sulle strisce in pieno giorno,
all’altezza di via Ronchelli. E’ noto che i pochi lampioni esistenti sono di debole intensità luminosa
e collocati o prima o dopo le strisce pedonali, con il risultato che di sera gli attraversamenti
non sono visibili, anche perché prima o dopo non appaiono segnalazioni lampeggianti che
preannunciano un attraversamento pedonale.
La via è percorsa dagli autobus del servizio urbano, dalle auto e dalle moto, che specie nelle ore di entrata e di uscita dalle scuole e di sera, sfrecciano veloci. In questa strada, in assenza di controlli permanenti delle forze dell’ordine e scarsamente illuminata, si sono verificati già molti incidenti. A questo punto, mi rivolgo a lei Signor Sindaco, e ai consiglieri di minoranza del Pd, già a suo tempo sensibilizzati, ma pare inutilmente, poiché questa pericolosa sequela di incidenti non sembra finire, sono d’obbligo un paio di domande: 1°) quanti incidenti devono ancora accadere perché vengano collocati dei lampeggiatori e dei lampioni con una luminosità così intensa da creare una barriera di luce, utile a vedere da lontano eventuali pedoni, come quelli in uso nel resto d’Europa; 2°) poiché le pattuglie di polizia si alternano saltuariamente a vigilare nella zona in questione, perché non viene istallato un autovelox fisso, come deterrente?
In attesa di vedere risolto il problema nel tratto di Via Crispi che va da Via Monsignore Proserpio a
Via Monguelfo, la saluto distintamente .

Romolo Vitelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.