Felice Griffi

  • Vive a Tradate VA

I miei commenti (1197)

  1. Un governo autorevole, proficuo e stabile c’era, si chiamava Gentiloni.
    Purtroppo gli italiani si sono fatti suggestionare dai professionisti del dileggio e dei tweet, dagli ammaliatori da social network.
    Sinceramente mi sta piacendo il mio nuovo ruolo di minoranza in estinzione. Mi siedo e aspetto finché morte non sopraggiunga, nel frattempo vedo i bambini bisticciare ed il paese che va a rotoli.
    Gli italiani? Chissenefrega, se questi sono i loro idoli che si estinguano pure.

    in Ora basta!

    15 aprile 2018 alle 18:34
  2. L’ignoranza delle religioni e dei precetti genera mostri.

    in Copriamola Venere del Botticelli

    17 aprile 2018 alle 22:23
  3. Visto che siamo nella regione di eccellenza pensate che la autostrada Pedemontana che ad oggi è praticamente deserta è costata 57,8 milioni di euro al chilometro. Si parla di una cifra totale che rasenta i 3,5 miliardi di euro.

    Detto questo abbiamo capito quali sono le priorità della giunta lombarda.

    in Crollo a scuola, tre bambine ferite

    19 aprile 2018 alle 15:40
  4. Un brutto voto una volta volta significava un avvertimento sonoro per i ragazzi e per i loro genitori, un campanello di allarme per sollevare un problema educativo.
    Ora gli insegnanti vengono minacciati ed in molti casi li si incontra per massacrarli di botte.
    In Italia c’è troppa feccia arrogante, aggressiva e cafone lasciata agire indisturbata.
    Il buonismo ha fallito. Sarebbe meglio rendersene conto quanto prima pena la guerra civile e lo scollamento tra i diritti e doveri di una società civile e la giustizia privata.

    in Il degrado della scuola italiana e il “modello don Abbondio”

    22 aprile 2018 alle 15:43
  5. Hanno sempre ragione loro.

    in Trenord: “l’83% dei clienti è soddisfatto del nostro servizio”

    24 aprile 2018 alle 19:17
  6. @gcolombo
    io rispetto tutti quei pendolari che ogni mattina son costretti su gomma o su treno a farsi il viaggio fino a Milano.
    Il problema di questa regione è la decennale penuria di investimenti nel trasporto di massa pubblico come ferrovie e metropolitane leggere. Si veda il caso di Monza che per decenni ha preferito il collegamento a Milano con le superstrade. Ovviamente il tessuto urbano di Milano essendo fortemente antropizzato non riesce più a tollerare ulteriore traffico. Ora Monza sta spingendo e sta sollecitando i lavori della nuova metropolitana che la collegherà al capoluogo lombardo.
    Il problema è sempre solo uno…le autostrade sono più redditizie e quindi i nostri politici (che tra l’altro non sanno nemmeno come sono fatti i mezzi pubblici) spingeranno gli investimenti sempre e solo da una parte.

    in La protesta dei Comitati Pendolari: “Trenord arriva troppo tardi”

    14 aprile 2018 alle 11:24
  7. aggiungo anche il TG-Gossip “Studio Aperto”

    in Calzaturificio Borri, si va verso una soluzione: “Tra due mesi via l’eternit”

    11 aprile 2018 alle 9:03
  8. Mah….nella mia vita (come Liz) ho fin troppo avuto a che fare con questa malattia. Qui c’è poco da fottere e da combattere….si ti viene ed è uno di quelli “gentili” allora ci sono possibilità di sopravvivere.
    Ma se ti viene uno di quelli seri conviene come dicono nei paesi anglosassoni sistemare le proprie cose e prepararsi al peggio con o senza la parola “fuck”.

    in Fuck the cancer, la terza edizione è a Villa Tatti

    8 aprile 2018 alle 9:08
  9. @Bustocco-71

    Assolutamente no! Prendendo spunto da questo interessante articolo del Telegraph
    https://www.telegraph.co.uk/news/2017/09/11/mobile-phones-should-have-driving-mode-disabled-car/
    i cellulari dovrebbero avere un profilo di utilizzo “in auto” il quale se attivo, si risulterebbe impossibilitati a rispondere a messaggi ed utilizzare in generale la interfaccia sullo schermo. Il profilo “in auto” consentirebbe solo la gestione via comandi vocali e la gestione delle telefonate in ingresso/uscita utilizzando già le tecnologie a bordo dell’auto (Bluetooth, Apple Car Play, Android Car Play).
    Non è una questione di limitazione delle libertà, è una questione di ridurre una volta per tutte i numerosi incidenti ed i numerosi morti e feriti sulle nostre strade.

    in Tamponamento sulla statale, cinque feriti

    1 aprile 2018 alle 8:30
  10. La priorità è raggiungere quanto prima una potenziale minaccia per la sicurezza aerea e della nazione al fine di contenere eventuali danni ben peggiori.
    Purtroppo il cielo terso e la situazione meteorologica hanno contribuito ad amplificare il boato e renderlo così fragoroso.
    Mi fa piacere che la sicurezza dei nostri cieli rimane ancora la priorità rispetto a qualche “spavento” di troppo.

    in Jet infrangono il muro del suono: due botti scuotono la Lombardia

    23 marzo 2018 alle 18:50
  11. Lei giustifica quest persona solo con il concetto che tanto dall’altra parte ce ne sono di altrettanti?
    Ci spieghi cortesemente il suo concetto di rispetto delle regole e moralità….

    in In manette l’ex-assessore della Lega Stefania Federici

    3 marzo 2018 alle 11:38
  12. Beh insomma….Salvini dovrebbe dire qualcosa visto che è sempre pronto in prima linea a commentare qualsiasi fatto di cronaca dove in mezzo ci sono i “colorati”.
    Dei panni sporchi in casa sua non dice nulla?

    in In manette l’ex-assessore della Lega Stefania Federici

    3 marzo 2018 alle 11:37
  13. La abolizione dell’IMU sulla prima casa è stata la mazzata sui piedi verso i Comuni ed è stata una grande promessa elettorale che ha causato una reazione a catena peggiorativa sui servizi erogati.

    in Previsioni azzeccate: è arrivata la neve di marzo

    1 marzo 2018 alle 14:43
  14. Mi consenta di risponderle che ad una persona che inneggia nella latrina social a certe idee e che tira fuori slogan dal quoziente intellettivo di un ultras da stadio allora io, verso quella persona, mi possa sentire autorizzato a dubitare sulle sue reali capacità e sulla sua visione generale di cosa è la vita.
    Sinceramente non abbiamo bisogno di personaggi dal dubbio spessore morale che inneggiano a dittatori che hanno rappresentato uno dei periodi più tragici della storia di questo paese.

    in “Basta odio. Bertuletti non può più essere sindaco del paese”

    10 febbraio 2018 alle 0:15
  15. Soprattutto se ti chiami Valentino Rossi e godi di uno sconto speciale di 77 milioni. Ed il popolo grullo che lo osanna.

    in Scoperto professionista completamente sconosciuto al fisco

    22 gennaio 2018 alle 16:51
  16. Al di là della retorica che si vuole sempre fare dove si vorrebbe far rispettare il CdS senza fare sanzioni (benvenuti nel paese delle meraviglie), ogni comune è tenuto a pubblicare il bilancio di previsione ed il bilancio consuntivo (solitamente li trova sul sito ufficiale del comune).
    In questi bilanci sono elencati i costi per servizi erogati e personale.

    in Boom di multe nel 2017, +38% in un anno: “Non facciamo cassa ma sicurezza”

    20 gennaio 2018 alle 12:45
  17. Non l’ha segnalato in quanto c’è una indagine in corso.

    in La mamma-blogger denuncia: “Aggredita dagli addetti del parcheggio”

    7 gennaio 2018 alle 13:27
  18. Sa quanto ci ho messo a buttare un sacco di sale e “spalare” 10 metri di marciapede? 10 minuti
    Se qualcun altro avesse fatto come me nella mia via non ci sarebbe un solo metro di ghiaccio.
    Confermo con quanto detto nel mio post prima….ha fatto un accenno di nevicata e assistiamo a lettere che sembrano che abbiamo a che fare con una città paralizzata. Mi domando cosa avrebbe fatto la stessa gente se fosse vissuta durante le nevicate storiche degli anni 80….probabilmente sarebbe andata su tutte le furie o sarebbe stata paralizzata sul da farsi.
    Prendiamo punto dalla lettera di un lettore che invita tutti a lamentarsi di meno e prendere in mano una pala e pulirsi il proprio marciapiede.
    Ricordo inoltre che solo in Italia pretendiamo di avere le strade salate come insalatiere. In molti altri paesi dove nevica molto di più le strade per ovvi motivi economici e di tempo non possono essere liberate a dovere dal ghiaccio o dalla neve. Semplicemente le persone si attrezzano in base al clima dove vivono.
    Cmq la saluto….stia sereno che se dovesse nevicare sul serio avrà di che arrabbiarsi…

    in Gelicidio non è una parola inventata

    13 dicembre 2017 alle 16:24
  19. Grazie per la precisazione.
    So benissimo che quella del motociclista è stata una fatalità ma forse con un clima così secco dovremmo tutti fare la nostra parte ed evitare possibili comportamenti che potrebbero causare od innescare ulteriori incendi (grigliate all’aperto, mozziconi ed anche escursioni con mezzi a motore che in seguito ad urti possono incendiarsi).
    La natura non va sempre utilizzata a proprio uso e consumo o per fini opportunistici. A volte basta solo “preservare” e “vigilare”. Concetti sempre meno utilizzati.

    in S’incendia moto nel bosco, due giorni di fuoco sulla collina di Oriano

    12 dicembre 2017 alle 21:58
  20. Domando in quanto nelle zone protette non è consentito andare con mezzi a motore di qualsiasi natura….mi riferisco al Parco Campo dei Fiori come alla Pineta di Abbiate e Tradate come esempi concreti.
    Intanto abbiamo incendiato un altro bosco ….ma lei si incazzi pure con me….non c’è problema.

    in S’incendia moto nel bosco, due giorni di fuoco sulla collina di Oriano

    11 dicembre 2017 alle 10:45
  21. Non vi va proprio giù che decine di migliaia di persone possano manifestare pacificamente per esprimere il loro dissenso….non vi va proprio giù.

    in A Como si sfila contro intolleranza e neofascismo

    9 dicembre 2017 alle 20:50
  22. A giudicare dai numerosi ignoranti storici che si tatuano e si coprono di simboli nazi-fascisti mi conceda questa evocazione e questa piccola digressione. Forse andrebbe ricordato più spesso cosa è riuscita a fare la “civile” Europa quando al potere sono andate le persone sbagliate con i motivi sbagliati.
    E poi scusi…ma perché si incazza?

    in Eran quattro ragazzotti innocui anche loro…

    7 dicembre 2017 alle 17:57
  23. Sig. Colombo capisco che per un momento avrà pensato che questo sia un vero lavoro….putroppo nel mondo del digitale e della rivoluzione internet c’è ancora troppa fuffaglia….dal blogger al lavoro “fluido” e digitale.
    Poi ovviamente dietro a questi startappari ed entrepreneur e co-founder come se piovessero c’è sempre qualcuno che si sporca le mani e le manine le fa andare veramente sulla tastiera.
    Solitamente quest’ultimo non fa notizia.

    in Vivere viaggiando ma lavorando online: è la sfida dei “nomadi digitali”

    2 dicembre 2017 alle 13:28
  24. E’ troppo occupato a minimizzare la irruzione squadrista a Como

    in Buca una gomma in galleria, “salvata” da due ragazzi stranieri

    1 dicembre 2017 alle 10:41
  25. @lenny54
    purtroppo è quello che succederà….dormono per 20 anni e poi si svegliano solo quando c’è da criticare.
    Idem l’elettorato pronto sempre ad amplificare i disturbi gastro-intestinali più che i ragionamenti razionali.

    in Stazioni, il Governo stanzia i 18 milioni per Varese

    29 novembre 2017 alle 10:29
  26. Siamo onesti. VareseNews è forse quello più “neutrale” con le previsioni meteo. Forse la vicinanza al Centro Geofisico Prealpino contribuisce a creare una sorta di ragionevole previsione non dettata dalle mode acchiappa-click.
    Il resto del giornalismo meteo punta al titolo d’effetto. Pensi che lo scorso sabato davano “abbondanti precipitazioni” quando si e no si è vista una pioggerella leggera fino alle 14.
    Per questa settimana tutti titolano “sciabolata dell’inverno” quando le temperature andranno a -2/-3.
    Mi sembra che conta più la notizia che il suo contenuto.

    in L’inverno è arrivato, freddo e neve in agguato

    27 novembre 2017 alle 13:19
  27. @Colombo
    Studiosi dei fenomeni metereologici?

    A mio avviso sembrano più urlatori pressapochisti di nomignoli fantasiosi al fine di generare sui siti meteo più click possibili e quindi più introiti pubblicitari. Che poi parlino anche di meteorologia è solo un qualcosa di più, assolutamente non richiesto.

    in Il Verbano in secca e le “dune” alla foce del Tresa

    24 novembre 2017 alle 14:55
  28. Mah, a dirla tutta in questa sceneggiata non salverei proprio nessuno, a partire proprio dalla madre.

    in Sequestrano la madre scappata per amore, due fratelli in manette

    14 novembre 2017 alle 11:53
  29. 10..9..8..7..6..5..4..3..2..1…Eureka!
    I sentimenti xenofobi sono dati dal fatto che non aiutiamo nella stessa maniera anche gli italiani.
    Ed io che pensavo che la xenofobia fosse data semplicemente dalla sfogo delle proprie inettitudini nell’affrontare i problemi e le differenze della vita semplicemente ribaltando sull’altro tutte le cause e tutte le colpe, a partire dall’essere nato un po’ più colorato di noi.
    E detto da un popolo che da almeno 100 anni accetta e protegge i peggio mafiosi e la peggio feccia italiana è tutto dire.
    La pulizia morale (così invocata a gran voce) prima si deve dimostrare di riuscirla a fare a casa propria e poi forse la si invoca a spada tesa anche sugli ultimi arrivati, che notoriamente sono la ultima ruota del carro.
    Noi invece i mafiosi li adoriamo, gli evasori li coccoliamo e chi sarebbe il grave problema di questa società? I colorati che sbarcano fuggendo da guerre e violenze inaudite che noi stessi occidentali abbiamo contribuito ad innescare piazzando i nostri regimi dittatoriali compiacenti qua e là.

    in “Vivere insieme”, al via il progetto di co-housing tra italiani e rifugiati

    11 novembre 2017 alle 10:16
  30. Esatto…il buonsenso di costruire una autostrada che rimane vuota. Non il buon senso di potenziare la rete di trasporti pubblici.
    Lei ha smontato un serio e autorevole studio che ha avuto applicazioni pratiche in molteplici paesi nel mondo semplicemente buttandola sul ridicolo.
    Grazie….

    in Meno Strade = Meno Traffico

    7 novembre 2017 alle 19:18
  31. Certa gente non ci deve nemmeno arrivare sulla scheda elettorale se ci fosse un popolo con dei sani anticorpi

    in Incendio, il bustocco Attolini: “Che bello non vedere più Varese”

    30 ottobre 2017 alle 0:26
  32. Scusi? Questo “vicino” butta dal balcone il piscio e le feci del cane?
    Ho capito bene?
    Questa gente è da TSO urgente. Protestare non serve più…rimetta la cacchina del suo prediletto sullo zerbino del suo appartamento.

    in Cacche di cane: con il Dna sporcaccioni senza scampo

    9 ottobre 2017 alle 17:42
  33. Nell’articolo non si citano nazionalità o etnie ma lei da per scontato che i responsabili siano tutti stranieri quando in media i detenuti extracomunitari in Italia sono il 28% del totale occupanti.
    Fa sempre piacere leggere il rigurgito quotidiano.

    in Sovraffollamento e aggressioni in carcere, 4 agenti feriti da un detenuto

    6 ottobre 2017 alle 9:13
  34. Non sono d’accordo sul carcere…e dove li prendiamo i soldi per mantenerli?
    Sono d’accordo sulla pulizia e manutenzione. Ovviamente tale punizione vale anche per i principini cani ed i loro padroni visto che i maggiori produttori di pisciatine ed escrementi sono proprio loro.

    in Multato perché faceva pipì in piazza Repubblica

    2 ottobre 2017 alle 17:11
  35. +1 apetraccone

    in Termometro giù, il sindaco: “Accendete”

    19 settembre 2017 alle 9:02
  36. Io voto in base ai risultati. Lei è contento dei risultati e dei costi di Pedemontana?
    Io non sono contento, anzi, sono furioso ma vedo che la gente non si chiede a sufficienza dove siano sparite intere cataste di soldi pubblici per realizzare una autostrada che rimane deserta la maggior parte del tempo.
    Questa regione è in mano da 25 anni alla destra. L’assessore regionale dei trasporti lo sappiamo benissimo che orientamento politico ha.
    La mia non è facile ironia. Io non sono soddisfatto di questa classe politica che ha sperperato denaro pubblico per una autostrada che non serve e che non è nemmeno finita.
    Non so come dirlo ma le mollette per tapparmi il naso le ho finite.

    in Da sogno a incubo: il destino di Pedemontana si decide in questi giorni

    17 settembre 2017 alle 18:02
  37. Sulla SA-RC lei sfonda una porta aperta, fatto è che la considero l’esempio di come dovrebbe essere una mangeria ed un fallimento collocata in un lembo di territorio che non considero nemmeno appartenente ad una “normale” Italia.

    Però dobbiamo analizzare a mente lucida i costi di Pedemontana diviso il numero di percorrenze, e se facciamo questa semplice divisione ci accorgeremo che questa autostrada ha costi pazzeschi rispetto alle automobili che la percorrono.
    A mio avviso non si possono trovare le cause di questo marcato sotto-utilizzo solo nei pedaggi troppo cari. Se ci fosse una strada che mi facesse
    evitare il pazzesco ingorgo giornaliero della Laghi e Tangenziale la percorrerei facendo qualche sforzo economico in più.
    Quello che invece non si vuole ammettere, quasi fosse un tabù impronunciabile, è che forse tutta questa esigenza di fare questa autostrada non esisteva, che le cifre sulle percorrenze sono state opportunamente gonfiate e che non avendola nemmeno completata perde di qualsiasi significato pratico e di utilità.
    Comunque come cittadini vessati dalle tasse e dopo aver visto dove vanno i nostri soldi non ci rimane che una cosa: votarli ancora.

    in Da sogno a incubo: il destino di Pedemontana si decide in questi giorni

    15 settembre 2017 alle 10:13
  38. Esistono software a bordo dei sistemi multimediali integrati nelle auto che consentono di pilotare lo smartphone esclusivamente con la voce. Lo smartphone viene addirittura richiuso in un apposito vano, ricaricato e dimenticato.
    Apple Car Play per i dispositivi iOS e Android Car Integration per i dispositivi con il sistema di Google.
    I problemi sul perché non vengano usati questi nuovi software sono tre:

    – molto spesso sono optional a mio avviso eccessivamente costosi e l’utente preferisce non includerli per preferire magari degli elementi estetici dell’auto tralasciando la sicurezza. Ritengo inoltre imbarazzante e senza giustificazioni il fatto che su auto che costino 25.000 € in su non siano già compresi ma debbano essere sempre inseriti come optional.

    – anche quando tali sistemi si hanno molto spesso non si usano e si continua ad impugnare e guardare lo schermo dello smartphone distogliendo lo sguardo dalla strada. Questa è pigrizia, pessima educazione stradale e soprattuto negligenza o poca voglia nell’imparare ad utilizzare una nuova funzionalità che veramente potrebbe salvare vite altri nonché la propria vita.

    – siamo italiani. Ci educano solo colpendoci nel portafoglio. La coscienza civile non esiste. Il problema è che vigili, polizia e carabinieri controllano pochissimo e non esiste uno straccio di telecamera che fotografi e riconosca in automatico mediante analisi d’immagine gli smartphone-dipendenti da auto.

    Finché uno di questi 3 elementi non cambia ci saranno sempre incidenti con morti e feriti. Del resto basta vedere cosa succede sulle nostre strade. Tutti nervosi, tutti scattosi, tutti di fretta e tutti a parlare, chattare, whatsappare e chissà cos’altro. Se poi ci mettiamo fumati, drogati ed ubriachi (sempre presenti sulle nostre strade) il cocktail che otteniamo è una bomba esplosiva stile Korea del Nord.

    in Ciclista investito a Oltrona al Lago: è morto

    5 settembre 2017 alle 23:31
  39. Purtroppo la Destra e la Sinistra esistono ancora se oggi stiamo qui a fare il punto della situazione su di un albero preso a modello della attuale gestione di una intera città.
    E questo comportamento è speculare come ha scritto il sig. Buzzi.
    Purtroppo non abbiamo maturato ancora un senso comune del buon governo, cioè una serie di criteri di giudizio che dovrebbero far parte di ogni schieramento politico che governi una città.
    Purtroppo noi siamo ancora il negativo dell’altro. Se governa il rosso il nero sarà contrario a priori. Se governa il nero il rosso avrà sempre da ridire.
    Ogni 4 anni quello che si crea viene, nel caso migliore, abbandonato dal successore. Nel caso peggiore si crea per poi distruggere.

    Sulla questione auto a Varese l’automobilista indisciplinato è sempre stato “tollerato”. Che si pretende per Varese nel 2017, che siano tutti ligi e rispettino le regole? Soprattuto quando le poche volte che i vigili fanno delle doverose multe si alzano i cori di quelli che accusano di voler fare cassa.
    All’estero si chiama “rispetto delle regole”, in Italia si chiama “fare cassa”. Strana e bizzarra interpretazione del Codice della Strada.

    Questa è la cartina di tornasole del nostro senso civico (ed infatti l’Italia come dico ultimamente sta andando a finire un po’ in merda).

    in L’accessibilità difficile

    27 agosto 2017 alle 23:31
  40. Sono d’accordo con lei.
    L’amministrazione Trump, a differenza delle precedenti che magari parlavano molto ed agivano pochissimo, si è smarcata sin dal primo giorno dagli accordi del clima di Kyoto.

    Nulla importa se negli Stati Uniti si è avuto un incremento del 320% di tifoni con forza superiore a 4.
    L’ultima follia nel non riconoscere che i cambiamenti climatici derivanti dalla attività produttiva umana è stata quella di negare completamente il rapporto sul clima 2017.

    Purtroppo i leader mondiali sono più pazzi del previsto e le popolazioni del mondo ne stanno pagando le conseguenze.

    in Clima, gli apicoltori di Varese dicono addio al 70% del miele

    11 agosto 2017 alle 16:56
  41. Prima domanda..Quanti di questi partecipanti ed organizzatori della “fiaccolata” è un immunologo?
    rispondo io: NESSUNO
    Quanti sono biologi o ricercatori in ambito di microbiologia cellulare?
    rispondo sempre io: NESSUNO

    Per esprimere il proprio consenso occorre essere informati, quantomeno avere fatto studi medici specialistici, essere un immunologo, solo allora si potrà veramente capire perché dobbiamo vaccinarci e la importanza della prevenzione nelle malattie infettive.
    Purtroppo la massa, sempre pronta a citare articoli di legge, di immunologia non se sa assolutamente nulla ma tanto gli basta per prendere decisioni critiche che andranno ad influire la salute ed in certi casi anche la vita dei propri cari o delle altre persone.
    La scienza, qualsiasi essa sia, o la si conosce nel profondo in quanto operanti nel settore dopo decine di anni di ricerca o ci si informa attingendo nozioni da chi è in grado di illustrarci tutti gli aspetti riguardanti le vaccinazioni, perché servono e perché devono essere fatte.

    Del resto la velocità della luce non si decide per alzata di mano da parte di una massa urlante che di fisica non ne sa nulla ma si stabilisce grazie a misurazioni scientifiche ed ad una base solida di teoria scientifiche dimostrabili.

    Quindi per favore, o vaccinate i propri figli o mi fate veramente il piacere di crearvi un mondo asettico isolato, una perfetta campana di vetro dove professare le vostre “pericolose” convinzioni in materia di prevenzione sanitaria.

    Come sempre noto che su certe tematiche ci sono sempre due strade. Nei paesi civili europei nessuno andrebbe a contestare l’efficacia dei vaccini e tutti fanno vaccinarci i propri figli. In Italia tutto deve essere sempre messo in discussione, sopratutto da persone che parlano per sentito dire e che ignorano i pericoli devastanti di una società sempre meno vaccinata.

    in “Vogliamo maggiore trasparenza e chiarezza sui vaccini”

    11 luglio 2017 alle 19:12
  42. @massimiliano_buzzi
    Sì certo…la similitudine con il popolo francese è una estremizzazione. Sarebbe già un salto epocale se ci sentissimo un popolo unito, figuriamoci ad arrivare a fare la rivoluzione per degli obiettivi comuni.
    La situazione riguardante i treni purtroppo è reale. Abbiamo ormai una massa di lavoratori di Trenord ormai sfiduciati che non credono più nella azienda e nelle tante, troppe promesse che si sono sentite negli ultimi anni.
    Questi lavoratori sono letteralmente in ostaggio di uno zoccolo duro sindacale di, non mi turba dirlo, parassiti che ogni mese giustificano il loro stipendio con queste lotte e proteste ormai appassite e fini a se stesse.
    Nel frattempo in regione si sono succedute 4 giunte di destra che sui trasporti hanno fatto e detto di tutto tranne che effettivamente investirci per migliorargli in modo sensibile.
    In più sono riusciti a spendere 40 MILIONI al KM per una autostrada non finita e quindi scarsamente di utilità, una colata di asfalto che ora rischia di essere commissariata in quanto in evidente stato economico sofferente e con troppi debiti alle spalle.
    Guardi….non siamo nel contesto della rivoluzione francese anche se ci sarebbero parecchi motivi per incazzarci veramente mentre guardiamo i soldi frutto del nostro duro lavoro venire spesi in questo modo scandaloso e selvaggio.

    in Sciopero dei treni, ma solo per alcune linee: le istruzioni per l’uso

    4 luglio 2017 alle 15:00
  43. @PapiOrso

    già….come quello di Tradate…..solo che si vedono solo sotto elezioni.

    in “La situazione dei dializzati è preoccupante. Ma dall’ospedale solo silenzio”

    15 giugno 2017 alle 10:09
  44. @aavid

    confermo e sono d’accordo. il mio tono era ironico.

    in “Sono la conducente di quella macchina davanti all’ambulanza”

    3 maggio 2017 alle 12:56
  45. E’ corretta la sua precisazione.
    Lo scollamento vero c’è stato tra sindacati e lavorati. I lavorati hanno bocciato l’accordo preliminare che era stato stipulato tra governo, azienda e sigle sindacali.
    E questo fa capire quanto questo indegno carrozzone sia ormai politicizzato.
    Tra il 1974 e il 2014, per salvarla, abbiamo speso 7,4 miliardi di denaro pubblico: l’equivalente di una “Alitalia tax” da 180 milioni l’anno. Forse può bastare. Forse è ora che chiuda definitivamente questa messinscena.
    Vendiamola, anche per quattro soldi a chiunque voglia mettere ordine in questa indegna compagnia di bandiera, ricettacolo di clientelismi vari.

    in Alitalia al voto: i lavoratori decidono sull’accordo

    26 aprile 2017 alle 9:14
  46. E’ vero, la uscita sugli svizzeri come patria dei fondi bancari di dubbia provenienza non è stata propriamente felice ma nella lettera ho visto una certa acredine del lettore verso lo Stato Italiano e l’Italia in generale.
    E sa, come posso dire, queste persone che dall’estero sputano continuamente sul paese dove personalmente ogni giorno mi faccio in quattro per migliorare, ecco di queste persone esterofili convinti, sono un po’ stanco.
    Non dico che sia la patria degli evasori ma le ricordo che fino a pochissimo tempo fa esisteva il segreto bancario in quel paese.

    La mia personale crociata contro i cani potrebbe essere condivisa al fine di essere capita meglio. Sono disponibile nel far provare una fantastica esperienza di 3-4 ore di sonno per notte al fine di far capire a più persone come un innocente animaletto da compagnia può diventare un generatore continuo di rumori che, me lo lasci dire, viene trattato e gode più diritti di una persona.
    Se ha un consiglio da darmi come far valere il mio diritto ad essere trattato come essere umano e non come peggio di un cane e quindi di riposare tranquillamente almeno alla notte gliene sarò grato immensamente.
    Il resto sono parole al vento, come gli abbai che questo animaletto ci delizia quotidianamente.

    in Dona 5mila euro al canile: «Piuttosto che allo Stato, li do ai cani»

    23 aprile 2017 alle 10:45
  47. cerco di risponderle: menefreghismo ed opportunismo che provocano un senso civico ridotto a zero. Quello appena fuori l’uscio di casa non ci compete, tantomeno la sicurezza di perfetti sconosciuti.

    in Rimane sola nel vagone, aggredita sul regionale per Varese

    13 marzo 2017 alle 13:21
  48. @Stra

    ma lei si rende conto dell’assurdità di quello che scrive.
    Si rende conto che quest’anno abbiamo toccato l’inverno più siccitoso da 25 anni a questa parte.
    Si rende conto che non ha piovuto per 60 gg di fila e quando l’ha fatto le precipitazioni sono state esigue.
    Si rende conto che l’Italia si sta desertificando, che non c’è più ricambio d’aria.
    E lei crede che possiamo andare avanti ancora con le stesse abitudini, con le stesse pretese di poter usare l’auto sempre e comunque?
    Non si rende conto che anche a Varese si respirava aria inquinata questo inverno e che già abbiamo ristabilito i valori limite di sostanze inquinanti in soli 15gg dalla ultima pioggia?

    Ma come fa ad ignorare tutto questo pensando che l’unica motivazione che abbia spinto tale giunta a questa SACROSANTA scelta radicale sia legata ad una questione economica?
    Non se se è chiaro…o si cambia anche con scelte radicali ed antipopolari o tutti i soldini che ostinatamente nello spregio di tutto e tutti mettiamo da parte, ignorando qualsiasi partecipazione e priorità collettiva, ecco tutti questi soldini li bruceremo per curarci dai tumori che esploderanno grazie a tutto questo inquinamento.

    in Dove si potrà parcheggiare gratis a Varese

    23 febbraio 2017 alle 22:04
  49. @AleKava

    con l’aggravante che ti minacciano pure se osi dire qualcosa in pubblico.

    in Bambine azzannate dai pitbull, denunciata la proprietaria

    19 febbraio 2017 alle 17:14
  50. Quindi giustifica le frasi sopra riportate (benzina, fuoco e fucile) solo perché questi non hanno l’aspetto di deportati di Auschwitz?
    Si ricordi, il lessico violento alla lunga genera e giustifica la violenza. Anche la più brutale.
    I comportamenti di gente che non vive giornalmente di proclami sul social network solitamente sono quelli che alla lunga affrontano e sistemano i problemi.

    Collegandosi con l’articolo di qualche giorno fa: italiani, leoni da tastiera verso quello più comodo da insultare per poi ritrarre la coda tra le gambe appena vengono minacciati da qualcuno più vicino ai loro interessi personali, mafioso, politico o imprenditore chicchessia.

    E prima che passi a darmi dell’ennesimo sinistrorso (ormai insulto diventato di moda quando non ci sono argomentazioni valide) voglio informarla che anch’io non approvo la attuale gestione della immigrazione che sembra fare sottobanco degli interessi sporchi ma non per questo mi sento autorizzare a scrivere di bruciare la gente sulle pire di legna quando vedo qualcosa di buono in mezzo a questo marasma di gestione.

    in La festa per i migranti fa esplodere l’odio xenofobo su Facebook

    31 gennaio 2017 alle 22:24
  51. Assolutamente no. E di solito questa mai diffidenza mi ha dato (quasi sempre) ragione.
    Del resto cosa si vuole ottenere quando sulla TV pubblica, vista da milioni di persone, abbiamo la Brigliadori che ci dice che la chemioterapia non serve a curare i tumori, anzi che è addirittura dannosa.
    Otteniamo solo un isterismo collettivo che rifiuta sistematicamente le teoria scientifica e le terapie mediche per poi inevitabilmente scontrarsi con gli interessi personali quando il diretto interessato (il malato) scopre di aver creduto pedissequamente ad una montagna di fregnacce.

    Lo vediamo in ogni cosa. Nei terremoti si invoca addirittura la divinità e gli si chiede perché. Il perché lo stanno blaterando inascoltati i geologi da almeno 80 anni. Inascoltati, visto che è meglio cercare il castigo divino.

    Come ha risposto a @Gelo questa psicosi da vaccino non è giustificata visto che il numero di infezioni è addirittura in calo da 1800 casi nel 2015 a 1300 casi nel 2016.
    Purtroppo una stampa ormai scellerata che cerca sempre la notizia d’effetto ed una malainformazione da social network hanno alimentato la paura. E la paura purtroppo è la cosa più infettiva e pericolosa nella attuale società. Ben più della meningite.

    in Vaccinazioni: centinaia di chiamate e i tempi si allungano

    20 gennaio 2017 alle 22:03
  52. Il controllore costa è uno stipendio in più. Del resto con i soldi della sanità dovevano pagare viaggi e ville a Formigoni.

    in Furto al Del Ponte mentre nasce il loro bimbo: “Ridateci almeno i documenti”

    10 gennaio 2017 alle 12:44
  53. Forse era poco etico oltre che stupido far pagare solo 1 € al giorno non crede? Quasi da mensa dei parlamentari.

    in Mastromarino: “Perché abbiamo raddoppiato la tariffa del parcheggio frontalieri”

    10 gennaio 2017 alle 12:36
  54. Una volta ero presente al pronto soccorso e mi sono imbattuto in una persona che ha rinunciato alle cure per i tempi di attesa elevati. Essendo stato catalogato come codice bianco avrebbe dovuto pagare il ticket sanitario. Con tanto di cartello esposto che diceva nero su bianco che il ticket si sarebbe dovuto pagare subito al pronto soccorso, il personale del triage si è rifiutato di prendere i soldi dicendo che la regione avrebbe automaticamente emesso il bollettino.

    Le regole ci sono. Applicate agli italiani diventano carta straccia.

    in L’influenza dilaga: pronto soccorso da bollino rosso

    7 gennaio 2017 alle 11:36
  55. @mike

    Verissimo!
    Piove 2 gg e tutti pronti a lamentarsi….fa un caldo anomalo ed è tutto secco da 2 mesi ma agli italiani con evidenti manie meteo da africani va benissimo.
    Peccato che non capiscono che piano piano i loro polmoni respirano sempre più merda. Ma non preoccupati…il centro commerciale più grande d’Europa è sempre lì pronto a consolarvi. Finché dura….

    in L’alta pressione porta il bel tempo fino a Capodanno

    29 dicembre 2016 alle 18:40
  56. Certo, io cito i canili perchè quando in un Comune si tagliano servizi essenziali e poi si scopre che una parte di soldi pubblici viene impiegata per mantenere queste strutture allora mi ribolle il sangue nelle vene caro sig. Rolo.
    L’Italia è una anomalia nel suo genere. In un qualsiasi altro paese se entro 1 mese non si ha nessuna rivalsa sull’animale lo stesso viene abbattuto.
    In questo paese si innesca il grasso business dei canili (più o meno lager) e delle migliaia di adozioni on line.

    Questo è assolutamente necessario e tollerato. Se poi un essere umano viene fortemente pregiudicato nella sua libertà e mobilità….ma chissenefrega.

    in La fatica doppia di un pendolare con disabilità

    21 dicembre 2016 alle 11:33
  57. @Gelo

    Assolutamente non dico questo. Dico però che questi fondi possono essere utilizzati in modo indiscriminato per operare certe scelte (anche controproducenti) per investire i soldi in determinate strutture a discapito di altre, senza controllo e senza che la regione motivi la scelta.
    Non sto assolutamente dicendo che i soldi destinati alla sanità possono essere spesi in sagre della salamella.

    in Ospedale di Angera: Maroni e Alfieri litigano sulle responsabilità

    15 dicembre 2016 alle 21:33
  58. sulla destinazione dei finanziamenti…
    “dall’anno 2017 le risorse relative alle quote vincolate agli obiettivi di Piano vadano a confluire nella quota indistinta del fondo.”

    in Ospedale di Angera: Maroni e Alfieri litigano sulle responsabilità

    14 dicembre 2016 alle 21:58
  59. Per non parlare della circolare detta anche “hoopa-bus” che gira intorno a Londra-Heathrow. Su gomma e funziona.

    in Unicomal sulle ferrovie per Malpensa

    12 dicembre 2016 alle 21:45
  60. Sarebbe ora che i comuni anziché continuamente zittirci con centri commerciali e rotonde che sembrano giardini in miniatura si preoccupassero della normale amministrazione e decenza, cioè la pulizia del suolo pubblico.
    Magari anche sfruttando quelle decine di immigrati che gentilmente ospitiamo e che, compensati da un giusto sussidio, possano contribuire a rendere le nostre città migliori.
    Purtroppo negli italiani non riserbo alcuna fiducia in tal senso.

    in “Corso Aldo Moro, carte e spazzatura per terra”

    11 dicembre 2016 alle 18:18
  61. E’ prassi per un governo di transizione puntare alla formazione di un transitorio partendo proprio dal ministro degli esteri supportato dal partito che ha tutt’ora la maggioranza e che tutt’ora governa.
    E’ normale se si tratta di garantire la normale amministrazione per 3-4 mesi per poi passare al voto.
    Ma le polemiche strumentali ed il populismo becero sembrerebbero ormai i passatempi preferiti degli italiani.

    in A Gentiloni l’incarico di formare il nuovo Governo

    11 dicembre 2016 alle 18:14
  62. Ogni regione riceve i finanziamenti per la sanità dal governo centrale in base alla popolazione e al gettito fiscale versato.
    Questi finanziamenti sono a fondo perduto nel senso che la regione non ha l’obbligo di motivare come vengono spesi.
    Quindi la gestione di questi soldi è tutta demandata al governatore e all’assessorato alla sanità che deve opportunamente creare un calendario programmatico di investimenti.
    Il buon Formigoni ha pensato bene di chiudere le strutture medio-piccole per concentrare l’assistenza sanitaria in mega centri ospedalieri, in quanto molto più redditizi. Il punto di inizio di questo trend è stata la delocalizzazione dell’ospedale di Legnano in una cattedrale nel deserto megalitica ma con il 40% di posti letto in meno.

    Quindi…

    La Lombardia essendo una delle 5 regioni di questo paese che tiene in piedi la intera economia nazionale non ha ricevuto tagli. La differenza sta nel come sono stati spesi questi soldi.
    Oggi abbiamo finalmente chiara la visione distruttiva che avevano in testa i precedenti assessori (Forza Italia) e a cui la Lega Nord non ha opposto la benché minima resistenza.

    Dire il contrario è ficcare la testa sotto la sabbia e solitamente lo si fa per opportunismo.

    in La Provincia: “Salviamo gli ospedali decentrati”

    7 dicembre 2016 alle 14:38
  63. Dio santo, lenny54. Hai fotocopiato esattamente il mio pensiero.
    Posso eventualmente aggiungere una variante. Chi vota no è proprio quello che sostanzialmente in questa pacchia si trova bene avendo goduto di tutti i privilegi possibili garantiti da una Costituzione che nel 2016 rischia di essere il maggiore freno alla modernizzazione di un paese.

    Per questo e altri 1.000.0000 di motivi voterò SI.

    in Referendum, ci avete capito qualcosa?

    30 novembre 2016 alle 21:46
  64. In realtà quello che vuole tentare lei è di collegare gli immigrati reduci dagli sbarchi a questi 2 delinquenti albanesi ben radicati nel territorio.
    Purtroppo la sua uniformazione è molto tirata in quanto gli albanesi, come ipotizzato nell’articolo, erano in sospeso di un debito di droga conclusosi malamente, droga presumibilmente fornitagli da malavitosi doc mafiosi, ndranghetani o camorristi.
    Insomma una joint venture tutta made in Italy.

    in Duplice omicidio di Canegrate, sparati almeno 10 colpi

    12 novembre 2016 alle 14:17
  65. Ovviamente nelle aziende tutte le persone dovrebbero menare le mani indipendentemente da chi è a capo del governo non crede?
    Renzi era già a Milano e forse si è voluto fargli conoscere delle eccellenze varesine al fine di portare anche esempi di concrete e solide realtà produttive.
    Sia mai che da una buona idea ne nasca un’altra.
    Ma lei non si accontenta….meglio criticare.
    E non vorrei deluderla….gli industriali e me medesimo si sono giù apertamente schierati per il sì…non c’è bisogno che il premier faccia campagna elettorale.
    Quelli che non vogliono cambiare nulla in questo paese li abbiamo già identificati da tempo.

    in Renzi visita le imprese varesine

    3 novembre 2016 alle 21:50
  66. Diciamocela tutta. Solo in questo paese le librerie chiudono non perché ci sia l’ebook, i formati digitali o chissà cos’altro: ogni giorno prendo i mezzi pubblici e sapete quante persone vedo leggere un libro in qualsiasi formato si voglia?
    NESSUNO

    Meglio scorrere a capo chino i social network fonte di continua, costante ed aggiornata immondizia. Poi nelle rare volte in cui parli con delle persone reali ti accorgi delle evidenti lacune che hanno sono nel mettere insieme una frase di senso compiuto.
    Meglio postarsi selfie. Lo scarso tempo ormai è diventata una scusante diffusa. Il libro non è più visto come accrescimento personale e culturale.

    in Processione alla Libreria del Corso: “Vi prego, non chiudete”

    23 ottobre 2016 alle 10:19
  67. Incominciamo a non votare i barbari sognanti ma persone minimamente capaci di fare qualcosa oltre che portare delle bambole gonfiabili sui palchi.

    in Di Pietro: “Pedemontana gratis? Il governo se la compri”

    21 ottobre 2016 alle 23:17
  68. Chi guida attaccato al cellulare, si distrae ed investe una persona è UN NEMICO da combattere.
    Tutto il resto sono dissertazioni da paraculi che vogliono sempre farla franca.
    Prendetevi un auricolare bluetooth da 10 euro e vediamo di rispettare tutti le regole.
    Tutto il resto sono cazzate di un paese ormai abituato a non rispettare più le regole, qualsiasi esse siano.

    in Vigili in borghese a Varese, ma la multa è valida?

    20 ottobre 2016 alle 21:42
  69. Che differenza fa se la multa gliela fa un ufficiale in divisa o in borghese?
    Nulla toglie che lei ha violato la legge.

    in Vigili in borghese a Varese, ma la multa è valida?

    20 ottobre 2016 alle 21:40
  70. 1.9 è una bella media dura da battere.
    Il reclamo (se sensato e documentativo dello stato del servizio offerto) è l’unica arma che rimane ad una moltitudine pagante che è presa a pesci in faccia continuamente da questa classe di farabutti incapaci.
    Per legge dovrebbero darle risposta entro 30 giorni, come stabilito dal Contratto di servizio con Regione Lombardia. Se non lo fanno non stanno rispettando le loro stesse regole.

    Il passo successivo è quello di passare ad azioni più forti come per esempio presidiare la portineria a Cadorna.
    Queste persone hanno avuto la vita facile fino ad oggi avendo una utenza pagante che si dimostra fin troppo civile e composta di fronte ai loro continui disservizi, prepotenze e scioperi.
    A proposito, Venerdì 21 ci sarà un nuovo sciopero di questi “lavoratori” di serie A.

    in Sarò l’incubo peggiore di TreNord

    18 ottobre 2016 alle 9:31
  71. Il paragone con l’estero è impietoso. Ancora di più con la vicina Svizzera.
    In Italia ci sono troppe libertà di fare quello che si vuole nel più completo disprezzo degli altri.
    Ognuno vive e si comporta come se ci fosse solo lui.
    Più che la messa alla domenica per poi scannarci sulle strade occorrerebbe obbligare ogni italiano in età adulta ad un bel corso forzato di educazione civica portando degli esempi concreti che all’estero solo l’ABC della convivenza civica tra persone.

    Per chi noncurante continua a fregarsene degli altri e sgarra occorre far rispettare le leggi con delle semplici sanzioni. Se proprio non riesci ad educarli colpiscili nel portafoglio.
    Intanto le forze dell’ordine latitano sempre più assopite da una classe politica che della legalità e del suo rispetto importa ancor meno.

    in Anziana muore investita da un furgone

    17 ottobre 2016 alle 14:57
  72. Finché qualcuno non si incazzerà veramente….ed il momento è vicino.

    in Il treno è troppo corto, i pendolari restano giù. Caos in tre stazioni

    13 ottobre 2016 alle 22:26
  73. Sintesi azzeccata.
    Aggiungo….genitori che preferiscono vedere i loro figli andare ad X-Factor o su Amici piuttosto che realizzarsi professionalmente.
    Poi che non si lamentino che a 30 anni sono ancora a casa accuditi.

    in La scuola senza compiti: 90 mamme la vogliono

    12 ottobre 2016 alle 21:51
  74. So che è dura contenere la polemica sterile ma il livello del Ticino non spetta a Renzi bensì all’assessorato ambientale della Regione Lombardia a base leghista.

    in Il Ticino si attraversa a piedi: “E’ un disastro ambientale”

    8 settembre 2016 alle 21:31
  75. Ah ah ah Spettacolare commento che condivido. Finalmente qualcuno che pensa un po’ fuori dagli schemi.

    Questa nuova “manovra di marketing governativa” è ridicola. Questi pensavo che la gente si metta a trombare come conigli perché gentilmente il governo mette in piedi uno spot pubblicitario pro-procreazione.

    In realtà in Italia ci sono differenti motivazioni che non spingono a fare figli:
    – I giovani italiani sono profondamente viziati e mammoni. Pochissimi alla maggiore età lasciano il nido materno in quanto vitto e alloggio sono gratis e in più ci si mette una sorta di atavico immobilismo. Qui sto bene perché cambiare e faticare per farsi la propria vita?

    – L’atavico opportunismo fa sì che i giovani italiani cerchino famiglia e compagna stabile in età adulta. Troppo adulta.

    – Il lavoro sempre precario e la forte emigrazione da Sud a Nord non contribuisce a creare una situazione stabile per garantire un futuro al proprio figlio. Anche le relazioni sociali si frantumano se le persone sono costrette e muoversi continuamente, adattarsi a lavori ed orari massacranti.

    – Qualcuno non dotato di così raziocinio sembra non essere influenzato da tutte queste metodiche pianificazioni ed il figlio lo fa. O perché ci scappa (e sappiamo tutti come in Italia la pratica dell’aborto sia solo sulla carta) o perché lo vogliono, come vogliono un cane o l’ultimo modello di smartphone. Solitamente in questi casi non ne esce un modello esemplare di famiglia, genitori e ragazzi. Ma fortunatamente non è sempre così.

    – Poi c’è qualcun altro che si ostina a volere dei figli anche di fronte alle implacabili leggi della natura. Allora partono pratiche più o meno lecite, ai limiti della genetica, fecondazione assistita e utero in affitto (o madre surrogata, suona meglio). Meno male che poi sono i gay quelli contro-natura.

    – Alla fine ci sono quelli che i figli non li fanno proprio per scelta o per fatalità della vita. Forse i più raziocinanti insieme agli altri (che non ho citato) che si spaccano il culo una intera vita credendo che ancora si possa costruire una vita con un’altra persona. Con o senza figli.

    Santè
    Felice

    in Arriva il “Fertility Day”: tante polemiche ma il problema esiste

    1 settembre 2016 alle 21:42
  76. @Anerio

    Il suo intervento è demagogia allo stato puro.
    Usa un evento catastrofico per attaccare Renzi e come al solito gli immigrati che sembrano essere diventati lo sfogatoio preferito dagli italiani che altresì tollerano benissimo evasori fiscali, ladri, mafiosi e chi più ne ha più ne metta.
    La zona colpita si può benissimo rialzare (i 3 paesi maggiormente colpiti sono cittadine molto piccole, per di più disabitate durante il periodo invernale, non si sta parlando di zone densamente abitate).
    Per fare questo occorre unità, adottare misure drastiche fin dall’inizio (fondi decennali di messa in sicurezza del patrimonio immobiliare), agevolazioni fiscali e tutti quegli strumenti economici finanziari sul territorio che mettono in moto il motore della ricostruzione.
    Ovviamente il pensiero che nel sud italia in particolare non ci sia qualcuno che ne approfitti e pensi a rubare parte dei soldi destinati alla ricostruzione è forte. Per questo occorre vigilare, affidare i fondi alle amministrazioni locali evitando intermediari e vigilare sui risultati che devono essere verificabili periodicamente.

    Il Friuli ed altre zone d’Italia duramente colpite da catastrofi naturali ce l’hanno fatta.

    Lo stesso comune di Norcia (vicinissimo all’epicentro) negli ultimi anni ha messo in sicurezza gli edifici rendendoli antisismici e di conseguenza non ha subito danni.
    Occorre un po’ di pragmatismo e prevenzione.

    Lei invece dimostra di essere il classico italiano: strillone contro il governo di turno solo per tornaconto politico ed ovviamente dotato di pochissimo spirito di unità nazionale.
    Lei rimanda alle classi politiche dimenticando che le classi politiche (tra cui nani, p……..e ed igieniste dentali) siamo noi stessi a sceglierli con il voto o peggio con il non-voto.

    Che le devo dire. E’ in casi come questi come si capisce l’unità di un popolo. E’ di fronte alla tragedia che tutti fanno quadrato. Noi che si fa? Colpa di Renzi…di quell’altro o di quell’altro ancora.
    Vabbè….che dire se non il silenzio (che è indice di maggiore saggezza)

    in Terremoto in centro Italia: 278 morti

    26 agosto 2016 alle 22:14
  77. @axelzzz85

    Che pretende dal partito (Lega) che ha sempre aperto la cloaca di bocca usando toni omofobi, che considera i gay dei malati.

    in Varese Pride, più di duemila in piazza

    19 giugno 2016 alle 19:31
  78. I mozziconi sono nulla rispetto a quanto vedo nei boschi. Qui siamo di fronte a sporcatori seriali più che a semplici maleducati distratti. Qui siamo di fronte a gente che considera l’Italia come la sua latrina privata.
    Non giustifico il mozzicone ma è sicuramente il minore dei problemi. Si fidi.

    in Spazzatura dal finestrino: multa e recupero del sacco

    17 maggio 2016 alle 22:02
  79. Evidentemente ho colto più una critica provocatoria sulle modalità di discussione di questa legge piuttosto che un approfondimento sempre su toni molto ironici.
    Me ne scuso e mi spargo il capo di sale.
    Felice

    in Unioni Civili: avete perso!

    15 maggio 2016 alle 22:15
  80. Semmai è il contrario…

    in Il Pd diffida Maroni per la conferenza stampa a Palazzo Estense

    9 maggio 2016 alle 23:21
  81. Grazie per la precisazione. Il rispetto delle regole deve saper fare a meno di libere interpretazioni sia di cittadini che forse si sono incattiviti troppo e sia di un circolo a cui manca veramente un piccolo sforzo per rientrare nel rispetto delle regole.
    Mi auguro che ognuno non sia arroccato sulle proprie posizioni e la questione si risolva.

    in Tre decibel di troppo mettono la sordina allo storico Circolone

    4 maggio 2016 alle 21:55
  82. Vada in un reparto di oncologia pediatrica. Lì vedrà la gioia di vivere o almeno di continuare a farlo ancora. Non in 4 ammassi di pelo.
    Eh che cazzo, ora è troppo….sembrate i detentori della verità assoluta.

    in Dog Show, sbagliata la scelta della piazza

    14 aprile 2016 alle 21:36
  83. Mica perchè non la penso come lei allora son comunista e mangio i bambini!
    Vuol dire che il cane del vicino che da anni abbaia freneticamente alla notte, di giorno, di sera mi sta facendo della Pet Teraphy? Oppure è stato preso solo come allarme da uno che se ne frega?
    Lei mi dirà che ci sono delle regole, delle leggi. Sì certo, a favore del cane, mica del mio benessere.

    Ma che vi parlo a fare…voi siete i nuovi intoccabili in questa società che ha messo degli ammassi di pelo al di sopra del benessere delle persone.
    Per me non è così e sinceramente voi proprietari di cani surrogati di persone sarete presi in considerazione il giorno in cui incomincerete a rispettare le regole.
    I cani “mordaci” vanno abbattuti, i cani vanno educati, i proprietari pure e la merda (scusi il francese) si raccoglie visto che lo spazio pubblico non è il vostro personale cagatoio. E se per favore quando andate nei parchi vedete di tenere l’animale al guinzaglio perchè non tutti sono così desiderosi di socializzare con il vostro ammasso di pelo. Sa, alcuni bambini sono terrorizzati ma che ve lo dico a fare tanto la vostra risposta è sempre “è buonissimo, non fa male a nessuno”. Poi ci ritroviamo i bambini con la faccia sfigurata perchè hanno fatto quel mezzo gesto che il vostro amatissimo cane ha interpretato come sfregio al suo ruolo di capobranco.

    Santè

    in Dog Show, sbagliata la scelta della piazza

    11 aprile 2016 alle 22:07
  84. Concordo….VareseNews ultimamente sembra la fiera dei cappottamenti.

    in Due auto ribaltate nella notte

    4 aprile 2016 alle 15:53
  85. Allora molto probabilmente la miscela di gas e comburente è già “sporca” nelle tubature.
    Mi domando se questo può inficiare la qualità calorifica della fiamma….in pratica lei ha notato che ci vuole più tempo per scaldare l’acqua o cuocere i cibi?
    Saluti
    Felice

    in Aspem gas … E io pago!!! (L’ aria? )

    1 aprile 2016 alle 21:20
  86. Un bambino può aver fatto qualsiasi cosa senza che si tenti di addossargli la colpa di presunti comportamenti errati.
    Quel cane non sarebbe mai dovuto circolare liberamente.
    E’ come se dovessi fermarmi a pensare cosa fare, come muovermi o cosa dire ogni qual volta incontro qualcuno con un cane.
    Sarebbe un mondo delirante non crede?

    in Bimbo aggredito da rottweiler: è grave

    31 marzo 2016 alle 13:12
  87. Nei paesi civili si fa questo. Il ciclismo è un hobby, avere un cane pure e a mio avviso dovrebbe lo stesso proprietario contribuire con una, chiamiamola tassa, per avere aree a lui dedicate. Anche perchè sinceramente non possiamo nascondere che al giorno d’oggi avere un cane molto spesso è una tendenza di moda che non deve andare a caricare di costi le casse pubbliche di chi le tasse le paga per avere servizi al cittadino, aree pubbliche decorose, più verde e non sinceramente per far pascolare il cane di uno sconosciuto.

    Il commento sulla costruzione degli scivoli per i disabili di @Mabel denota una ignoranza ed un egocentrismo pauroso. Il disabile è un essere umano e a casa mia un essere umano gode di qualche diritto in più rispetto un cane.

    Probabilmente io sono fobico dei cani a causa di una esperienza traumatizzante e purtroppo cattive esperienze con i proprietari dei suddetti animali che sembrano detenere la ragione in tasca ed accampano diritti che ritengo fuori luogo quando non riusciamo nemmeno a garantire una vivibilità decente alle persone.
    Io consiglierei alle persone di viaggiare in altri paesi se possono. Si renderebbero conto che quelle cose che ad oggi invocano come diritti all’estero sono dei bonus che gli stessi cittadini si pagano di tasca propria.

    in Area cani di Via Parravicini, la rete è rotta

    19 marzo 2016 alle 12:19
  88. Il disabile è un essere umano a cui vanno garantiti i diritti. So che è difficile cogliere la differenza tra una persona ed un cane al giorno d’oggi.

    in Area cani di Via Parravicini, la rete è rotta

    19 marzo 2016 alle 12:12
  89. Fossero solo gli orientali.

    in Rubavano l’energia per il ristorante, denunciati

    15 marzo 2016 alle 21:54
  90. @lenny54
    Quello a cui stiamo assistendo potrebbe essere identificata come una normale trattativa economica-finanziaria e lavorativa tra due paesi. In realtà mi sembra che si sta assistendo alla iper tutela di quella che a tutti gli effetti sembrerebbe essere una nuova lobby, quella dei frontalieri a cui ovviamente non deve essere minato nessun iper-diritto in quanto per 30 anni sono andati avanti così, in barba a qualsiasi legge sensata di mercato.
    Nel frattempo tutta questa attenzione, dei politici, degli amministratori, del governatore fa deviare la ben più importante attenzione verso la tutela del lavoro in patria, di una fiscalità diversa così tanto sbandierata dal leghista Maroni in campagna elettorale (anche i sassi avevano intuito che si trattava di una balla clamorosa).

    Mi sembra quindi che come sempre i nostri politici son sempre prodighi a tutelare gli interessi tra minoranze ricche per poi dimenticarsi che in questo paese alcune aziende chiudono e le uniche attività commerciali che vedo nascere sono pizzerie e centri commerciali, così tanto amati e sponsorizzati dai nostri sindaci per incassare subito gli oneri di urbanizzazione.
    Non possiamo convertire una intera popolazione in commessi e pizzaioli con l’aggravante che li facciamo vivere in un paese paessaggisticamente povero.

    in Maroni incassa la prima unanimità a favore dei frontalieri

    9 marzo 2016 alle 10:03
  91. Che c’entrano i politici che rubano con gli stipendi dei frontalieri. Tanto in questo paese più rubano e più vengono votati, quindi di cosa ci lamentiamo se non sappiamo nemmeno premiare l’onestà e la trasparenza dando sempre la preferenza ai filibustieri. L’Italia è quello che ci siamo costruiti, a partire dalla cabina elettorale.

    Per quanto riguarda i ristorni l’accordo prevede che ai comuni non verrà a mancare il gettito comunque importante visto che è stato già accantonato tale importo dalle tasse leggermente più alte per quanto riguarda la fiscalità lato italiano (circa 8-12% in meno sul netto progressivo in 10 anni).

    Di stipendi di 2500 chf ne ho sentiti parlare, sicuramente ci sono persone con tale stipendio ma come dice lei sono mansioni poco qualificate e se proprio vogliamo essere onesti tutti i conoscenti frontalieri con cui ho avuto a che fare non si lamentano di certo dello stipendio che considerano una manna dal cielo.

    in I frontalieri scendono in piazza: manifestazione il 2 aprile

    3 marzo 2016 alle 9:28
  92. In pratica ne deduciamo che confidare nell’onestà di un popolo di ipotetici ladri se la si prende in saccoccia. Gli onesti in questo paese sono la minoranza.
    Inoltre si carica la Gdf di un ulteriore gravoso compito.
    Non sarebbe meglio far pagare direttamente il ticket nella struttura sanitaria?

    in Gli ospedali si difendono: “Siamo fortemente impegnati nella riscossione dei ticket”

    20 febbraio 2016 alle 15:00
  93. Perchè delle regole l’italiano se ne vuole sbatterne. E’ endemico, credo sia nel dna delle persone. Gli autovelox li considerano anti-democratici.

    in L’A8, la superstrada e l’occasione (persa) di Pedemontana

    19 febbraio 2016 alle 16:56
  94. Sì, certo. Tutte sante persone solo perchè leghiste.

    in Rizzi interrogato in carcere, il legale: “Sta chiarendo”

    19 febbraio 2016 alle 16:55
  95. Ed io che pensavo che Pedemontana fluttuasse sopra i campi.
    Ma guarda, vuoi dire che il bosco scomparso della Moronera a Lomazzo c’è ancora, che non si è consumato spazio?

    in Pedaggio e Pedemontana, guai anche per il Telepass

    2 febbraio 2016 alle 21:20
  96. Non è che tutti nascono con l’attitudine allo studio. Non vedo perché non si riesce ad ammettere che ogni tanto esistono anche le capre che andrebbero quanto prima indirizzate ai lavori manuali e di mestiere. Magari ne trarrebbero maggior beneficio e non creerebbero l’ennesima situazione di scuola-parcheggio in attesa della laurea che tanto a danno a tutti.

    in “Il liceo è una scuola aperta a tutti. Ma non è per tutti”

    22 gennaio 2016 alle 21:46
  97. Ineccepibile. Considero la religione una questione esclusivamente e squisitamente privata.
    Più che insegnarla a scuola occuperei parte del tempo a preparare le persone per quello che gli riserverà il mondo del lavoro in futuro.
    Se proprio si deve insegnare qualcosa a livello umanistico incomincerei a reintrodurre educazione civica.
    Le divinità lasciamole a chi crede e soprattutto trattiamole fuori da una istutuzione che dovrebbe preparare l’individuo per il reale e non per l’immaginario.

    in Religione a scuola? Parliamone seriamente

    14 gennaio 2016 alle 15:06
  98. Forse è il caso di andare oltre agli slogan propagandistici….

    Dalla prima occhiata risulta che la situazione dopo un giorno di blocco a Milano è rimasta stabile. Ora è vero che il blocco ha avuto una durata limitata, ma comunque questa lettura di ciò che è accaduto è sorprendente. Il traffico è, assieme al riscaldamento, il responsabile principale del problema e se lo si ferma non succede nulla? Possibile?
    La risposta è no, non è possibile. E infatti non è accaduto. La misura ha dato effetti ridotti, perché per avere più successo avrebbe dovuto essere estesa nel tempo e nello spazio, ma comunque un risultato c’è stato. Il successo, relativo visto che i valori restano troppo alti, consiste nel non aver peggiorato la situazione passando dalla giornata festiva a quella feriale. Se si confronta il dato registrato da varie centraline non con quello del giorno prima (domenica) ma con quello del lunedì precedente si scopre che una riduzione c’è stata: -18% Senato, -29% Verziere, -30% Pascal.
    E la prova del 9 viene confrontando quello che è successo dove non si è fermato il traffico: lì c’è stato un aumento delle polveri sottili. A Bergamo tra il 27 e il 28 dicembre si è passati da 57 a 96 microgrammi per metro cubo di PM10 (+39 µg/m³ = +68%); a Meda da 91 a 124 (+33 µg/m³ = +36%); a Gallarate da 68 a 86 (+18 µg/m³ = +26%); a Como da 72 a 85 (+13 µg/m³ = +18%); a Brescia da 55 a 67 (+12 µg/m³ = +21%). A Pavia, invece, dove è stato applicato lo stesso divieto alla circolazione di Milano, tra il 27 e il 28 dicembre si è registrato un miglioramento: da 39 a 32 (-7 µg/m³ = -17%).

    in Maroni boccia il blocco auto, in provincia Pm10 ancora alto

    29 dicembre 2015 alle 21:39
  99. Io che leghista non sono mi è comunque difficile cercare di soffocare certi pregiudizi.
    E’ solo una questione di buon senso. Sembrerebbe che in alcune culture non esista una via di mezzo ma si passi direttamente dagli insulti al coltello.

    in Tenta di uccidere il vicino di casa

    8 dicembre 2015 alle 19:28
  100. E quindi ci illumini, lei cosa sceglie?
    non dica 5 stelle perché dove ha governato si è dimostrato molto ricco di parole ma alla prova dei fatti….
    Io voterò PD. Dove abito ha governato e governa bene ponendo rimedio a 20 anni di sfacelo leghista (con annessi buchi di bilancio).
    Comunque non comprendo questo astio verso uno dei pochi momenti in cui delle persone pubblicamente si confrontano.
    Forse siete abituati a ducetti e leader vari che si blindano in ville sorvegliate a scambiarsi favori.

    in Primarie, gli appuntamenti dei 4 candidati

    6 dicembre 2015 alle 20:16
  101. Uno che scrive (anche cose giuste) infarcendo il testo di hashtag è assolutamente illeggibile.

    in Aria irrespirabile: smog 2,5 volte superiore ai limiti

    6 dicembre 2015 alle 19:01
  102. La biglietteria automatica a Tradate accetta sia bancomat che carta di credito.

    in “Abbonamento ‘bloccato’ per un giorno e mi fanno scendere dal treno”

    3 dicembre 2015 alle 11:27
  103. La posizione l’ho presa decine di anni fa non votando questa manica di sciamannati a cui invece voi avete dato carta bianca solo perché in qualche modo vi veniva comodo.
    Io non soffro della sindrome del bi-pensiero orwelliano. Non li appoggio per poi scendere in piazza e criticare.
    Questo progetto era pieno di difetti fin dall’inizio. Tutte le interrogazioni parlamentali e regionali le avete bollate come la solita opposizione di quattro ambientalisti rompicoglioni. Ora tenetevi autostrada incompleta con relativo pedaggio da regione di eccellenza.
    Sbattere i pugni sul tavolo a Roma è una riposta che fa capire quando queste persone trattino e vedano il popolo: una massa di coglioni.
    Le ricordo che fino a poco tempo fa lo stesso Maroni era a Roma ed i pugni sul tavolo non li batteva mai.

    Le ricordo inoltre che in questa ragione la destra governa da almeno 30 anni.
    Cosa vuole che le dica…quando le priorità del governo leghista-pdellista sono i condoni fiscali è ovvio che le autostrade si costruiscano solo per uno scopo: fare cassa, più possibile e nel più breve tempo possibile.

    in Maroni: “Boicottare Pedemontana? E’ la sindrome Tafazzi”

    8 novembre 2015 alle 12:12
  104. Se mettono i radar poi dobbiamo subire le lamentele di quelli che si sentono violati nella loro libertà di andare come gli pare.
    Siamo in Italia che pretende?

    in Incidente sul raccordo, riaperta l’autostrada

    15 settembre 2015 alle 21:46
  105. @ABC
    “Bruciare il paese” non è una paura incontrollata. E’ sempre sto linguaggio del ca**o di queste persone che non riescono a fare a meno di comunicare con svastiche e fasci littori e sostanzialmente di non accettare le regole se le stesse vanno contro i loro interessi.

    in Casa Pound occupa il centro sportivo di Castano. “Faremo la nostra festa”

    11 settembre 2015 alle 18:08
  106. Uhm…non vorrei dissentire ma in Francia molte autostrade sono gestite da società private, non a caso si spiega la massiccia presenza di barriere con pagamento di pedaggio. Il problema è che in Francia si può benissimo scegliere di non prendere l’autostrada vista la presenza di molte strade statali in mezzo ad una campagna vastissima.
    Purtroppo per noi i francesi hanno molto spazio e come densità abitativa sono meno di noi.

    in Dal primo novembre Pedemontana si paga

    2 settembre 2015 alle 21:21
  107. Caro assurdo,

    la notizia l’ho letta anch’io e l’ho letta semplicemente perchè l’assassino è straniero e quindi ha i requisiti per certi avvoltoi politici al fine di scatenare il putiferio mediatico.
    Invece tutto è finito nel dimenticatoio quando (ribaltando i ruoli) l’ucraino Anatoly, da anni residente in Italia) è stato ucciso per aver tentato di difendere il personale di un supermercato nel corso di una rapina commessa da italianissimi.

    http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/anatoliy-korol-quelli-che-non-doveva-farlo-2262217/

    Il problema quindi non è il crimine, che andrebbe trattato nello stesso IDENTICO modo indipendentemente da chi lo commette, ma è che certa gente usa certi fatti di cronaca pur di farsi campagna politica.

    Non so come dirlo e sarò diretto: ecco, a me questa gente fa schifo nello stesso identico modo di chi uccide una persona.
    Capisco che fare populismo è molto facile, del resto siamo nel paese delle processioni con inchino davanti alle case di mafiosi. Quindi di che legalità e rispetto delle regole stiamo parlando?

    in Gli antirazzisti protestano contro “Dalla vostra parte”

    31 agosto 2015 alle 17:43
  108. Gentile sig. Galbiate,

    di grazia, spiegatemi con parole semplici che usereste con un ignorante perché una persona nel 2015 deve alzare il braccio testo quando quello stesso braccio inequivocabilmente è associato ad una dittatura sanguinaria ed ad un periodo nefasto della storia europea e mondiale.
    Ovviamente stesse parole di sdegno per i milioni di morti stalinisti e mai e poi mai nella mia vita mi permetterei di appoggiare queste idee sanguinarie ed i gesti a loro associate.

    Se poi dobbiamo stare qui a questionare su quali morti abbiano più peso nella storia, quelli neri o quelli rossi o quelli a stelle e strisce, oppure quelli gialli…beh signori siam messi male e permettetemi che questi discorsi non hanno molto senso se non quello di giustificare la vostra innata indole nel corteggiare il mito di grandezza di queste dittature, grandezza pagata sulle vite di milioni di persone, compresi i vostri lontani parenti.

    E non si dicano sciocchezze sul rispettare i morti dell’olocausto. Ogni volta che viene alzata quella mano tesa i morti dell’olocausto vengono insultati. Senza troppi giri di parole cordialmente la saluto sperando che un giorno le mie idee non vengano usate per farmi sparire definitivamente a chi si elegge a giudice e censore.

    in Il saluto romano è un gesto offensivo verso le vittime del nazifascismo

    10 agosto 2015 alle 21:25
  109. Credo che ormai agl italiani non interessi più far rispettare le regole.
    E’ un si salvi chi può generalizzato.

    Prima di tutto i Vigili urbani sono le persone più plasmabili del pianeta. Quando gli conviene escono con intere squadre per setacciare a tappeto interi quartieri (giustissimo).
    Poi si addormentano per qualche mese ed in questo periodo solitamente c’è l’anarchia generalizzata.

    Se chi dovrebbe far rispettare le regole è il primo ad non aver interesse nel farlo non vedo quale possa essere la soluzione.
    Credo che la convivenza civile in Italia sia ormai prossima a livello di Nord-Africa, Sudamerica.

    in Se le auto parcheggiano nei posti per le moto

    10 agosto 2015 alle 12:53
  110. Mai nessuno che ha il coraggio di dire che alla fine dei ragazzi non frega niente a nessuno, tranne al sig Battaggi che evidentemente ne ha fatto una missione di vita. Sarebbe stato curioso sapere i nomi delle discoteche che non hanno gradito la sua presenza. Perché alla fine quello che conta è il business. Ci si scandalizza per qualche settimana ma poi nell’ordine:
    – i controlli finiscono
    – i gestori girano la testa dall’altra parte
    – ed è assodato (come giustamente ha scritto Zago) che in alcune discoteche ci vai solo se ti strafai per reggere ritmi infernali.

    Quindi di cosa stiamo parlando? Parliamo di lotta alle droghe o parliamo di ipocrisia generalizzata?
    A mio avviso se incominciamo a chiudere una dopo l’altra le discoteche che hanno al loro ingresso o dentro degli spacciatori vedremo che alla fine sarà interesse dello stesso gestore avere un ambiente controllato.
    Si è incominciato dal Cocoricò, pace, ce ne faremo una ragione.

    Se non si fa così siamo sempre qui ad accettare che i nostri figli non vadano in discoteca per divertirsi ma a delle rivendite di droghe travestite da discoteche.
    E’ accettabile per voi?

    in “La chiusura del Cocoricò? Un’ipocrisia che non aiuta nessuno”

    7 agosto 2015 alle 18:22
  111. Gentile signore, qualsiasi problema diventa incomprensibile agli altri se gli altri non lo percepiscono come tale.
    Allora diventiamo tutti refrattari a qualsiasi cosa e ci tappiamo gli occhi di fronte a quello che invece dovrebbe formare le regole della civile convivenza.
    Ad un certo punto non vedo più i pazzi al volante, i motociclisti che sorpassano come matti, i ciclisti che vanno come forsennati sulle piste ciclabili, allora mi sembra di vivere come Candido di Voltaire, nel migliore dei mondi possibili.
    Tutto questo diventa la “fisima” di qualcun altro fino a che ovviamente poi non arrivare a toccare gli interessi personali.
    Mi dispiace averla tediata con le mie fisime da psicanalisi.

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    30 luglio 2015 alle 8:59
  112. Prima di tutto la ringrazio per la sua correttezza e sensibilità. Purtroppo non tutti i padroni di cani sono come Lei.
    A tutti quelli che mi danno dell’ignorante non posso fare altro che invitarli a passare un periodo fuori da questo paese, magari in Svizzera, dove addirittura ai cani fanno l’esame del DNA in modo tale da rintracciare il proprietario a partire dalle feci. Esagerati? Non saprei, credo che la stessa tecnica sia stata adottata anche a Vercelli per un periodo di tempo.

    La lettera è ovviamente provocatoria, usa un linguaggio forte ma ovviamente tutto deve essere proporzionato all’odore che ogni volta sento raccogliendo le cacche.

    Detto questo non è perchè ho voluto condividere le mie disavventure con il mondo canino allora significa che tollero tutto il resto (qualcuno ha scritto anche che preferisco gli immigrati che la fanno nelle aiuole).

    Io voglio dare un minimo di decenza a questo paese che ormai considera avere la spazzatura fuori casa come “normale”. Tengo pulito anche i boschi, quando trovo qualcosa lo porto via ma sembra ovviamente che gli italiani si siano abituati a questa indecenza ormai costante che sembra scomparire appena varchi il confine di questo paese.

    Vi piace così? Non credo proprio.

    in “Cani? Una moda, come l’Iphone”

    28 luglio 2015 alle 10:31
  113. Ha centrato il problema. Non riusciamo a gestire le persone, non riusciamo a far rispettare le leggi, non insegniamo più educazione civica.
    Figuriamoci con i cani che sono il riflesso dei padroni.

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    28 luglio 2015 alle 10:17
  114. Nell’ordine leggo:
    – La Stampa
    – Il Sole 24 Ore
    – Repubblica
    Lei fa di ogni cosa un colore politico. Va benissimo così.

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    28 luglio 2015 alle 10:16
  115. Di solito il mondo è pieno di gente peggiore. Chi fa le guerre, chi uccide per quattro soldi, chi ruba, chi truffa, chi fa fare la cacca al proprio cane dove vuole….

    Mi fa piacere che mi ha annoverato tra il mondo “peggiore possibile”. Rispetto anche la dicitura egocentrico…lo si diventa quando si cerca di far presente che nella società esistono delle regole. Lieto di essere egocentrico.

    Ovviamente lettere come le mie sono fastidiose perchè vanno a colpire i nervi scoperti di chi si crede il diritto di fare quelle che vuole (e solitamente si sente tirato in causa).
    Io non vado a fare i bisogni fuori gli usci di casa. Io non le urlo sotto le finestre di casa tutta notte. Mi dica lei qual’è il prepotente. Chi scrive una lettera o chi giustifica sempre e comunque questi comportamenti.

    in “Cani? Una moda, come l’Iphone”

    27 luglio 2015 alle 16:49
  116. Già …gli immigrati possiamo liberamente urlare di farli affondare sui barconi ma guai a toccare i surrogati umani a 4 zampe.
    Eserciti di fanatici degli animali che si scandalizzano.

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    27 luglio 2015 alle 16:37
  117. E’ una provocazione, certo, ma in fondo c’è un profondo senso di verità e voglia di convivenza civica che vorrei che emergesse sempre più in questa società del “io so io e voi non siete un cazzo” (per dirla alla Marchese del Grillo).
    Quello che vedo è che ormai non c’è rispetto su nulla e nemmeno quella percezione nel vivere in uno spazio, una via, un prato che è di tutti, che non posso usare solo in base alla mia personalissima convenienza e soprattutto non posso imbrattare pensando che tanto non è roba mia, non mi appartiene.

    Non ho convenienza ad essere “politically correct” e quindi parlo fuori dai denti, senza freni perchè sono convinto che il livello del rispetto civico che abbiamo in giro non sia più affrontabile con le belle paroline ed i buoni propositi. Credo che ci voglia fermezza soprattutto verso chi considera le regole “adattabili”, allungabili o meno a seconda del proprio interesse personale.

    Grazie

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    27 luglio 2015 alle 11:57
  118. Esseri umani ed animali sono un pò diversi (a parte il numero di zampe) e mi piacerebbe che non si usassero i bambini raffrontandoli con i cani.
    I bambini hanno facoltà di discernimento su dove fare la cacca, sopratutto se affiancati da genitori che abbiano raggiunto un filino in più di evoluzione rispetto ai primati. I bambini soprattutto si differenziano in quanto sono esseri umani. Altresì i cani sono animali che sono trattati come essere umani.

    Sull’ignoranza lasciamo perdere…a furia di rimediare agli atti di inciviltà degli altri sarò diventato ignorante. Chiederò al premio Pulizter che fa passaeggiare il cane-cagatoio di illuminarmi sulle moderne regole di rispetto e convivenza civile.

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    27 luglio 2015 alle 8:41
  119. Scusate, fatemi capire….ma vivete tutti in Svizzera? Avete strade e boschi lindi…tutti rispettosi del prossimo?

    Io questo paese lo vedo sempre più infestato da gente che finchè è libera di fare quello che vuole va tutto bene e siamo tutti amici. Quando qualcuno protesta perchè stanco di subire e raccogliere la merda di altri allora gli date del sociopatico e gli consigliate di andare da uno psicologo.

    Voi sì che siete avanti. Gran modello di rispetto non c’è che dire.

    in “Cani, una moda come l’Iphone”

    27 luglio 2015 alle 8:35
  120. Le ricordo che il cavaliere fu il maggior sponsor della evasione fiscale “moralizzata” in quanto le tasse (da lui decise) erano a suo dire troppo elevate. Ha anche sponsorizzato ben 3 condoni fiscali, manovre pericolosissime dal punto di vista sociale in quanto fanno permeare l’idea che alla fine ad evadere rischi poco o nulla.
    Un paese che incomincia a dubitare che sia etico e giusto pagare le tasse per disporre di servizi non ha un futuro roseo.

    in I greci scelgono il “no”: festa in tutto il Paese

    6 luglio 2015 alle 22:07
  121. Il mio commento è l’evidente espressione che in questo paese vince chi se ne infischia, chi non ha un minimo rispetto degli altri e delle esigenze che non siano strettamente le sue, le quali consistono in andare di sera in sera a sbevazzare di locale in locale.
    Io questo paese lo costruito giorno per giorno, senza post su Facebook, senza atteggiarmi a re della movida e senza infilarci parole straniere in ogni frase perché fa figo.

    in Vita notturna tra divertimento e proteste: la “movida” in rivolta

    6 luglio 2015 alle 22:03
  122. Una interessante analisi del debito greco:
    http://partitodemocraticoparigi.org/2010/05/03/la-crisi-greca-for-dummies-emanuele-dolce/

    in TSIPRAS un esempio da non seguire per conservare pace e ordine

    6 luglio 2015 alle 8:59
  123. Scusi Bettin, senza alcuna polemica. Mi sembra che il faraonico manto stradale con granito e porfido voluto e realizzato dalla precedente amministrazione sia durato circa 3 anni con quali costi? Ora è un continuo avvallamento, pezzi che si staccano e continui rattoppi….il tutto credo frutto di una posa in opera quantomeno realizzata in modo superficiale ed errato.
    Qualcuno ha controllato i lavori od erano solo per farsi belli in pre-campagna elettorale? Quanto ci sono costati i graniti per terra per poi essere costretti a rifarne il 60%?

    in Campanini: “Rendiconto del 2014: un risultato strepitoso”

    23 maggio 2015 alle 18:11
  124. Sig. Fernando…pensare di trovare giustificazioni a quello che è successo oggi a Milano denota un cervello che ha qualche problema logico oltre che di ragione. Non c’è pretesto valido per devastare una città.
    Questa è gente (o sarebbe meglio dire delinquenti) che si appiglia a tutto pur di generare caos e anarchia.
    Ovviamente poi lei non lavora come commesso in uno di quei negozi oppure l’auto incendiata non è la sua e come sempre parla con il solito coraggio del NIMBY.

    in Disordini a Milano: finisce nel caos il corteo No Expo

    1 maggio 2015 alle 20:08

Foto dei lettori (2)

  1. L’indifferenziata nel Fontanile

    L’indifferenziata nel Fontanile

    9 gennaio 2018

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  2. Tradate: Fontanile Discarica

    Tradate: Fontanile Discarica

    28 agosto 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...

Notizie (0)

Lettere (20)

  1. 25 aprile : Povera Italia

    25 aprile : Povera Italia

    26 aprile 2018

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  2. Questione di priorità

    Questione di priorità

    4 aprile 2018

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  3. Preferisco l’estinzione

    Preferisco l’estinzione

    3 aprile 2018

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  4. Eran quattro ragazzotti innocui anche loro…
  5. EMA e l’Europa che non vuole decidere

    EMA e l’Europa che non vuole decidere

    21 novembre 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  6. Fallimento di un paese?

    Fallimento di un paese?

    14 novembre 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  7. Meno Strade = Meno Traffico

    Meno Strade = Meno Traffico

    7 novembre 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  8. Carne…

    Carne…

    7 novembre 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  9. Il “SuperViaggio” TreNord

    Il “SuperViaggio” TreNord

    19 ottobre 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  10. La Super Classe di TreNord

    La Super Classe di TreNord

    26 settembre 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  11. Io AMO Castiglione, anche se…

    Io AMO Castiglione, anche se…

    28 agosto 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  12. I tablet di Maroni

    I tablet di Maroni

    2 agosto 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  13. Hanno vinto loro

    Hanno vinto loro

    19 luglio 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  14. http://www.varesenews.it/photogallery_new/images/2015/04/le-vostre-grigliate-444015.250x184.jpg

    Animalisti per convenienza e per noia

    18 aprile 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  15. Sia fatta la mia volontà

    Sia fatta la mia volontà

    28 febbraio 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  16. Palme di Milano…la cartina di tornasole di gretti provinciali
  17. Lupo e Nuvola sono vivi

    Lupo e Nuvola sono vivi

    23 gennaio 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  18. Inciviltà al Fontanile

    Inciviltà al Fontanile

    18 gennaio 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  19. La Lügenpresse Grillina

    La Lügenpresse Grillina

    8 gennaio 2017

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...
  20. Un paese fossilizzato

    Un paese fossilizzato

    6 dicembre 2016

    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...

Auguri (0)

Viaggi (0)

Nascite (0)

Matrimoni (0)