It is becoming increasingly likely that the prehistoric pile dwellings in the Alps will officially receive UNESCO World Heritage recognition. Tomorrow (26 January), in Paris, the countries concerned, led by Switzerland, will sign the candidacy for the prestigious recognition. Among these, there is also Italy, who have included Virginia Island, near Varese, among their prehistoric sites. The file comes with an inventory of the known pole-dwelling sites, which, for the first time, has been standardised for all countries.

The signing of the file for UNESCO World Heritage recognition marks the first important step in the candidacy of the “prehistoric pole-dwelling sites in the Alps”. This objective has been achieved thanks to close international collaboration, where Switzerland has played the role of promoter, preparing the candidacy, since 2004, together with Austria, Slovenia, Italy, Germany and France.

The historic value – The “pole-dwelling sites” are the remains of prehistoric settlements in lakes, and marshes in the Alps. Among the sites competing, 156 of the approximately 1000 known sites are in the six countries in question, and so, this is a trans-national serial application for inclusion in the World Heritage list. In Switzerland, 15 cantons are involved, and a high density of pole-dwelling sites can be found particularly near the large lakes. A list of the pole-dwelling sites can be found on the website of the Federal Office of Culture. 

The first international inventory – International collaboration to safeguard this extraordinary cultural heritage is one of the most important objectives of UNESCO World Heritage. In preparing the candidacy, cooperation in the archaeology of pole-dwelling sites has improved considerably; for the first time, it has been possible to introduce a standardised inventory for all countries, which gathers together all the known pole-dwelling sites, mapping them, and the surrounding protection areas, out. By means of indicators, the inventory provides information on the dating, it indicates the particular value of the site, with respect to World Heritage, and it defines the surrounding zone, the state of preservation and any possible threats. In addition, the inventory contains information on legal protection, on technical preservation measures, and bibliographical references.

New dynamics for research – The standardised, trans-national inventory brings new dynamics to the archaeology of pole-dwelling sites. The countries concerned have set up a common management plan that includes measures that are applied at local, regional and national levels. This also provides a base for future international collaboration; a number of common projects have been planned, in this case, in the areas of research and preservation, and of sensitisation and mediation. An international coordination group has been set up to implement these projects.

The base for the discovery of the first agricultural societies – The remains of prehistoric settlements provide living evidence of the origins and development of agricultural societies in the Alps. Thanks to particularly favourable conditions, the organic matter of which most of the objects in the prehistoric age (which can no longer be found in normal, dry ground sites) were made, has been preserved in an excellent condition: wood, textile products, plants or food remains today enable modern archaeology, and similar sciences, like archaeobotany and climatological research, to make precise assertions about life in the Alps, in prehistoric times. The extraordinarily high density of sites and research data, spread over quite a vast geographical area, allows making reliable statements, reconstructing social developments and having a global view of the cultural exchanges between different cultural groups.

The importance of the candidacy – The candidacy of the pole-dwelling sites is unusual and complex, particularly because the exceptional nature of its value is still not visible, given that the sites are situated beneath the earth’s surface. The archaeological organic material is very sensitive and requires uniform preservation conditions. The candidacy for UNESCO World Heritage recognition contributes decisively to illustrating the importance to a vast public, and to increasing the protection of the sites. 

The decision – Once Jean-Frédéric Jauslin and the qualified delegates of the countries concerned have sent the candidacy file, this will be examined, in the summer of 2010, by the experts of the International Council on Monuments and Sites ICOMOS, UNESCO’s advisory body. The World Heritage Committee will decide as soon as possible, during the 2011 session.

[post_title] => Prehistory applies for UNESCO World Heritage recognition [post_excerpt] => The official candidacy of the “pile dwellings in the Alps” will be signed tomorrow in Paris. The file contains an inventory, which, for the first time, has gathered all of the prehistoric sites in Italy [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => prehistory-applies-for-unesco-world-heritage-recognition [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2010-01-27 00:00:00 [post_modified_gmt] => 2010-01-27 00:00:00 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) ) [post_count] => 2 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 158311 [post_author] => 10 [post_date] => 2010-01-25 00:00:00 [post_date_gmt] => 2010-01-25 00:00:00 [post_content] => palafitte patrimonio unescoSi fa sempre più vicina la possibilità che le storiche palafitte dell'arco alpino diventino ufficialmente "Patrimonio mondiale" dell'Unesco. Domani (26 gennaio) a Parigi i Paesi interessati, guidati dalla Svizzera, firmeranno la candidatura al prestigioso riconoscimento internazionale. Tra questi c'è anche l'Italia che presenta tra i siti preistorici anche l'Isolino Virginia di Varese. Il dossier è corredato da un inventario, per la prima volta standardizzato per tutti i Paesi, dei siti palafitticoli noti. 
La firma del dossier per il Patrimonio mondiale dell'UNESCO segna una prima tappa importante nella candidatura dei «Siti palafitticoli preistorici nell'arco alpino». Un obiettivo raggiunto grazie alla stretta collaborazione internazionale, in cui la Svizzera ha svolto il ruolo di promotore, elaborando la candidatura dal 2004 insieme ad Austria, Slovenia, Italia, Germania e Francia. 
 
Il valore storico - I «siti palafitticoli» sono resti di insediamenti preistorici in laghi e paludi nell'arco alpino. Fra le candidature in lizza ci sono 156 dei circa 1000 siti noti nei sei Paesi in questione, di conseguenza si tratta di una proposta seriale transnazionale per la lista del Patrimonio mondiale. In Svizzera sono coinvolti 15 Cantoni e si osserva un'alta densità di siti palafitticoli in particolare in prossimità di grandi laghi. È disponibile un elenco dei siti palafitticoli sul sito Internet dell'Ufficio federale della cultura UFC.
 
palafitte patrimonio unesco Il primo inventario internazionale - La collaborazione internazionale volta a salvaguardare il patrimonio culturale straordinario è uno degli obiettivi più importanti del Patrimonio mondiale dell'UNESCO. L'elaborazione della candidatura ha consentito di migliorare nettamente la cooperazione nell'ambito dell'archeologia dei siti palafitticoli: per la prima volta è stato possibile introdurre un inventario standardizzato per tutti i Paesi, che raccoglie l'insieme dei siti palafitticoli noti e rappresenta a livello cartografico i siti e la relativa zona di protezione attigua. Tramite indicatori, l'inventario fornisce informazioni sulla datazione, indica il valore particolare del sito in relazione al Patrimonio mondiale, definisce la zona attigua, lo stato di conservazione e le possibili minacce. Inoltre, l'inventario riporta informazioni sulla protezione legale, sulle misure tecniche di conservazione nonché riferimenti bibliografici.
 
Una nuova dinamica per la ricerca - L'inventario standardizzato e transnazionale apporta una nuova dinamica nell'archeologia dei siti palafitticoli: i Paesi interessati hanno avviato un piano di gestione comune, che comprende misure pianificate e previste a livello locale, regionale e nazionale. Funge inoltre da base per la futura collaborazione internazionale: sono stati pianificati diversi progetti comuni, nella fattispecie nell'ambito della ricerca e della conservazione così come della sensibilizzazione e della mediazione. Per la loro applicazione è stato fondato un gruppo di coordinazione internazionale.
 
La base per la scoperta delle prime società agrarie - I resti di insediamenti preistorici forniscono una testimonianza vivente delle origini e dello sviluppo delle società agrarie nell'arco alpino. Grazie a condizioni particolarmente favorevoli, si sono conservate in maniera ottimale le materie organiche di cui era costituita la maggior parte degli oggetti in epoca preistorica, non più reperibili in normali siti di terreno secco: legno, prodotti tessili, piante o resti alimentari consentono oggi alla moderna archeologia, ma anche a scienze affini come l'archeobotanica e la ricerca climatologica, di formulare precise asserzioni sulla vita nell'arco alpino in epoca preistorica. La densità straordinariamente elevata di siti e dati di ricerca, ripartiti su una zona geografica piuttosto vasta, consente di esprimersi in modo affidabile, di ricostruire gli sviluppi sociali e di avere una visione globale degli scambi culturali tra i diversi gruppi culturali.
 
L'importanza della candidatura - La candidatura dei siti palafitticoli è particolare e complessa, soprattutto perché il carattere eccezionale del suo valore non è tuttora visibile, dal momento che i siti sono ubicati sotto la superficie terrestre. Il materiale organico archeologico è assai sensibile e richiede condizioni di conservazione uniformi. La candidatura al Patrimonio mondiale dell'UNESCO contribuisce in maniera decisiva a illustrarne l'importanza a un vasto pubblico e a potenziare la tutela dei siti.
 
La decisione - Una volta che Jean-Frédéric Jauslin e i delegati competenti dei Paesi interessati avranno inoltrato il dossier di candidatura, nell'estate 2010 questo verrà sottoposto al vaglio degli esperti dell'International Council on Monuments and Sites ICOMOS, l'organizzazione consultiva dell'UNESCO. La decisione del Comitato per il Patrimonio mondiale sarà presa, al più presto, in occasione della sessione 2011.
[post_title] => Una preistoria da patrimonio Unesco [post_excerpt] => La candidatura ufficiale delle "palafitte dell'arco alpino" sarà firmata domani a Parigi. Nel dossier un inventario che per la prima volta raccoglie tutti i siti preistorici del nostro territorio [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => una-preistoria-da-patrimonio-unesco [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2010-01-25 00:00:00 [post_modified_gmt] => 2010-01-25 00:00:00 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 0 [max_num_pages] => 0 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => 1 [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => bab4196f41f95d073b9613e240508986 [query_vars_changed:WP_Query:private] => 1 [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) ) -->