Cantello, i roccoli e l’arte di imitare i tordi

Alberto Molgora ha abitato, quand’era piccolo, ai bordi dello storico roccolo del Gasparotto a Ligurno di Cantello, ora luogo di interesse storico ma da sempre luogo di caccia (prima per mangiarli, poi per catalogarli) degli uccelli migratori.

Tra le capacità che  bisognava sviluppare in un roccolo, c’era quella di imitare gli uccelli: e il piccolo Alberto ha imparato a imitare “a bocca libera” cioè senza strumenti, tordi e tordi sassella. Eccolo, molti anni dopo, mentre li riproduce durante la visita al roccolo del Gasparotto, eccezionalmente riaperto in occasione dell‘incontro che ha commemorato il senatore.

la sagra degli uccelli

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.