Gli spazi dell’arte

I fusti neri utilizzati per le scorie radioattive al Jrc di Ispra diventeranno delle opere d’arte. Per due settimane a partire dal 29 settembre, data dell’inaugurazione, cinquanta opere di altrettanti artisti verranno esposte nel deposito temporaneo (Interim storage facility) dove verranno stoccate le scorie nucleari del centro di ricerca sul Lago Maggiore. “Gli spazi dell’arte“, progetto nato da una intuizione del comitato culturale del Jrc, ha una finalità artistica e al tempo stesso una missione scientifica, ovvero parlare del tema della disattivazione nucleare e quindi dell’eredità che lasciamo alle future generazioni.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.