“Ribellati sto c….”, scritta offensiva sul muro del candidato

Ignoti hanno imbrattato l’esterno dell’abitazione di Giovanni Stefanazzi, candidato alle provincialei per il Fronte Indipendentista

Una frase offensiva, in spray nero. E, sotto la scritta, un simbolo anarchico. Il tono è inequivocabile, quello dell’offesa, più che dell’intimidazione, di stampo politico: “Ribellati sto cazzo!” (foto).
Destinatario della scritta Giovanni Stefanazzi, candidato per il Fronte Indipendentista di Max Ferrari alle provinciali dei prossimi 27-28 maggio. Stefanazzi, 61 anni, artigiano tessile, vive in via F.Nannetti a Busto Arsizio. «Ieri sera – racconta – ero uscito attorno alle 21 per fare propaganda politica. Al mo rientro, verso l’una e mezza, la scritta, ancora fresca. Ora sto andando dai carabinieri per la denuncia».

Secondo le vittime del gesto, la "firma" a fondo anarchico sarebbe un depistaggio per stornare l’attenzione dai veri autori
del gesto.

L’offesa riprende lo slogan che il partito di Ferrari sta utilizzando sui cartelloni elettorali: “Ribellati!” (foto). 
Giovanni
Stefanazzi non è alla sua prima esperienza politica. E’ uno dei
fuoriusciti dalla Lega in contestazione con la linea «troppo morbida»
del partito, come afferma al telefono. Leghista da vent’anni, se ne è
andato dal movimento di Bossi nel dicembre del 2005. Nell’ultima
tornata delle provinciali si presentò con la Lega raccogliendo un
migliaio di voti. Ora è candidato al collegio 5 "Busto Arsizio 1” e al
collegio 5 “Azzate”. «Non vivo di politica, ma fare politica è un mio
diritto – conclude Stefanazzi – non mi farò intimidire da nessuno»

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Maggio 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.