Alitalia, i clienti cargo preferiscono Malpensa

Secondo un'indiscrezione i maggiori clienti della compagnia di bandiera non vorrebbero trasferire le rotte dal Nord Italia a Roma Fiumicino

Da Malpensa non ce ne andiamo. Lo dicono i clienti di Alitalia Cargo che hanno parteicpato ieri, 29 agosto, ad una riunione. Secondo indiscrezioni, le aziende dei trasporti sceglierebbero altre compagnie se Alitalia trasferisse a Fiumicino rotte che gli operatori giudicano economicamente favorevoli. Per Alitalia sarebbe una perdita secca. Non solo autorità politiche, amministrative e organizzazioni economiche e di categoria si sono sollevate in difesa del ruolo di Malpensa, quindi. Da indiscrezioni si è saputo infatti anche che la totalità dei clienti di Alitalia Cargo, venuti a conoscenza del contenuto del piano che il presidente della compagnia tricolore Maurizio Prato ha predisposto, si sarebbero infatti detti contrari ad un trasferimento dei voli internazionali.

 

La riunione sarebbe stata interrotta quando Alitalia ha presentato il programma dei voli intercontinentali passeggeri che trasportano merce a partire dal prossimo 1 aprile 2008: le uniche destinazioni intercontinentali passeggeri che rimarranno in partenza da Malpensa sarebbero quelle per New York e Buenos Aires (giornalieri) e Tokyo (4 voli alla settimana), mentre tutte le altre destinazioni saranno operate da Fiumicino, non soltanto quindi Dheli e Shangai. Alitalia avrebbe anche proposto ai propri clienti la predisposizione gratuita di un MD11F (full cargo) in volo tre volte alla settimana tra Malpensa e la nuova Cargo City di Fiumicino. Niente di tutto ciò sarebbe però nei piani dei clienti di Alitalia, che avrebbero affermato di preferire altri vettori e sfruttare Alitalia solo per quanto riguarda i tre voli intercontinentali che rimarrebbero in base al nuovo piano industriale.

Se tutto ciò fosse confermato, Alitalia, scegliendo di allontanarsi da Malpensa per puntare su Fiumicino, perderebbe una buona fetta del mercato merci, giudicato da molti fondamentale per lo sviluppo economico e strategico di una compagnia e di un aeroporto. Malpensa al contrario, non perderebbe nulla o quasi: via Alitalia, altre compagnie sostituirebbero l’ex compagnia di bandiera per quanto riguarda le merci, tesi questa sostenuta in primis dal presidente di Sea Giuseppe Bonomi, convinto che se Alitalia abbandonasse Malpensa, ci sarebbe la fila per prenderne il posto, vuoi per i servizi offerti, vuoi per la posizione strategica, ponte ideale per le rotte businness.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Agosto 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.