Il padre della cardiologia varesina contro il nuovo Del Ponte

Pierfausto Vedani intervista Giovanni Binaghi, uno dei più apprezzati e attivi medici di Varese, in merito alla scelta di realizzare l'ospedale della mamma e del bambino

L’ultima domanda a Giovanni Binaghi,  padre della cardiologia   dell’ospedale di Circolo, l’ ho fatta con  estremo imbarazzo: «Professore, non abbiamo la sua fotografia, se ce ne  desse una..». La risposta è arrivata nel segno di una ironia non pungente, addirittura quasi divertita: «Posso accettare che voi giornalisti non abbiate una mia foto perché da medico non ho mai cercato la ribalta e nemmeno  da senatore ho propagandato un mio intervento che  di fatto ha salvato la nostra Università dalla cancellazione. Le dirò di più: dal momento della mia pensione  su di me a livello  di istituzioni è  calato  un silenzio conventuale. Io però ero e sono in pace con tutti avendo piena  coscienza di avere lavorato bene per la salute della nostra gente e di avere  trasmesso per 25 anni solida cultura cardiologica agli studenti della Facoltà di medicina e chirurgia».

La prima domanda al  professor Binaghi riguardava invece la destinazione del “ Filippo  Del Ponte” a polo materno infantile: era  doveroso dare la parola a un medico, di esemplare storia ospedaliera e lontano da appartenenze di qualsiasi tipo, su una vicenda che ha visto l’ambiente sanitario esprimere ampie riserve sull’iniziativa.

Molto diretta e franca la risposta di Giovanni Binaghi, un parere che ha radici in una trentennale esperienza d’avanguardia  che ha portato la cardiologia del “Circolo” da semplice servizio a dipartimento avanzato.

E proprio  ricordando la sua personale “cultura del  dipartimento” il professore sottolinea che il parere  vuole avere valenza in termini strettamente organizzativi e di qualità assistenziale: «Sono contrario infatti al nuovo polo solo perché non può contare su tutte le grandi risorse tecniche di intervento e cura, tra l’alto di alto profilo, disponibili in qualsiasi  momento, nella nuova struttura del “Circolo”. Se questi servizi fossero duplicati allora al materno infantile del Del Ponte verrebbe garantita la migliore efficienza possibile, cioè un’assistenza di livello assoluto agli ammalati, in caso contrario nei fine settimana e durante tutte le notti dovremmo rivedere , come accade da anni, trasferimenti di degenti dal Del Ponte nel nuovo ospedale per accertanenti diagnostici e interventi specialistici».

La  duplicazione  avrebbe  però un prezzo notevole.

Il trasferimento del  Del Ponte dunque si imporrebbe  come scelta ottimale.

«Nel vecchio ospedale ci sono importanti edifici  facilmente ristrutturabili, si tratta solo di sceglierne uno e inoltre come ho detto c’è la massima e rapida accessibilità ai servizi diagnostici specialistici che sono importanti ed efficienti. Davvero non capisco quale sia il motivo medico che induca alla scelta esterna  per il materno infantile. Forse prevale la storicità del Del Ponte, di sicuro un grande riferimento per i varesini, ma il mondo cambia, progredisce».

Lei  che ne farebbe del Del Ponte?
«L’area  è eccezionale, però la struttura potrebbe avere un’altra  destinazione sanitaria: sono diverse le valutazioni possibili, ma  da medico guardo avanti, alla cura della gente con i mezzi migliori, all’aggiornamento continuo delle tecnologie: allora  la vendita del vecchio ospedale darebbe alla  sanità cittadina  risorse  decisive».

 A proposito di ospedale , almeno un accenno alla “ sua” cardiologia.
«Funziona  bene,  se lei vuole ne riparleremo, ho visto ombre  logistiche, non mediche. La struttura forse è stata aperta in anticipo, non  ho capito la  gran fretta. La sanità si fonda su una cultura che richiede sempre anche attenzione e metodo.  E non ha molti punti di contatto con la cultura aziendale».

«Certamente e che appare oggi insostenibile per una sanità in difficoltà finanziarie. Non sembra per nulla conveniente   il raddoppio di servizi costosissimi  quando con una  soluzione  diversa il dipartimento materno infantile potrebbe  esprimere al meglio tutte  le sue potenzialità. Un polo così importante come il  nostro  dovrebbe avere  sede all’interno dell’ospedale. E i vantaggi non sarebbero solo di carattere assistenziale se si tiene conto anche della pessima  accessibilità al Del Ponte mentre oggi  nessuno si  lamenta più delle difficoltà di parcheggio al "Circolo". Senza contare che per ammodernare la vecchia struttura ci saranno  lavori che   probabilmente  comporteranno disagi ai   degenti e magari anche loro temporanei trasferimenti al “Circolo”. Insomma è un progetto sul quale nutro molte riserve».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.