Una Polonia da Scoprire

E' quella descritta nel convegno organizzato da univa. Anche se è già uno dei primi partner commerciali nella UE per i varesini

La politica, con la recente vittoria elettorale dei liberali guidati dal leader Donald Tusk. Ma soprattutto l’economia in forte espansione, con un Pil che, secondo i dati di Eurostat, è cresciuto del 7,14% nel 2006 e che a fine 2007, secondo le previsioni, metterà a segno un +4,44%, un ritmo quattro volte superiore a quello italiano. E con l’Unione Europea pronta a investire nel Paese, da qui al 2013, fondi per un totale di 67,8 miliardi di euro. In Polonia le imprese vivono momenti di grande cambiamento. Una transizione che apre numerose possibilità alle realtà produttive italiane, non ultime quelle varesine. È di questo che si è parlato al convegno organizzato questa mattina a Gallarate dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, che da tempo guarda al mercato polacco con un occhio di riguardo.

«La nostra organizzazione – ha infatti spiegato durante l’apertura dei lavori il Presidente dell’Unione Industriali, Michele Graglia – da tempo dedica un’attenzione particolare a questo Paese, tanto che in occasione dell’ingresso della Polonia nella Ue, il 1° maggio del 2004, abbiamo inaugurato Club Polonia, un’iniziativa che ha lo scopo di fornire un supporto operativo alle piccole e medie imprese che operano o intendono operare su questo mercato e, contemporaneamente, far conoscere ai potenziali partner polacchi le opportunità e le eccellenze che il nostro sistema produttivo locale è in grado di offrire, al fine di individuare possibili forme di collaborazione produttiva e di scamb»”. E i primi risultati, ha assicurato Graglia, “li abbiamo visti”.

La Polonia si sta affermando sempre di più come uno dei principali partner commerciali dell’economia varesina all’interno dell’Unione Europea, il quinto (dopo Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna) per presenza di imprese varesine sul mercato. Un dato che emerge da una recente ricerca sull’internazionalizzazione delle imprese del Varesotto realizzata dall’Unione Industriali e confermato dai numeri relativi ai flussi delle esportazioni. Quelle varesine in Polonia, nel primo semestre del 2007, hanno raggiunto la cifra di 115,9 milioni di euro, il 20,15% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e con una crescita del 38,32% rispetto ai primi sei mesi del 2005. A farla da padrone sono soprattutto le macchine e gli apparecchi meccanici (con un export che è stato pari a 36,7 milioni di euro), i prodotti in metallo (18,7 milioni), gli articoli in gomma e materie plastiche (14,9 milioni): queste le produzioni varesine richieste dal mercato polacco. Che offrirà in futuro spazi importanti di crescita.


A crearli sarà soprattutto la politica regionale di Bruxelles, di cui la Polonia sarà il principale beneficiario. «La politica regionale europea – ha spiegato Zuzanna Szymanik, del Desk Polonia Fondi Strutturali, l’ufficio istituito dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero (Ice) a Varsavia per informare e assistere le imprese italiane che desiderano accedere ai programmi e ai finanziamenti messi a disposizione dall’Ue – si basa su fondi strutturali e fondi di coesione, strumenti finanziari mirati a ridurre le disparità tra le are»”. Il tutto per un totale di investimenti che in Polonia “arriveranno a superare, tra il 2007 e il 2013, i 67 miliardi di euro”. Anzi, ha continuato Szymanic, «comprendendo nel conto anche i fondi relativi alla politica agricola comune e quelli della pesca si raggiungeranno gli 81,2 miliardi». Un’opportunità anche per le imprese varesine intenzionate a investire direttamente in Polonia o a rifornire il suo mercato di prodotti, tecnologie e servizi e che, grazie a questi fondi, «potranno avviare nuove attività o consolidare la loro presenz»”. Questo l’auspicio espresso dal Presidente dell’Unione Industriali Michele Graglia.


Per riuscirci occorrono, però, due condizioni: «Essere coraggiosi nella strategia e prudenti nella realizzazion»”. A dirlo è stato uno che di mercato polacco se ne intende: Paolo Baldini direttore di New Europe Desk, la struttura della Bank Pekao S. A., del gruppo Unicredit, che si occupa di supportare a 360 gradi le aziende italiane decise a insediarsi commercialmente e geograficamente in Polonia. «Un Paese – ha continuato Baldini nel suo intervento – dove esiste un’imposta fissa sulle società pari al 19% e dove una ventina di zone industriali offrono vantaggi fiscali fino al 2015».


Tra queste, una delle più promettenti è quella della Bassa Slesia, regione polacca con 3 milioni di abitanti, il 65% della popolazione in età lavorativa e un tasso di disoccupazione del 19%. Cifre snocciolate da Zbigniew Sebastian, presidente della Camera di Commercio dell’area e vice presidente della Camera di Commercio nazionale polacca: «Tra i pregi della Bassa Slesia – ha spiegato – c’è l’infrastruttura stradale, ferroviaria e fluviale assai sviluppata, la localizzazione strategica nel centro dell’Europa, la manodopera reperibile nella capitale Wroclaw e nei distretti confinanti, l’ottimo ambiente per gli affari, l’alta qualità della vita, le possibilità di collaborazione con i centri di ricerca e le università».


Vantaggi, però, che non devono illudere. Le opportunità non mancano, ma quello polacco non è un terreno vergine facilmente conquistabile. «Nell’approcciare questo Paese – ha messo in allerta gli imprenditori il Vicedirettore di Ice Polonia, Mauro De Tommasi – occorre tenere ben presente che il proprio posizionamento strategico deve essere ben studiato alla luce del fatto che il mercato è ormai da considerarsi maturo». Per uscire vincenti bisogna dunque fare i conti con una forte concorrenza da affrontare ben preparati.


In pratica, è stato il concetto espresso da Ewa Dolinska, Responsabile dell’Ufficio Economico del Consolato polacco a Milano, non si va in Polonia semplicemente per risparmiare sui costi di produzione. Anzi, «negli ultimi anni l’aumento dei salari lordi mensili fa del nostro un buon mercato di lavoro, ma non con costi bassissimi». Semmai i vantaggi sono altri. Prima di tutto: «La possibilità che offre il Paese di avere una testa di ponte dalla quale poter raggiungere facilmente, con i propri prodotti, le economie ex sovietiche, quelle scandinave e tedesca».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.