“Il pronto soccorso è un incubo”. “Miglioreremo, ma fidatevi del personale”

Una sera all’accettazione del Circolo raccontata da una lettrice. Risponde il direttore dell’ospedale: “Chi lavora in Ps sa mantenere i nervi saldi anche nei quotidiani momenti di grande stress”

La sua disavventura al pronto soccorso, Lorella, nostra lettirce, ce l’aveva raccontata in una mail pubblicata nella rubrica “lettere al direttore”. Una storia di pressione alta, ore piccole, e strani personaggi che frequentano l’ospedale, la notte, ma spesso anche nelle ore diurne. Vicende come tante, purtroppo, che in passato abbiamo pubblicato tra le lettere. I toni sono forti, non a caso la lettera si intitola “Il mio incubo al pronto soccorso”. Alla denuncia della lettrice ha risposto il direttore generale dell’ospedale di Circolo Walter Bergamaschi.
Abbiamo deciso di dare risalto a questa risposta in quanto lo stesso dirigente, che assicura di aver scritto personalmente e in forma privata alla paziente, intende estendere la risposta a tutti i lettori di Varesenews.

La lettera della lettrice: Il mio incubo al pronto soccorso

La risposta del direttore generale dell’ospedale: "Stiamo migliorando, fidatevi del personale"

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.