Ancora un’esplosione alla Promox, saltano due serbatoi dell’acqua

Nessuna conseguenza sull'ambiente e sull'aria ma tanto spavento dopo l'episodio, più grave, del 18 luglio scorso. Sul posto Vigili del Fuoco con il Nucleo batteriologico-chimico-radioattivo

Le sirene dei Vigili del Fuoco sono tornate a suonare attorno alla Promox, azienda chimica di Leggiuno, attorno alle 17 di oggi, mercoledì 27 agosto. Alla base dell’intervento ci sarebbe un’esplosione di due serbatoi di acque reflue di produzione, pare a causa della presenza di troppo ossigeno. L’azienda era chiusa, dopo lo scoppio pauroso del 18 luglio scorso, (nella foto l’intervento del 18 luglio scorso) ma al lavoro c’erano alcuni operai per la manutenzione degli impianti. Uno di loro sarebbe rimasto leggermente ferito, problemi ad un timpano, e sarebbe stato trasportato da un’ambulanza del 118 all’ospedale per alcuni accertamenti.

Sul posto sono giunti immediatamente gli uomini del Nucleo batteriologico-chimico-radioattivo dei Vigili del Fuoco di Varese (Nbcr), con tre squadre di supporto. Il tratto di strada provinciale 32, che passa molto vicino all’azienda, è stato chiuso e lo rimarrà fino a quando l‘Arpa non avrà analizzato la situazione. Anche i Vigili del Fuoco hanno effettuato test sull’aria per monitorare la situazione ma si escludono sin da subito particolari forme di inquinamento. La Polizia stradale di Varese sta deviando il traffico nella zona mentre i Carabinieri della compagnia di Luino hanno eseguito alcuni rilievi constatando che l’esplosione ha lanciato pezzi di metallo fino a 300 metri dall’azienda, nei giardini di alcune abitazioni.

Paura tra gli abitanti delle case attorno all’azienda chimica che si sono visti piombare in giardino pezzi di metallo provenienti dalle cisterne esplose. Tanta paura ma nessuna conseguenza, dunque, da questo secondo scoppio anche se la tranquillità di chi abita in zona non è aiutata da episodi come questo.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore