Economisti di tutto il mondo si confrontano alla Bocconi

Dal premio nobel James Heckman all'esperto Tito Boeri. L'evento è in programma dal 27 al 31 agosto

Saranno 1.550 gli economisti, provenienti da 50 paesi, che convergeranno a Milano dal 27 al 31 agosto per il convegno della European Economic Association e della Econometric Society , organizzato in collaborazione con l’ Università Bocconi . Tra i partecipanti, il premio Nobel James Heckman e Nicholas Stern, già vice presidente della Banca Mondiale e autore del Stern Review sui cambiamenti climatici.

Cinque giorni fitti di dibattiti e discussioni su una varietà di temi che l’economia e la società oggi devono affrontare, dal welfare al mercato del lavoro, dallo sviluppo economico alla crescita demografica, dall’ambiente alla lotta al crimine. Saranno infatti quasi 1.500 i paper e studi presentati dagli accademici e studiosi provenienti da circa 500 università, centri di ricerca ed istituzioni, di cui una trentina di banche centrali e federali.

In apertura, mercoledì 27, sessioni sulla politica dei tassi della Fed, sull’immigrazione, affrontando temi come il rapporto tra immigrazione e crimine e le abitudini di risparmio dei clandestini, e sulla corporate governance, con uno studio sul rapporto tra CSR e performance in borsa. La giornata di giovedì 28 include sessioni sugli effetti del prezzo del greggio, sull’utilizzo dei media per lo sviluppo economico, sui mercati finanziari e un panel sui cambiamenti climatici con Nicholas Stern. Venerdì 29 si prosegue con sessioni sul lavoro minorile, sulle banche e il rischio di credito, sul rapporto tra condizioni del luogo di lavoro e performance dell’azienda e sulla sanità, discutendo del rapporto tra reddito e salute di un individuo. Sabato 30 si discute, tra l’altro, di fertilità, di globalizzazione, del rapporto tra guerra ed economia e del comportament o dei consumatori, dalla musica online ai prodotti biologici. Si conclude domenica 31 con sessioni sulla retribuzione dei manager, sui comportamenti sociali, dall’assenteismo dal lavoro al suicido, e sul capitale umano, dalla fuga dei cervelli dall’Europa all’impatto dei congedi parentali sulla carriera.

La faculty Bocconi partecipa con la presentazione di circa 20 paper, tra cui uno studio di Vincenzo Galasso e Francesco Billari sull’effetto delle riforme pensionistiche sulla fertilità, uno di Alfonso Gambardella sull’impatto degli investimenti in risorse e capitale umano sul valore dei brevetti e di Tito Boeri sul rapporto tra concentrazione dei media e corruzione, usando Calciopoli come esempio.

Per informazioni: http://www.eea-esem2008.org 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore