“Festa della Resistenza” tra arte, musica e costituzione

Terrà l’ultimo week end di agosto (29-30-31) al Parco Lagozza di Arcisate. Ventisei artisti dipingeranno per la Resistenza

L’hanno chiamata “Festa della Resistenza” e si terrà l’ultimo week end di agosto (29-30-31) al Parco Lagozza di Arcisate. Si comincia venerdì 29 agosto alle 21 con la presentazione del libro 2“Il fiore meraviglioso/”, testimonianze partigiane dalla spaonda magra dl Lago Maggiore. L’incontro è curato dal circolo culturale Anpi di Ispra. Alle 21 e 30 seguirà uno spettacolo di canti di lotta e della tradizione riproposti con arrangiamenti moderni ed interessanti.

(foto: in primo piano Angelo Chiesa, presidente dell’Anpi, ed Enzo Clerici, vicepresidente)

Il 30 agosto alle 18 e 30, inaugurazione della mostra “Artisti per la resistenza” a cui partecipano 26 artisti, tra cui Marcello Morandini, Silvio Monti, Giovanni La Rosa, Aldo Ambrosini.  Alle 21 e 30 ci sarà lo spettacolo musica per resistere con un concerto dei “Trenincorsa”. Domenica 31 agosto alle 9 e 30 attivo provinciale dell’Anpi dal titolo “Neofascismo e nuove destre”, assemblea aperta a cui partecipano Antonio Pizzinato, presidente dell’Anpi Lombardia e Alfonso Airaghi, osservatorio sulle nuove destre. Alle 13 pranzo sociale (prenotazioni entro il 25 agosto tel . 333 4418412, e-mail anpivarese@yahoo.it), alle 18 incontro con il giurista “Antonio Conte” che parlerà della Costituzione a cui seguirà “Buona la prima”, parole e musica sulla costituzione, con Ierina Dabalà, Daniele Besozzi, Matello Paganelli e Mauro Vallini accompagnati dalla musica di Renato Franchi e dall’Orchestrina del suonatore Jones. Alle 21 spazio alla musica della “Bandadaverio” che proporranno canti popolari e testi militanti in dialetto  varesino. Inoltre si terrà una mostra organizzata dall”Albero di Antonia”, realizzata dal gruppo DonnaMostra di Milano.

«È una festa che onora la Resistenza senza retorica – spiega Angelo Chiesa, presidente dell’Anpi provinciale -, ma che punta a riaffermare in chiave moderna i valori che furono alla base di quella straordinaria stagione di lotta.  È un programma interessante che si contamina con l’arte, coem dimostra la partecipazione di 26 artisti della provincia. Ognuno di loro presenterà una sua opera sulla Resistenza».
«Abbiamo cercato di coinvolgere il mondo dei giovani – conclude Enzo Clerici , vicepresidente dell’Anpi – attraverso un programma che comprende musica e arte. I valori resistenziali sono ancora un valido e imprescindibile  baluardo contro le provocazioni neofasciste che hanno caratterizzato questa provincia».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore