Lavoro nero e altre irregolarità: chiusi due locali sul lago

Uno a Schiranna e uno a Ghirla. L'operazione, multiforze, è avvenuta sabato notte. Tra i lavoratori in nero una minore, per uno dei due anche contestazioni A-sl

Sono tra i più frequentati locali dei piccoli laghi varesini e lavoravano con la stragrande maggioranza dei dipendenti in nero. Ora, per i due locali di Schiranna e di Ghirla “visitati dall’ispettorato del lavoro”, la stagione è finita, almeno per il momento.
La situazione più critica è per il bar ristorante-pizzeria di Ghirla “visitato” sabato sera 2 agosto dalla, organizzata dal nucleo investigativo della Direzione Provinciale del Lavoro di Varese, con la Questura e i funzionari di ASL, INPS e Vigili del Fuoco.
Gli esiti dell’intervento sul locale – che si è protratto oltre la mezzanotte – sono stati gravi sotto diversi punti di vista: ben 11 lavoratori su un totale di 14 sono risultati totalmente “in nero”, il 78%,: circostanza che ha causato l’uimmediata sospensione dell’attività imprenditoriale, con tanto di sgombero del locale e allontanamento dei clienti presenti. A causarlo anche le tante irregolarità gravi segnalate dall’Asl. Inoltre 2 degli 11 lavoratori in nero sono risultati essere anche extracomunitari clandestini, nei cui confronti la Questura ha provveduto per gli accertamenti di rito e il conseguente provvedimento di espulsione.
L’operazione ha preso il via da una specifica segnalazione, pervenuta al Servizio Ispettivo della Direzione Provinciale del Lavoro, di lavoratori occupati irregolarmente: così come è avvenuto nel secondo locale, quello della Schiranna, dove gli ispettori sono arrivati a notte inoltrata: si tratta di un esercizio pubblico, che gestisce oltre all’attività usuale di bar, anche altre come piscine, intrattenimento al pubblico e svago. Anche in questo caso, la percentuale di lavoratori “in nero” accertata è stata particolarmente elevata: 7 lavoratori su 11 occupati (cioè il 63%) tra i quali anche un extra comunitario clandestino ed una minore 17enne, immediatamente allontanata dal luogo di lavoro.
Anche in questo caso l’attività del locale è stata sospesa mentre, per entrambi i casi, gli accertamenti amministrativi sono tuttora in corso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore