“Le paratie non c’entrano, lago in calo da fine luglio”

In merito alle polemiche relative all’abbassamento del lago interviene il Consorzio che gestisce le chiuse del fiume Bardello

“Nessuno svuotamento del lago di Varese dovuto alle chiuse del Bardello, piuttosto un calo costante del livello, sceso di 13 centimetri dallo scorso 26 luglio”. A parlare è l’ingegner Antonino Bai, professionista che segue il Consorzio Utenti del fiume Bardello, l’ente che si occupa di gestire le paratie sull’omonimo fiume, emissario del lago di Varese, e contro il quale in sindaco di Bodio Lomnago ha oggi puntato il dito in merito al repentino abbassamento del livello del bacino. Il Consorzio ha realizzato nei primi decenni del secolo scorso una serie di paratie – oggi sono otto, quattro automatizzate, e altrettante governabili a mano –  in uscita dal lago di Varese. Il compito di questi sbarramenti, che sono vidibili dal ponte che passa lungo la pista ciclabile, è quello di regolare il deflusso di acqua del lago di Varese e la portata del Bardello, fiume che nasce dal lago di Varese e si getta, dopo una dozzina di chilometri, nel Lago Maggiore. Un corso d’acqua che tuttavia non può essere l’unico responsabile dell’abbassamento del lago, dato che ha una portata media di circa tre metri cubi al secondo. L’uso delle paratie serve piuttosto a “correggere” il livello del lago, che quando è troppo alto rischia di uscire dalle rive. “In questo periodo non abbiamo segnalato particolari anomalie nell’uso delle paratie – spiega l’ingegner Bai – le abbiamo alzate e abbassate secondo il disciplinare concordato con la Provincia e che regola questa attività”. Come si spiega un abbassamento così veloce del lago? Il sindaco di Bodio parla di 9 centimetri in due giorni. “A noi risulta che il lago si sia abbassato di un totale di 13 centimetri dallo scorso 26 luglio. Un dato che forse appare allarmante se fuoriesce da una lettura finale, ma non di certo se considerato nell’arco di 17 giorni”.

L’ingegner Bai esclude siano in corso lavori di manutenzione alle paratie, fattore che di solito comporta l’innalzamento delle chiuse e la conseguente fuoriuscita sensibile di acqua dal bacino.

La pioggia di oggi fa ben sperare nell’innalzamento dei livelli. Nel frattempo il sindaco di Bodio torna sulla questione: “La mia vuole essere una segnalazione per avvertire i cittadini che è importante parlare del lago nei convegni e nelle conferenze stampa – dice Liborio Rinaldi – ma è altrettanto fondamentale tenere sempre alta la guardia per non perdere una risorsa importante come il lago che era tornato ai livelli di zero idrometrico e ora si è di nuovo abbassato”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore