Leoni sui suoi ciclisti: “Torno e metto a posto tutto”

Un po' dispiaciuto ma convinto che i vandalismi di questi gionrni siano “Il segno che la Lega è seguita con molta attenzione” L'autore delle opere, il senatore Giuseppe Leoni, ammette di non essere dispiaciuto dell'utilizzo dell'asino e promette di dare una bella risistemata

«Sara’ stata una goliardata: fatto sta che prima le teste d’asino, poi la vernice verde sulle statue, e’ il segno che la Lega e’ seguita con attenzione, molta attenzione. Certo mi dispiace, ma piu’ che arrabbiarmi non posso fare altro».
Il senatore della Lega Nord, Giuseppe Leoni (nella foto, nella raffigurazione di sè stesso realizzata all’interno della sua opera), l’architetto che ha ideato le statue dei leader leghisti varesini in occasione dei prossimi mondiali di ciclismo, ha commentato salomonicamente gli atti vandalici alle sue opere perpetrati stanotte e due giorni fa.

Aggiungendo: «Pero’ l’asino io lo amo perche’ e’ un animale che non si ferma mai, come noi leghisti. Siamo tenaci, cocciuti, e arriviamo sempre al traguardo. Per quanto riguarda la vernice verde, beh a noi il verde piace».

Insomma, vandalismi sì, ma quasi a tema. In ogni caso, il senatore e artista del polittico promette ai fan delle opere sulla rotonda: «Comunque, tornero’ nei prossimi giorni a mettere a posto tutto. E poi aspettiamo il prossimo cretino di turno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore