“Non hai messo i fiori sulla tomba di mamma”, lite tra non vedente e vicina

Per calmare gli animi è dovuta intervenire la polizia: l’uomo aveva già estratto un coltello a serramanico

Ha accusato la vicina di fare la cresta sui fiori da mettere sulla tomba della madre e nel litigio non ha esitato ad estrarre un coltello a serramanico. Ha dell’incredibile la storia avvenuta ieri, 8 agosto, a Busto Arsizio in una casa di via Montepertica: un uomo di 55 anni, non vedente perché affetto da una forma di cecità, ha tentato di aggredire la vicina, di qualche anno più anziana di lui, perché sospettata di essersi tenuta i soldi destinati ai fiori per il cimitero. Il cinquantacinquenne era infatti stato avvisato da un conoscente che i fiori, sulla tomba della madre, non c’erano. Da qui è scaturita una lite furibonda con la vicina, che ha rischiato di trasformarsi in qualcosa di molto serio. Secondo la polizia, infatti il cinquantacinquenne, messo alle strette dall’arrivo del marito della donna, allarmato per il vociare dei due, non ha esitato ad estrarre un coltello a serramanico, che per fortuna non è riuscito ad utilizzare grazie all’intervento della figlia dei due coniugi e all’arrivo delle volanti. L’uomo è stato denunciato con l’accusa di minaccia aggravata e porto abusivo di un coltello, poi sequestrato dagli agenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore