“Parcheggio pericoloso”. Stop al cantiere di Capolago

Buguggiate non autorizza l'area di sosta che termina nel suo territorio perchè costringe i pedoni ad attraversare la rotonda. Il rebus del passaggio pedonale sulla Sp1

Si blocca una parte del cantiere dell’albergo di Capolago, quello relativo alle opere che il costruttore si è impegnato a realizzare per la città. Non l’albergo vero e proprio, che invece procede spedito.

 Il blocco coinvolge in particolare un parcheggio pubblico (foto) che serve per i turisti della pista ciclabile. L’uscita del parcheggio è posizionata in territorio di Buguggiate, e il comune rivierasco l’ha di fatto bloccata perché pericolosa per i pedoni. La motivazione, sta nel fatto che i turisti, uscendo dal parcheggio, finirebbero dritti sulla rotonda di Buguggiate, creando pericolo per se stessi e per le auto. Dunque, l’apertura sarà autorizzata solo quando dal parcheggio si potrà raggiungere la pista ciclabile senza passare dalla strada asfaltata. Come fare? Basta rispettare il progetto originario. Questo prevede che Polita realizzi per 300mila euro un passaggio pedonale sulla strada provinciale, per collegare una casetta per il noleggio delle bici (foto sotto), con la pista vera e propria. Il costruttore ha già firmato la fideiussione. Manca solo una decisione del comune di Varese: fare un ponte o un sottopassaggio? "Stiamo valutando la situazione" dice l’assessore all’urbanistica Fabio Binelli. Da Buguggiate il sindaco apre al dialogo: "Mettiamoci intorno a un tavolo e troviamo una soluzione – spiega Alessandro Vedani – ma l’uscita sulla rotonda è pericolosa e noi non possiamo autorizzarla così".
Il costruttore ha scritto ai diretti interessati e ha chiesto che cosa debba fare, in una lettera polemica dove lamenta anche una serie di multe al cantiere dell’hotel che gli sono state comminate dal comune in queste settimane.
Risultato: il parcheggio è uno dei "risarcimenti" che la città ha avuto per il via libera all’opera (approvata dal commissario straordinario dei mondiali di ciclismo, Bertolaso, e molto contestata) ma potrebbe restare chiuso per sempre. Il passaggio per i pedoni sulla provinciale, infatti, ha almeno due problemi: sottoterra è pieno d’acqua e ci sono problemi tecnici non indifferenti. Fare un ponte sopraelevato invece è un po’ ingombrante e potrebbe spiacere al panorama. Tutte cose, dice qualcuno, che si sapevano anche prima.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore