Vandalismi a San Macario, l’opposizione scende in campo

Cecchin (Pdl) e Aspesi (Lista Civica) chiedono conto alla giunta delle scritte comparse sui muri di via Contardo Ferrini: "Non abbassare la guardia in agosto"

No ai vandali a San Macario. Il grido si leva forte da Stefano Cecchin e Carlo Aspesi, rispettivamente capogruppo di Forza Italia/Pdl e Lista Civica “Per Samarate”. I due consiglieri comunali d’ opposizione hanno presentato un’interpellanza nella quale si chiede conto delle “imbrattature di muri e i vandalismi di cui è stata fatta oggetto negli scorsi giorni la principale via di San Macario (via Contardo Ferrini, ma anche le limitrofe via Fabbro e via XXV Aprile)”. Muri ed edifici sono stati imbrattati con scritte e supposti disegni: Cecchin e Apsesi chiedono all’amministrazione comunale guidata da Vittorio Solanti «maggiore attenzione affinché si attivino tutti gli strumenti che ha a disposizione, a iniziare dalla Polizia locale, per cercare di fare cessare tali sconcezze e individuare i responsabili delle stesse. Non dare infatti alcun segnale di reazione in tempi rapidi  e lasciare passare il tempo senza far nulla sarebbe infatti un inequivocabile segno di arrendevolezza – attaccano gli esponenti della minoranza -, e un segnale di impunità inaccettabile, destinato a incentivare il ripetersi e il diffondersi di gesti che danneggiano non soltanto la proprietà privata, ma anche il decoro urbano. Chiediamo inoltre se la giunta intenda ripristinare tale  decoro urbano così gravemente deturpato, facendosi carico in tutto o in parte delle spese di ripulitura di muri ed edifici; a nostro avviso tale intervento oltre che auspicabile sarebbe doveroso a motivo dell’evidente interesse pubblico correlato. Ribadiamo infine l’invito già rivolto nei giorni scorsi all’amministrazione affinché non abbassi la guardia in questo mese di agosto così a rischio su molteplici fronti; una presenza visibile, discreta ma continuativa, delle forze di polizia locale in associazione e coordinamento con le forze dell’ordine sarebbe certamente uno strumento di deterrenza contro il  ripetersi di vandalismi e ogni altro genere di illegalità».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore