BA Teatro al Santuario di Santa Maria con una sacra rappresentazione

La Pasqua è ormai vicina e mercoledì 31 marzo va in scena "Donna del paradiso, lo tuo figliolo è priso"

Mercoledì 31 marzo, un nuovo appuntamento nell’ambito della rassegna teatrale cittadina BA TEATRO: alle ore 21 al Santuario di Santa Maria di Piazza andrà in scena la sacra rappresentazione “Donna del Paradiso, lo tuo figliolo è priso” con gli Attori del teatro Sociale e con la partecipazione della “Star Dance” di Turbigo e degli allievi del secondo corso di Officina della creatività. L’adattamento scenico e la regia sono di Delia Cajelli, le musiche dal vivo sono a cura di Marco Carraro (organo) e Tina Mancuso (voce so lista).
Produzione: associazione culturale Educarte-Teatro Sociale.
L’ ingresso è libero e gratuito

Di seguito alcune note del teatro Sociale sulla rappresentazione:

“E’ l’incipit della lauda duecentesca “Pianto della Madonna” di Iacopone da Todi, “Donna del Paradiso, lo tuo figliolo è priso”, a dare il titolo alla sacra rappresentazione sulla vita della Beata Vergine Maria che il teatro Sociale di Busto Arsizio e l’associazione culturale “Educarte” propongono, in collaborazione con la Parrocchia prepositurale di san Giovanni Battista, in occasione della Pasqua 2010 e nell’ambito della stagione cittadina “BA Teatro”.
Palcoscenico dello spettacolo, programmato per le 21.00 di mercoledì 31 marzo, sarà il santuario di Santa Maria di piazza in Busto Arsizio, piccolo gioiello rinascimentale, di impianto bramantesco, che al suo interno accoglie opere di Gaudenzio Ferrari e Bernardino Luini.
Sul palco saliranno gli attori della compagnia stabile di piazza Plebiscito, con gli allievi del secondo corso di “Officina della creatività” e i ballerini della “Star Dance” di Turbigo. Le musiche, eseguite dal vivo, saranno a cura della cantante Tina Mancuso e dell’organista Marco Carraro.
L’appuntamento, su testo e per la regia di Delia Cajelli, prende spunto da alcune delle più importanti opere, appartenenti alla letteratura sacra e non, che hanno tratteggiato la figura di Maria di Nazareth: dai Vangeli di Luca, Giovanni e Matteo all’intenso dramma teatrale “Annuncio a Maria” di Paul Claudel, da una selezione di poesie mariane scritte da Giovanni Pascoli, Giuseppe Ungaretti e Karol Wojtyla al recente libro “In nome della Madre” di Erri De Luca, senza dimenticare la bellissima “Preghiera di san Bernardino alla Vergine”, con cui Dante Alighieri apre il canto trentatreesimo del “Paradiso”.

La giovinezza nell’ebraica Galilea, l’annunciazione da parte dell’arcangelo Gabriele, il chiacchiericcio corrosivo della gente che parla d’adulterio, il matrimonio con Giuseppe, il viaggio fino a Betlemme, la nascita di Gesù in una stalla sono solo alcuni dei quadri scenici che compongono “Donna del Paradiso, lo tuo figliolo è priso”. Ne emerge il ritratto di una donna, dal destino speciale: umana nella sua quotidianità, nella dimensione di sposa e madre amorevole, ma miracolo vivente della verginità che si fa carne.
Maria di Nazareth è, per usare le parole di Erri De Luca, un’«operaia della divinità», che porta in grembo, senza seme, un figlio che è suo, ma che è anche di Dio. Un figlio dal destino già segnato in partenza, condannato a morire in croce, tra le lacrime della madre, come racconta Iacopone da Todi: «Figlio bianco e vermiglio, figlio senza simiglio, figlio, e a ccui m’apiglio? Figlio, pur m’ài lassato! Figlio bianco e biondo, figlio volto iocondo, figlio, perché t’à el mondo, figlio, cusì sprezzato? Figlio dolc’e placente, figlio de la dolente, figlio àte la gente mala mente trattato».
L’ingresso alla sacra rappresentazione è libero e gratuito. Per informazioni è possibile contattare la segreteria del teatro Sociale di Busto Arsizio al numero 0331.679000 o visitare il sito internet www.teatrosociale.it.”

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Marzo 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.