A scuola di cultura di impresa, ma senza libri

il Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio della Provincia di Varese ha avviato una serie di incontri per imprenditori "easy": Primo argomento: la successione

ascom giovani imprenditoriUna scuola di cultura di impresa è una necessità anche di questi tempi. Ma per degli imprenditori, e per di più giovani, la scuola non può essere fatta di banchi e di libri, quanto piuttosto di testimonianze, esperienze concrete e possibilità di fare domande personalizzate: ed è con l’ambizione di soddisfare questo difficile “target” che il Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio della Provincia di Varese ha avviato un ambizioso progetto per la cultura di impresa.

Una serie di incontri a cadenza bimestrale che coinvolgeranno imprenditori piccoli e grandi, provenienti da settori diversi tra loro chiamati ad ascoltare ma anche a portare testimonianza. «Non vogliamo fare incontri usuali – spiega Alessandra Ceccuzzi, presidente del Gruppo che organizza il ciclo – Non vogliamo docenti universitari che dicano cose difficili o pesanti: è un metodo che va bene per gli studenti ma fa impazzire gli imprenditori che hanno sempre fretta e poca disponibilità a studiare. Vogliamo che gli argomenti siano affrontati con più leggerezza e una buona dose di argomenti pratici: trucchi su come fare e esperienze di imprenditori, da cui estrarre informazioni utili».

Il primo appuntamento è fissato per giovedì 18 novembre alle ore 21 nella sala convegni della sede Ascom Varese di via Valle Venosta 4 dove si svilupperà il tema: “La successione generazionale nelle imprese familiari. Profili strategici, organizzativi e ciclistici” con interventi di Alessandra Ceccuzzi, presidente Giovani Imprenditori Confcommercio Varese e del professor Fernando Alberti, responsabile dell’Area Strategia e Politica Aziendale della facoltà di economia della Liuc di Castellanza.

«L’incontro tratterà l’argomento sotto due punti di vista: quello pratico, per organizzare e ben introdurre dal punto di vista dell’azienda la successione. Poi si parlerà del patto di famiglia, strumento giuridico poco usato in Italia che si può usare per l’azienda senza passare dalle leggi successorie, che sono invece un po’ vessatorie. A farlo sarà il professor Alberti – contina Alessandra Ceccuzzi – Dopodichè sarà la volta di due casi ben riusciti di successione dell’azienda: a parlarne saranno Andrea Broggian e Francesca Boragno. Se posso esprimermi così, le loro sono storie affascinanti».

Ma non ci sarà solo la successione tra gli argomenti trattati da questo forum organizzato dai giovani imrenditori del commercio: focus di ogni incontro sarà un argomento ogni volta differente affrontato da un docente dell’Università Carlo Cattaneo che introdurrà l’argomento, spiegandone i punti critici, e da alcuni imprenditori che renderanno concreto e tangibile l’argomento, con case history. tra quelli già previsti, Giovedì 20 Gennaio 2011 si parlerà di lettura e interpretazione dei dati di Bilancio («Che di solito mettiamo via appena l’ha conscluso il commercialista, mentre invece può dare molte utili informazioni alla nostra azienda» precisa Ceccuzzi), giovedì 24 Marzo 2011 si parlerà di E-commerce, Giovedì 19 Giugno 2011 di Ecosostenibilità e risparmio energetico e Giovedì 21 Luglio 2011 di globalizzazione e sue opportunità. «Quello del 18 è solo il primo incontro di una serie più vasta – spiega Anna Ginelli, della segreteria del gruppo Giovani, che ha sede a Gallarate – Una seria sviluppata in collaborazione con la Liuc che sta fornendo docenti impegnati nello studio delle problematiche che abbiamo messo in luce nel programma»

Gli incontri, organizzati in collaborazione proprio con la Liuc di Castellanza, sono aperti a tutti gli interessati: l’ingresso a tutte le serate del ciclo è libero, ma l’ideale è prenotarsi. Per informazioni rivolgersi alla segreteria del Gruppo Giovani Imprenditori, presso Confcommercio Gallarate (tel. 0331214711). E’ possibile anche registrarsi su www.uniascom.va.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore