Come nasce il “villaggio dei lavoratori” di Pedemontana

Il campo base del maxi cantiere ospiterà 200 persone tra operai e impiegati. Il caposquadra: “Area utili per creare e formare una buona squadra”

Cantiere del campo baseUna vero “villaggio dei lavoratori” di Pedemontana, con aree ricreative e alloggi per oltre 200 operai. Il “campo base” è situato al confine tra Castiglione Olona e Lozza, sulla provinciale 42, esattamente dove nello scorso maggio era esondato l’affluente dell’Olona. Gli argini vennero immediatamente sistemati e subito dopo partì il cantiere di uno dei due campi base (l’altro è a Turate) necessario per la costruzione delle opere connesse alla Pedemontana.
Il campo base di Castiglione Olona dovrebbe terminare entro la fine di dicembre pronto ad accogliere 160 operai e circa 40 impiegati. «Ci saranno dormitori, aree ricreative, l’infermeria, gli uffici, la mensa ed anche i laboratori – racconta Claudio Vigliaroli, caposquadra dei lavoratori che stanno costruendo il “villaggio” -. Purtroppo la pioggia di questi giorni non aiuta certamente ma il cantiere sta proseguendo bene».
 
Proprio da questa zona partiranno le opere relative al primo lotto della tangenziale di Varese che da Lozza si collegherà a Gazzada tramite un tunnel lungo 2 km a doppia canna e che andrà a unirsi al mega-svincolo di Gazzada con la A8.
«Un lavoro di diversi anni, speriamo di aggiudicarci l’appalto perché lavorerei anche vicino a casa, per una volta». Vigliaroli ha 49 anni e non è nuovo a questo tipo di opere, ha fatto parte, sempre per la Cic, anche della costruzione dell’alta velocità a Mesero. «Questi campi base non hanno un nome particolare – spiega -, ma sono utili per fare squadra, per far sì che gli operai si sentano in qualche modo a casa. Io sono di Gavirate, riesco a fare avanti e indietro, ma l’atmosfera che si crea, se è positiva, si sente anche sul lavoro».
 
Il campo base si divide su entrambi i lati della provinciale: da una parte, verso il fiume tutti i prefabbricati con aree dormitorio e utilità varie; dall’altra parte i depositi dei materiali e dei macchinari necessari alla costruzione dell’autostrada.

Le opere del “Villaggio” da realizzare sono molte, alcuni prefabbricati sono già stati posizionati. «Ma ne mancano ancora – racconta il caposquadra -. Nei prossimi giorni costruiremo quelli per le aree ricreative, con le macchinette e le televisioni. Poi il prete della zona ha chiesto di realizzare anche un’area di culto dove celebrare le messe, ma bisognerà prima vedere quanti fedeli ci saranno, e quanti vorranno quest’area».

Galleria fotografica

Pedemontana, campo base 4 di 11
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 novembre 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Pedemontana, campo base 4 di 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore