Piazza Giovane Italia, pedonale ma “part time”

Una strana soluzione per il comparto. I negozianti non vogliono la pedonalizzazione senza abbellimento, e così la giunta trova un compromesso

E’ una strana pedonalizzazione quella che sta per essere decisa nel centro di Varese: solo "part time". Vuol dire che si potrà passeggiare in piazza Giovane Italia, via Donizetti e via Rossini, ma solo quando i negozi sono chiusi: la domenica, il sabato sera dalle 20 in poi, e il venerdì sera tra le 20 e 24.
La soluzione discussa dalla giunta comunale è insolita e rappresenta, come spesso accade, un compromesso che rischia di snaturare un po’ le intenzioni di tutti.
L’assessore al commercio Salvatore Giordano propendeva per una chiusura totale. Nelle commissioni istituzionali tuttavia c’è stata un’opposizione delle associazioni dei commercianti alla chiusura definitiva di piazza e vie limitrofe. Risultato: chiusura sì, ma senza coinvolgere i negozi che vogliono avere la strada transitabile e il parcheggio vicino.
L’idea è inserita all’interno del progetto per il distretto rubano del commercio, una sorta di gruppo di lavoro che ha come obiettivo quello di rendere il centro storico un grande centro commerciale all’aperto che però dia vita anche a iniziative sociali e culturali, creando interesse, servizi utili ai consumatori e opportunità di lavoro per gli imprenditori.
Se però l’impostazione è questa, è chiaro che la soluzione proposta in giunta comunale crea qualche dubbio. Secondo l’assessore ha contribuito, a questa scelta di compromesso, la convinzione, ancora molto radicata, che i negozi in città chiudano in utile solo se ci sono posti auto davanti alle vetrine.
Da parte loro, i commercianti si oppongono alla chiusura totale anche perché  il comune non ha soldi da investire nella valorizzazione delle vie Donizetti e Rossini (pavimentazione, alberelli, illuminazione), condizione necessaria per creare traffico e passaggio di consumatori (in questa intervista il fiduciario Ascom spiega le ragioni dei negozianti).
Una volta trovato l’accordo, Giordano ha chiesto alla giunta comunale che si desse via alla sperimentazione ma ha trovato un altro ostacolo. L’assessore alla polizia locale Fabio D’Aula ha chiesto qualche giorno per far esaminare al comando dei vigili il problema viabilità. Il dubbio sollevato ha una sua logica: se venerdì e sabato pomeriggio non c’è divieto, chi lascia l’auto dentro la zona pedonale e la riprende quando la via è stata chiusa, prende la multa? La risposta arriverà a giorni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore