“Scuola pericolosa”. I genitori non fanno entrare i figli

Protesta di un centinaio di genitori lunedì mattina dopo le crepe comparse sul pavimento: “Chiediamo anche prove sismiche”. Il Comune: “Prove di carico nella norma”

Un centinaio di genitori hanno protestato lunedì mattina alla scuola elementare di Cairate. Scuola che era stata chiusa venerdì e sabato per effettuare della prove di carico, dopo che nella struttura erano comparse alcune crepe nelle piastrelle del pavimento. I genitori dei bambini delle classi terze e quarte, quelle al primo piano, hanno poi deciso di non far entrare i propri figli. Ma ufficialmente l’attività scolastica è ripresa nella norma. Secondo il comune, infatti, le prove di carico non hanno evidenziato problemi.
Alla protesta era presente anche l’assessore alla cultura, Giovanni Crosta, che ha rassicurato i presenti presentando il buon esito delle prove di carico effettuate nei giorni scorsi. Parte del gruppo di genitori, però, non si è dichiarato soddisfatto: «Non ci hanno dato alcuna documentazione dei test effettuati, hanno detto che ce la daranno stasera. Se è tutto a posto domani faremo entrare i nostri figli. Ma non siamo ancora soddisfatti».
I genitori infatti, lamentano che la settimana scorsa sono state udite delle vibrazioni nell’edificio, in due punti diversi al primo piano: «Chiediamo che vengano fatti altri test – spiegano i genitori -. Ci hanno garantito che saranno fatti entro fine anno. Quello che a noi è allarma di più è la presenza di queste vibrazioni. Perché si sono verificate a distanza di due giorni? Sono state avvertite da maestre e alunni e nessuno ci ha ancora spiegato nulla».
«È una situazione molto pesante – concludono i genitori -: questa scuola non ha nemmeno una scala antincendio. Inoltre, sono state fatte le prove di evacuazione, poi quando hanno fatto le prove di carico, la bocchetta dell’acqua era rotta. Che sicurezza ha questa scuola? Vogliamo rassicurazioni per i nostri figli. Intanto il documento che ci consegneranno oggi, poi chiediamo che siano effettuate le prove sismische, che sia messo in sicurezza l’edificio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore