Più di trenta furti e un bottino da 180mila franchi, arrestato 51enne

L'uomo, pregiudicato in Italia, è stato fermato dai Reparti Mobili della polizia cantonale in collaborazione con le Guardie di Confine

polizia cantonale arresto furti scassoIl Ministero pubblico e la Polizia cantonale del Canton Ticino comunicano che nelle scorse settimane la Sezione reati contro il patrimonio (RCP) ha terminato un’inchiesta che a gennaio 2012 ha portato all’arresto di un 51enne cittadino straniero. L’indagine, coordinata dalla Procuratrice Pubblica Margherita Lanzillo, ha permesso di chiarire 38 furti con scasso a danno di vetture, appartamenti e locali pubblici con refurtiva di circa 180’000 franchi e danneggiamenti per 12’000 franchi, come pure prelievi abusivi con carte bancarie sottratte per un ammontare di oltre 15’000 franchi. L’indagine è iniziata nel mese di novembre 2011 dopo una serie di furti nella zona tra Lugano, Melide e Bissone ed ha poi permesso l’arresto dell’uomo, pregiudicato in Italia, da parte dei Reparti Mobili in collaborazione con le Guardie di Confine.

L’obiettivo principale del 51enne erano le vetture che scassinava rompendo un vetro per poi sottrarre borse/borsette. Dopodiché, oltre a rubare il denaro contenuto nei portamonete, controllava se vi erano bigliettini con annotati i codici delle tessere bancarie effettuando poi dei prelievi abusivi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore