Pedaggio più caro, inizio d’anno salato per gli automobilisti

Dal 1 gennaio al casello di Lainate si pagano 10 centesimi in più, idem a quello di Besnate sul raccordo A8/A26: da Varese andare a Milano costa 2,90 euro, da Sesto Calende 3,20 euro

Primo dell’anno con sorpresa (annunciata) per gli automobilisti del Varesotto. Al casello di Lainate si pagano 10 centesimi in più, idem a quello di Besnate sul raccordo A8/A26. L’aumento è inserito nel quadro dei rincari previsti dal 1 gennaio 2013: aumenti in media del 3,1% a livello nazionale, che per quanto riguarda le barriere di casa nostra toccano il 3,51%. Da Varese andare a Milano costa 2,90 euro (a Cavaria 1,40 euro, a Lainate 1,50), da Sesto Calende 3,20 euro. Stesso incremento per la A9, mentre meno sono aumentati i pedaggi richiesti per le tangenziali di Milano (+ 1,85%). Rincari che puntualmente ogni anno si ripetono e che pesano sulle già tartassate tasche degli automobilisti, sottoposti alle pressioni di carburante, assicurazioni, bolli e tagliandi vari. Gli aumenti sono spiegati da Autostrade per l’Italia con una nota sul sito internet della società.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.