Rifiuti speciali lungo la ferrovia? “Verranno smaltiti”

La domanda di un lettore che ha notato la lettera “R” simbolo dei rifiuti particolari: “Come vogliono utilizzati?” La risposta di Pedemontana: “È la massicciata, finiranno in discariche speciali”

Centinaia di sacchi bianchi lungo la ferrovia a Cislago e Mozzate, nel cantiere di Pedemontana. Cosa sono? Sono pericolosi? Come vengono utilizzati? La segnalazione è stata fatta da un lettore, Pietro Iurilli, che ha scritto alla redazione, inviando anche un video che mostra la presenza di centinaia di contenitori lungo la ferrovia tra Mozzate e Cislago, in corrispondenza del maxi cantiere di Pedemontana. Proprio dal cantiere spiegano però che non c’è alcun pericolo. 

Galleria fotografica

Centinaia di sacchi bianchi lungo la ferrovia 4 di 17

 

«Sono un pendolare e tutti i giorni copro la tratta Malnate-Milano Bovisa – racconta Pietro che specifica di essere uno studente del Politecnico -. Ormai più da un anno, la linea del treno tra la stazione di Mozzate e Cislago presenta una deviazione, per permettere la costruzione della Pedemontana. Appassionato di cantieri, mi piace osservare come procedono i lavori ma, in quest’ultimo periodo sono comparsi lungo la vecchia strada battuta dai binari e i due versanti del grande scavo, in qualche punto nascosti da cumuli di terra, decine e decine (se non centinaia) di sacchi bianchi. “Massì saranno macerie” mi dice un amico. Il problema è che quei sacchi hanno l’intestazione di rifiuti speciali (R) e il simbolo bianco su sfondo nero che contraddistingue la presenza di amianto. Non vorranno mica usarli come fondo dell’autostrada o, peggio, utilizzarli come materiale di riempimento tra il limite dello scavo e la galleria costruita? Questi sacchi non sono nemmeno sigillati e, se li utilizzassero a tal fine, immagino già le conseguenze sul terreno, sull’acqua e su tutto ciò che viene coltivato in zona limitrofa».

Sul posto  sono ancora presenti i sacchi. A spiegare la situazione è Marco Venturini, assistente di cantiere: «Sono più di ottocento i sacchi a cui si riferisce il lettore, ma non c’è alcun pericolo, anche se hanno impressa la lettera “R”. Contengono Ballast, si tratta della massicciata che si trova sotto la ferrovia».

Infatti, il tratto ferroviario tra Cislago e Mozzate è stato deviato per permettere la costruzione del grande sottopasso: «Le macerie le abbiamo dovute raccogliere e vengono trattate come rifiuti speciali – prosegue Venturini -. Non si tratta quindi di materiale di riempimento in arrivo, ma di materiale in partenza. Entro i primi giorni di settimana prossima sarà portato in discariche speciali».

I lavori intanto procedono al cantiere per la realizzazione della galleria che passerà sia sotto la ferrovia, sia sotto l’attuale Varesina

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Centinaia di sacchi bianchi lungo la ferrovia 4 di 17

Video

Rifiuti speciali lungo la ferrovia? “Verranno smaltiti” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.