Halloween con miss Sophie Champagne, maestra del burlesque

Un cocktail party burlesque per celebrare Halloween: è questo il programma del 31 ottobre al Palace, con la performer internazionale. A lei abbiamo chiesto cosa vuol dire "fare il burlesque"

Un cocktail party per celebrare Halloween all’insegna della seduzione e del divertimento. E’ questo il programma per il 31 ottobre al Palace Grand Hotel che ospita il Burlesque Show di Miss Sophie Champagne, modella, pin up e frizzante performer internazionale che per la notte di Halloween si trasforma in una cattiva ma seducente strega. «Sarà uno spettacolo dove non mancano seduzione e atmosfere vintage, ma sarà comunque a tema halloween – spiega Miss Sophie – In particolare saranno due i numeri in scena ispirati alla serata: una riguarda una strega, la seconda è una fan dance, una danza con i grossi ventagli, a tema gotico. Il terzo numero sarà quello del pavone, che ho portato a boston quest’anno, e a queste uscite si alterneranno le musiche di Miss Boogie Rose, Dj retrô, perfomer che presenterà musica swing, electro swing, jazz».

Galleria fotografica

Il burlesque di Miss Sophie Champagne 4 di 4

Ma come si diventa professioniste del burlesque? «Io sono stata fortunata: mi trovavo nel posto giusto al momento giusto quando è successo tutto. Ho iniziato nel 2009, quando ancora il burlesque non era ancora di moda in Italia e da noi non c’erano ancora molte performer. Una scelta interessante ma non facile, all’inizio: ho comunciato con un corso, poi ho proseguito con i workshop internazionali, poi ho cominciato a girare festival per il mondo e a partecipare a scuole a Londra e a Boston. Infine, ho aperto anche una scuola tutta mia, la Champagne Academy Burlesque».

E prima? «Prima lavoravo in ufficio come consulente di immagine e comunicazione, niente di più diverso da quello che faccio ora. Però va detto che ho studiato danza, anche se amatorialmente, fin da bambina. Quando ho cominciato questa professione, le conoscenze pregresse sono servite molto».

Come nasce il burlesque? «Oggi, quando si parla di burlesque, si parla di uno spogliarello con atmosfere vintage, ma in realtà nasce nell’Inghilterra vittoriana e lo spogliarello inizialmente non era nemmeno previsto. Inizialmente era solo uno spettacolo divertente. Lo spogliarello è stato introdotto solo oltre oceano, negli soettacoli statunitensi, e sembra che sia nato da un errore, da una gonna impigliata che ha fatto rimanere seminuda una ballerina, ma la cui "performance" ha avuto molto successo. Da allora gli spettacoli si conclusero con sempre meno vestiti, tanto che alla fine intervenne la censura. E naquero i copricapezzoli con la nappina: utili a far vedere anche agli ispettori, che stavano a fondo sala, che le parti principali erano coperte».

Ci sono spettacoli più apprezzati di altri? «Il tipo di pubblico cambia radicalmente da luogo a luogo: in Italia vengono apprezzati di più numeri classici. Qui i ventagli di piume vanno ancora, mentre in altri posti vengono considerati piu vecchi e si preferisce la sperimentazione. In germania, per esempio, piacciono gli inserimenti di giocoleria e circo, come gli spettacoli con il fuoco».

Il burlesque è cosa per tutti o per pochi? «Chiunque può fare burlesque: basta che abbia passione, ironia e attenzione ai dettagli. Si può arrivare da esperienze di danza o di teatro, o cominciare per passione propria. Il burlesque è per tutte, lo spirito burlesque è dentro a ogni donna,. Far bene una professione però è molto diverso. Insegnando loro queste tecniche, anche le mie alunne si rendono conto che esibirsi non è facile. Calcare il palcoscenico, andare su palco, spogliarsi con naturalezza senza essere volgare non è cosa che si improvvisa, ne cosa da tutti".

Per quale motivi ci si avvicina al burlesque? «Le motivazioni sono varie: alcune si avvicinano al burlesque perché vogliono ritrovare femminilità o sicurezza in sè stesse, altre sanno invece di essere già portate e vogliono migliorarsi. Il burlesque ha una grande capacità di tirare fuori parti di sè che non si conoscevano. Tant’è che se qualche appassionata ha una storia in crisi, il burlesque sicuramente la risolve, nel bene o nel male: o finisce o riprende su altre basi. Ha la capacità di tirare fuori la propria consapevolezza» 

Come si conciliano, infine, Halloween e seduzione? È difficile? «Non lo è affatto: è divertente mescolare la festa pagana con le streghe che danzano nei boschi, i riti dionisiaci, le donne che prendono il potere per una notte» 

La serata che vedrà Sophie Champagne a Varese, su prenotazione, si terrà al Palace giovedì 31 ottobre. Informazioni e prenotazioni sulla pagina del Palace su Facebook, oppure al sito http://www.palacento.com/

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il burlesque di Miss Sophie Champagne 4 di 4

Galleria fotografica

Il burlesque di Miss Sophie Champagne 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.