Scatti per imparare: la mostra contro gli incidenti sul lavoro

Verrà inaugurata sabato 19 ottobre alle 16 la mostra fotografica contro il dramma degli incidenti sul lavoro firmata da Riccardo Venturi

Verrà inaugurata sabato 19 ottobre alle 16 la mostra fotografica contro il dramma degli incidenti sul lavoro. Si chiama "No!" ed è organizzata in collaborazione con Anmil e Inail, le fotografie, firmate dal reporter Riccardo Venturi, documentano uno spaccato di realtà sul quale è necessario riflettere, affinché aumenti l’impegno di tutti per ridurre il numero degli incidenti sul lavoro e migliorare la tutela delle vittime di infortuni. 
Coinvolgendo studenti, giovani, lavoratori e famiglie, la Mostra intende far comprendere i rischi del lavoro e far conoscere il dramma del dopo-infortunio con le difficoltà economiche e di reinserimento familiare, sociale e lavorativo ad esso collegato.
La mostra è stata allestita negli spazi del porticato del comune di Varese in via Sacco. L’esposizione sarà aperta al pubblico fino alle 12 del 25 ottobre. Ingresso gratuito tutti i giorni dalle 9.30 alle 16.30.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.