Bollino nero per la fiera della calzatura e della pelletteria Made in Italy

Calo di presenza sia dei visitatori che dei buyer internazionali. A pesare la crisi russo ucraina

Bilancio a luci e ombre quello di theMicam e di Mipel, l’esposizioni dei pellettieri e della calzatura Made in Italy che si sono appena concluse alla fiera di Milano. Il calo dei visitatori è stato rispettivamente dell’11,5% per the Micam e del 13% per il Mipel. I visitatori sono stati 34.176 contro i 38.621 di settembre 2013. Anche molti buyer hanno disertato, -16,8%. Le tensioni con la Russia e le ripercussioni a Est, per gli organizzatori, hanno segnato negativamente le presenze. Cleto Sagripanti dice che la fiera “sta cercando il posizionamento per l’edizione del secondo semestre del prossimo anno, che potrebbe avere un piccolo aggiustamento alla luce dei tanti suggerimenti e pareri ascoltati in questi giorni”. “È inaccettabile – conclude Sagripanti – che non si sia presentato in fiera nessun rappresentante del Governo, nonostante gli inviti e i solleciti da parte nostra”. La prossima edizione è fissata per il 15 al 18 febbraio 2015

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.