Primo giorno di scuola, 17 mila sui banchi

Quasi 9 mila alle superiori e 8 mila tra elementari e medie. Il sindaco in visita alle elementari Bossi e alle medie Manzoni mentre l'assessore alla scuola ha inaugurato l'anno alle De Amicis

Hanno riaperto in questi giorni le scuole della Città: al primo appello hanno risposto 3.900 bambini delle primarie e 2.468 ragazzi delle medie, oltre a 2.257 bimbi delle scuole dell’infanzia e a 8.816 studenti delle superiori.  Da sottolineare che sono parecchi gli studenti provenienti da altri comuni: alle superiori per l’ampio bacino di utenza delle scuole cittadine, mentre per quanto riguarda elementari e medie i ragazzi che vengono da fuori città si rivolgono soprattutto alle scuole paritarie.

Per la scuola dell’infanzia si conferma la frequenza di pressochè tutti i bambini dai 3 ai 6 anni.
Oggi il sindaco Farioli ha augurato buon anno scolastico ai ragazzi delle medie Bossi e ai bambini delle elementari Manzoni (foto a sin.), mentre l’assessore all’Educazione Claudio Fantinati ha accolto gli studenti dell’Istituto Comprensivo De Amicis.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 15 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.