Un Santuario fatto di Lego a Expo

Una riproduzione fatta con i mattoncini Lego della facciata del Santuario di Saronno sarà esposta nel Padiglione Expo dell'Uruguay

Una riproduzione fatta con i mattoncini Lego della facciata del Santuario di Saronno sarà esposta nel Padiglione Expo dell’Uruguay. Lo ha annunciato il presidente del consiglio comunale, Augusto Airoldi, anche consigliere comunale delegato a Expo, che sta seguendo da vicino il “gemellaggio” tra Saronno e Uruguay, nato all’interno del progetto del 141expo creato da Varesenews. Progetto che prevede come ogni comune della provincia di Varese sia gemellato con uno stato che partecipa a Expo e per cui è nato anche un sito dedicato.

«Il gemellaggio con l’Uruguay sta andando molto bene – commenta Airoldi -. È stata una scelta felice, abbiamo già realizzato una mostra di art contemporanea che ha riscosso un buon successo. Inoltre stiamo collaborando con il rappresentante della camera di commercio uruguaiana e stiamo organizzando con loro delle iniziative che si svolgeranno nel padiglione di Expo dell’Uruguay. Probabilmente riusciremo ad esporre anche una realizzazione di mattoncini Lego della facciata del Santuario».

Manuel Sgarella
manuel.sgarella@varesenews.it

 

Raccontiamo storie. Lo facciamo con passione, ascoltando le persone e le loro necessità. Cerchiamo sempre un confronto per poter crescere. Per farlo insieme a noi, abbonati a VareseNews. 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Aprile 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da simone_renoldi

    Fino a settimana scorsa non c’era ancora nulla e nessuno all’interno del padiglione sapeva del gemellaggio e della copia della facciata del Santuario

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.