Bello fino al 20, ma fra tre giorni torna l’afa

Continua a persistere l’anticiclone che assicurerà tempo stabile salvo qualche temporale. Temperature in rialzo da metà settimana

caldo

Per fortuna l’estate non è finita, e per questo non ci dovremo lamentare se tornerà il caldo, quello forte, l’ondata di calore. Perché è questo che dobbiamo aspettarci nella settimana che sta per affacciarsi.

LA SITUAZIONE – Quella che è praticamente la seconda decade di luglio segnerà il “dominio anticiclonico sul Mediterraneo e su tutta Italia almeno fino al 20 luglio”, come si legge nel sito del Centro Geofisico Prealpino di Varese. “Ma da martedì le temperature torneranno ad aumentare con probabile ondata di calore nella seconda parte della settimana”, avvertono gli esperti.

LE PREVISIONI – Dunque oltre a qualche probabile temporale ma sulla Valtellina per la sera di domenica, le previsioni per lunedì 13 luglio parlano di clima “ben soleggiato su Piemonte e Lombardia occidentale ma più variabile all’Est con nuvolosità irregolare e qualche rovescio isolato o breve temporale lungo le Orobie. Caldo più gradevole e temporaneamente meno afoso”. Martedì “ben soleggiato. Poche nuvole di bel tempo sui monti nel pomeriggio. Asciutto. Lieve rialzo delle temperature”. Attenzione all’afa per mercoledì e soprattutto giovedì: “Mercoledì 15 e giovedì 16 luglio: ancora soleggiato e caldo. Qualche banco nuvoloso al mattino e annuvolamenti cumuliformi pomeridiani sui monti. Probabilmente asciutto. Graduale aumento delle temperature e dell’afa”.

GIUGNO QUASI DA RECORD – Non tardano a venir aggiornate le serie statistiche riguardanti i dati raccolti dal Centro, che costituiscono una seria indagine scientifica di quanto sta accadendo. “Il mese di giugno quest’anno a Varese, con temperatura media di 22.8°C è stato il quarto più caldo da quando sono iniziate le misure nel 1967recita il report pubblicato sul sito – . Il record del caldo risale al giugno 2003 che raggiunse i 26.3°C di media e più caldi di quest’anno furono anche il 2006 (23.4°C) e il 2012 (23°C).
Le temperature più alte, rispetto alla media, si sono registrate nella prima decade che con 25.0°C è stata la più calda registrata dall’inizio della serie meteorologica nel 1967, e risulta quasi 6°C più alta della norma del periodo (19.2°C)”.

LE CAUSE DEL CALDO – “Le alte temperature si devono ad un anticiclone esteso dal Marocco all’Europa centrale a partire dal giorno 3 e fino al giorno 12 giugno. Tuttavia già dal giorno 7 l’alta pressione si indebolisce lungo le Alpi che restano interessate da una perturbazione pressoché stazionaria tra Austria, Svizzera e Francia che mantiene instabilità atmosferica. Temporali si sono verificati il 7 su Lario e Canton Ticino, il giorno 8 anche sul Varesotto (forte a Luino) e il tempo è stato variabile con sole e qualche rovescio isolato fino al giorno 11” è la spiegazione dell’Osservatorio.

Andrea Camurani
andrea.camurani@varesenews.it

Un giornale è come un amico, non sempre sei tu a sceglierlo ma una volta che c’è ti sarà fedele. Ogni giorno leali verso le idee di tutti, sostenete il nostro lavoro.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Luglio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.