Tre anni di bullismo sulla figlia, madre va a processo per insulti ad una bulla

La storia di una madre la cui figlia è stata a lungo vittima di bullismo. Poi per un suo commento su Facebook è scattata la denuncia a suo carico per ingiurie

bullismo ragazze

Tre anni di insulti, provocazioni, bullismo. Poi la fine di un incubo e l’inizio di un’altra  odissea. E la storia di una famiglia di Varese, con origini nel Sud Italia. Per motivi di salute della madre, una delle figlie è stata mandata alla Scuola Bosina a frequentare le medie: orari flessibili e la possibilità di frequentare fino al tardo pomeriggio alla base della scelta, della quale però la famiglia in questione si è pentita presto.

La ragazza, allora di 11 anni, ha cominciato ad essere oggetto di scherzi pesanti, insulti, soprusi. Un po’ per il suo aspetto fisico e un po’ per le sue origini meridionali è stata presa di mira per tre anni, costretta ad isolarsi per non dover subire continue angherie. Finita la scuola, le sue compagne di classe non hanno però smesso di accanirsi: messaggi su Facebook e sui vari social network sono proseguiti, finchè la mamma della ragazzina, oggi quindicenne, ha sbroccato, rispondendo alla mamma di una delle aguzzine della figlia, intimandole di smetterla e lasciandosi andare a commenti non proprio ortodossi, tra i quali un “che razza di madre hai, ti servivano più botte”.

E da qui il paradosso. Se infatti gli appelli alla preside e anche ai carabinieri della madre della ragazzina insultata non hanno mai sortito effetti (non è mai stata sporta denuncia e la dirigente scolastica non è mai intervenuta in maniera concreta), lei stessa si è vista recapitare la notifica di un avvio di procedimento penale per ingiurie. Infatti i genitori della ex compagna di classe alla quale la signora ha risposto si sono offesi e hanno querelato per quel commento su Facebook. Ci sarà un processo, ma la signora, insegnante di scuola elementare, non ci sta e vuole la sua giustizia. Si è rivolta ad un’avvocato di Varese e ad un’associazione che si occupa di cyberbullismo, la ACBS, che la sta aiutando. Lei lancia il suo appello, per evitare ad altre mamme e papà di passare quello che ha passato lei con la sua famiglia.

Tommaso Guidotti
tommaso.guidotti@varesenews.it

A VareseNews ci sono nato. Ho visto crescere il giornale e la sua comunità, sperimentando ogni giorno cose nuove. I lettori sono la nostra linfa vitale, indispensabili per migliorare sempre.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Luglio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.