Legnano città del Bed and Breakfast, 6 nel 2015

La presenza dell'ospedale, il minor costo e la vicinanza con Milano rendono la città appetibile per questo tipo di business. Dal 2010 ad oggi ne sono nati 15

villa adriana bed and breakfast

Nei primi nove mesi del 2015, a Legnano sono stati aperti sei nuovi Bed & Breakfast. Il primo ad aprire i battenti risale al 2010, nel 2011 ne sono stati aperti altri quattro, così come dal 2012 al 2014. E poi il boom del 2015 che ha portato questa tipologia di struttura ricettiva non professionale a quota 15. (foto di repertorio)

«Ne troviamo un po’ in tutte le zone della città – racconta Teresa Baldacci, responsabile dello Sportello Unico per le Imprese (SUI) che segue passo passo l’iter relativo alle attività economiche cittadine -; per tanto non possiamo affermare che ci sia una zona più appetibile di un’altra. Di certo è che ogni B&B, come da tradizione, anche a Legnano rispecchia la mentalità e la fantasia del proprietario».

Ad agevolare queste tipologie ricettive ci ha pensato la Regione Lombardia che, nell’ottica di incentivare il “Servizio di ospitalità turistica” non alberghiera, ha decisamente semplificato la normativa in merito: «È vero che la legge, oggi, è molto più agile per aprire un’attività di questo tipo – spiega la responsabile SUI – perché per iniziare è necessario solamente comunicare, attraverso dei moduli appositi corredati dagli allegati richiesti, l’inizio dell’attività.

Ma è altrettanto vero che le dichiarazioni devono essere precise, complete e meticolose perché altrimenti si rischiano sanzioni sia amministrative sia penali. Ed è qui che entra in gioco lo Sportello Unico per le Imprese del Comune: un ufficio che accompagna gli imprenditori dalle iniziali informazioni alla verifica finale della documentazione così da non tralasciare nulla, di modo che l’inizio e l’esercizio dell’attività possano essere senza problemi».

Inoltrata la certificazione di inizio attività, è compito dello SUI verificare, anche tramite sopralluogo, che tutte le informazioni contenute nella pratica siano coerenti e veritiere: «A Legnano, fino ad oggi, non è mai capitato che per questa tipologia di attività qualcuno rilasciasse dichiarazioni mendaci» assicura Baldacci.

L’età media di chi decide di intraprendere questa esperienza è di 30 anni; deve essere residente nell’abitazione messa in parte a disposizione del B&B (una condizione essenziale prevista dalla normativa per avere l’etichetta di Bed & Breakfast) e deve rispettare alcuni standard imprescindibili, come la presenza di servizi igienici per gli ospiti, se c’è più di una camera dedicata all’attività, un’area dove servire e consumare la colazione e la possibilità di accedere alla propria camera da letto senza attraversare la camera da letto degli altri ospiti e quella della famiglia (come, ad esempio, succedeva nelle vecchie case di corte).

Legnano si dimostra, dunque, una città con spiccate doti ricettive. Ma quali sono i motivi per cui stanno aprendo tanti B&B? «I prezzi in primo luogo – risponde la responsabile dello Sportello -, ma soprattutto la familiarità dell’offerta ricettiva molto meno impersonale rispetto, ad esempio, a quella di hotel o alberghi tradizionali.

Inoltre, non dimentichiamoci che a Legnano l’Ospedale Civile è un punto di attrazione importante, anche da altre Regioni, per alcune sue specifiche eccellenze; le tante scuole presenti sul territorio, per le supplenze o sostituzioni dei docenti; i tecnici e gli operai che si recano nei nostri territori per lavoro e le Fiere di settore che a Milano e Busto Arsizio si tengono costantemente tutto l’anno».

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Settembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.