Ligornetto, caos annunciato nel primo giorno di stop alle auto

Lunedì 26, primo giorno di chiusura durante le ore di punta del quartiere di Mendrisio che confina con la dogana di Clivio, tutto è andato come si prevedeva: un caos

coda Gaggiolo, traffico

Nel primo giorno di chiusura durante le ore di punta del centro di Ligornetto, quartiere di Mendrisio che confina con la dogana di Clivio, tutto è andato come si prevedeva: un vero e proprio caos del traffico.

La mattina di lunedì 26, dalle 5 alle 8 e la sera dalle 16.30 alle 18.30 la fila è stata lunghissima e i disagi per i frontalieri enormi: «Dalla parte italiana la situazione era più o meno sotto controllo – spiega il sindaco di Clivio Ida Petrillo – il problema è nato subito dopo aver superato il confine: la coda negli orari di chiusura cominciava alla dogana di San Pietro e si concludeva al semaforo della superstrada».

A pagarne maggiormente le spese il vicino comune di Stabio, di cui San Pietro è frazione, e che ha un’altra dogana sulla quale molti si sono riversati, quella di Gaggiolo.

«Quello che ci aspettavamo è successo. Lunedì mattina la situazione viaria era letteralmente un caos. E paradossalmente il tutto potrebbe anche peggiorare: questa settimana le scuole infatti sono chiuse», ha dichiarato al Corriere del Ticino il sindaco di Stabio Claudio Cavadini.

La testata ticinese segnala inoltre i disagi degli abitanti di Ligornetto, che per manifestare il loro disappunto hanno già raccolto e consegnato in municipio a Mendrisio oltre 450 firme.

Spiega ancora il Corriere del Ticino:

A non piacere ai promotori dell’iniziativa non è la chiusura del centro di Ligornetto, bensì il modo in cui sono stati classificati i suoi abitanti, divisi in due categorie a dipendenza del loro indirizzo. Chi abita nel nucleo, la zona cosiddetta rossa, ha il diritto di transito nel nucleo anche nelle ore di chiusura al traffico, chi abita all’esterno di questo perimetro, nella zona blu, invece non può transitare.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 27 ottobre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore