Primarie, militanti di Sel contestano la rottura

Travaglio a sinistra, e dentro il partito di Vendola nasce una contestazione alla linea di Cordì

Vendola a Varese incontra la Cgil (inserita in galleria)

Sel ha deciso di abbandonare il tavolo della coalizione per le primarie del centrosinistra, in disaccordo con il Pd. Ma alcuni militanti contestano la linea espressa dal coordinatore provinciale Claudio Mezzanzanica e dal consigliere comunale di Varese Rocco Cordì.

(Foto, un incontro a Varese di Sel)

L’ex coordinatore cittadino di Varese, Sonia Brunelli, ha pubblicamente scritto, ieri, che Sel ha sbagliato e che alcuni militanti parteciperanno comunque alle primarie. La stessa Brunelli ha dato il suo sostegno a Davide Galimberti. Ecco un estratto del suo comunicato.

—-

“Rottura sulle primarie, Sel abbandona”. Questo è il titolo che non avrei mai voluto leggere.   Sono mesi che mentre qualcuno lavora CONTRO le primarie altri lavorano PER le primarie, prendendo contatti, parlando con il mondo del centro sinistra, schierandosi con uno o l’altro candidato, per inciso i candidati che sono scesi in campo sono tutte persone perbene, che meritano stima e rispetto; nomi nuovi e capaci.

La rabbia di queste ore è tanta, ma i tempi stretti non permettono di metabolizzare gli avvenimenti. Sel ieri sera, per SUA responsabilità, ha fatto la scelta scellerata ed incomprensibile di lasciare la coalizione. Chi ha deciso, chi era lì in viale Milano, non mi rappresenta e non rappresenta l’elettorato. Chi ha rotto con il centro sinistra sta guidando Sel verso il suicidio politico. Ho ricevuto parecchie telefonate e contatti in queste ore da parte di chi non capisce e mi chiede cosa sia successo, non lo so cosa è successo ieri ma vedo attualmente poche possibilità.

Prendo le distanze dalle posizioni prese ieri da chi era al tavolo del centro sinistra per Sel , non condivido le scelte, il metodo e quello uscito sulla stampa. Il tutto è ancora troppo caldo per poter valutare lo scenario dei prossimi mesi ma spero che siano in tanti quelli che non si arrenderanno, che continueranno a sostenere le primarie, indipendentemente dal candidato scelto da ognuno di noi, uniti le elezioni si possono vincere anche a Varese.

Ci sarà una coalizione senza Sel ma con molti di Sel persone singole che daranno il loro contributo con l’impegno e la passione di chi vuole far parte di un percorso mettendosi al servizio di un progetto e per quanto riguarda me il progetto è che Davide Galimberti Vinca per Varese.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lenny54

    Invece di fare gli interessi di un centrosinistra, in SEL saltano fuori i personalismi e non da ultimo il virus che a volte infetta il PD (quello di farsi del male da soli)….

Segnala Errore