Nasce la super-polizia locale: “120 agenti pronti per le emergenze”

Firmato l'accordo tra le polizie locali delle tre città in modo da creare un unico corpo in grado di intervenire in caso di emergenza. Primo banco di prova: il parco Altomilanese

Il gregge abusivo nel parco altomilanese

120 agenti pronti a collaborare in caso di emergenze o grandi eventi. E’ questa la conseguenza più concreta dell’accordo che Busto Arsizio, Castellanza e Legnano hanno sottoscritto giovedì 12 novembre e che porta ad una maggiore collaborazione tra le proprie Polizie Locali.

«Abbiamo creato una cabina di regia unica -spiega il comandante degli agenti bustocchi, Claudio Vegetti- in modo da unire uomini, forze e coordinare i controlli». L’accordo non è una fusione delle tre polizie locali ma «uno strumento che ci permetterà di collaborare in caso di emergenze e che ci permetterà di affrontare al meglio i controlli nel parco AltoMilanese».

E’ stato infatti il parco che insiste sui tre comuni a spingere i comandi a lavorare maggiormente insieme. «Fino ad oggi gli agenti nei loro interventi dovevano stare attenti a non oltrepassare il confine del proprio territorio -ricorda Ferruccio Ferro, assessore alla sicurezza di Castellanza- mentre oggi si potrà intervenire in maniera più sinergica all’interno di tutto il parco». Un accordo che «supera quei rigidi paletti burocratici e che ci permetterà di agire con un maggiore coordinamento, offrendo maggiori servizi ai cittadini».

Ma l’intesa, oltre all’intervento sul polmone verde, permetterà agli agenti di intervenire in uno dei tre comuni in caso di emergenze. Per quei casi è stato previsto un protocollo che renderà più facile il coordinamento degli agenti che quindi potranno arrivare a formare un unico corpo con 120 persone.

polizia locale

«Siamo in un tempo in cui nessuno da solo riesce a fare nulla -ricorda Claudio Fantinati, assessore alla Polizia Locale di Busto- e per questo mai come ora è necessario unirsi per far fronte alle esigenze di un corpo che ha compiti profondamente diversi da quelli dei vecchi vigili». E questo accordo, che si candida a diventare un modello regionale, potrebbe fare da apripista.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 12 novembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore